1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Emiliano73

    Emiliano73 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno ho ristrutturato l'appartamento con la dia regolarmente chiusa e accatastamento.
    La dia presenta il timbro del comune e poi nei fogli successivi c'è il riferimento al numero di protocollo.
    Devo venderlo ma il notaio dell'acquirente dice che la dia non è valida perchè non c'è il timbro del comune su tutti i fogli!!!

    Che ne pensate?
    Grazie
     
  2. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    In mancanza di risposte autorevoli ti dico la mia: io chiederei al comune che ha timbrato e protocollato la DIA. Magari ti dà copia del documento completo o ti certifica la regolarità.
     
  3. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    MA COSA SIGNIFICA NN C'E' IL TIMBRO SU TUTTI I FOGLI?
    La Dia viene timbrata e protocollata sul frontespizio dell'elaborato grafico (che andrà esposto in cantiere) e sul frontespizio della relazione tecnica. In più, si avrà la ricevuta della reversale pagata. Poi c'è la ricevuta del catasto.
    E questo è quanto.

    Nn capisco il notaio cosa chieda...
     
    A Much More piace questo elemento.
  4. Much More

    Much More Membro Attivo

    Privato Cittadino

    Confermo: il notaio forse è incompetente.
     
  5. emmebici180

    emmebici180 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    mi pare di capire che la cosa succede a Roma:

    se al Comune di Roma c'è l'archivio edilizio on-line, il notaio può verificare da solo la sussitenza della Dia, semplicemente connettendosi al web...se poi invece vuole essere sicuro che la dia cartacea in mano al comune sia in tutto e per tutto simile a quella che gli hai fatto vedere tu, ha solo che da andare in Comune a visionare la pratica: se tu avessi intenzioni truffaldine, nulla ti vieterebbe di falsificare su tutti i fogli del tuo cartaceo i timbri comunali...quindi non gli resta che la pratica conservata in Comune (e di certo non te la prestano per portarla in visione al notaio: in Comune ci va lui a vedersela...e non a tue spese...).
     
  6. Emiliano73

    Emiliano73 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie a tutti per le risposte. Beh alla fine il notaio ha misteriosamente telefonato dicendoci che avrebbe rogitato tranquillamente con la promessa di produrre l'ultimo foglio della chiusura lavori timbrato e protocollato dal Comune come il primo.
    Proprio non so.
    Però è disarmante il fatto che un notaio non sia mai "allineato" con un altro e che soprattutto non accettino mai di poter avere dei limiti "tecnici" e di doversi "abbassare" ad avere consigli da un geometra del quale come nel mio caso è stato messo in dubbio l'operato.
     
  7. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Mi associo: ma non disarmiamo. Don Chisciotte anche dopo la battaglia contro i mulini a vento non ha perso la sua fierezza: basta assorbire un pò della concretezza di Sancho Panza e magari pretendere da quelli che credono di essere nati "imparati" di fare le loro richieste con motivazione scritta, timbrata, autografata con penna stilografica di lusso ecc come usano fare i lor signori, e restituire poi la risposta del commesso comunale (se di Roma va benissimo anche verbale, purchè nella lingua del Belli)...:^^:
     
    A Emiliano73 piace questo elemento.
  8. anto comma

    anto comma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Io invece ho un altro quesito sullo stesso tema: Dichiarazione chiusura dei lavori.
    Sto per comprare una casa. Oggi è andato l'architetto chiamato dalla banca cui ho chiesto il mutuo a fare la perizia. Mi ha richiamato dicendomi che è tutto a posto, ma che le serve avere la Comunicazione di fine lavori relativa ad una DIA che nel 1997 è stata presentata per ristrutturare l'appartamento che io devo comprare.
    Mi spiego meglio. Nel '97 la proprietaria ha ristrutturato casa presentando regolare DIA al comune di roma con tanto di protocollo. Dopo di ciò, due mesi fa hanno fatto denuncia di variazione al catasto per ristrutturazione, ma non sono in possesso della dichiarazione di fine lavori. L'architetto inviato dalla banca dice che è necessario. Domani il proprietario cercherà meglio tra le carte o chiederà al geometra che l'ha riaccatastata l'ultima volta... ma cosa potrebbe succedere. se non fu presentata quel documento non è stato presentato allora? Io da acquirente cosa devo fare?
     
  9. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    fino al TU del 2001 la manutenzione straordinaria non prevedeva obbligo di chiusura lavori.
    ciao
     
  10. anto comma

    anto comma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    mi scusi, manutenzione straordinaria cosa prevede? Quello che è stato fatto e dichiarato nella DIA del 1997 è "ristrutturazione e ridistribuzione degli ambienti interni"
     
  11. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    che rientra appunto, nella manutenzione straordinaria.

    la lg 662/1996 prevedeva l'obbligo di comunicare al comune la fine lavori e il progettista doveva emettere un certificato di collaudo finale attestante la conformità dell'opera al progetto presentato.
    Tuttavia non era specificato che la mancata comunicazione di fine lavori portasse alla invalidazione della DIA nè venivano prescritti termini entro i quali detta documentazione andava prodotta.


    La manutenzione straordinaria secondo il TU dpr 380/2001
    1. rifacimento o sostituzione di infissi esterni con caratteristiche diverse dalle precedenti;
    2. opere accessorie in edifici esistenti che comunque non comportino aumenti di volume e di superfici utili (quali ad esempio: centrali termiche, impianti di ascensori , scale di sicurezza, intercapedini, canne fumarie esterne, recinzioni, sistemazioni esterne, ecc.);
    3. demolizione e ricostruzione, spostamento o costruzione di tramezzi interni anche per creazione di servizi (come realizzazione ed integrazione di bagni, cucine, ecc.);
    4. rivestimenti e coloriture di prospetti esterni con modifiche ai preesistenti aggetti, ornamenti, materiali e colori;
    5. interventi su edifici esistenti inerenti a nuovi impianti, lavori, opere, installazioni relative alle energie rinnovabili ed alla conservazione ed al risparmio dell'energia
    6. rifacimento di vespai, sostituzione di solai, costruzione di recinzioni.
     
  12. anto comma

    anto comma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie. Mi ha aiutata a capire ciò che per me è lontano anni luce. Buona giornata
     
  13. Susanna Albertini

    Susanna Albertini Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Scusate se non capisco, ma questo significa che si potrebbe richiedere la fine lavori OGGI? Ovviamente dichiarando che i lavori si sono conclusi all'epoca.
    grazie!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina