Fondei

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti ,
Franco vende casa , Carlo gli fa una buona proposta a patto che accetti una parte in contanti chiaramente in nero.
Esempio :
Prezzo pattuito 240 di cui 80 in contanti al rogito siglato per 160 dichiarati.
Franco chiaramente non potrà firmare un preliminare per 160 perché se Carlo al rogito non si presentasse con i contanti, Franco resterebbe incastrato e sarebbe costretto a svendere la casa o perlomeno non siglare il rogito con la conseguenza di essere insolvente.
Come fa Franco a tutelarsi?
Grazie
 

Zagonara Emanuele

Membro Senior
Agente Immobiliare
Se stiamo parlando di una vendita tra privati direi che Franco e Carlo devono farsi vedere da uno bravo !

Probabilmente Carlo ha le sue "buone ragioni" (magari ha dei contanti accumulati da smaltire) per voler pagare una somma in contanti, ma se al rogito non si presenta coi contanti per Franco non fa alcuna differenza poichè non paga imposte (a mano che non stia vendendo prima dei 5 anni dal suo acquisto e non ci sia anche una plusvalenza), ma come hai scritto è Carlo (l'acquirente) a voler pagare parte della somma con contanti e non è il venditore a porre questa condizione.
Perciò Franco non resta incastrato da nessuna parte e non deve svendere un bel nulla , così come non rischia di divenire "insolvente" (semmai. ma neppure questo, inadempiente)

Anche a Carlo, che è l'acquirente, ai fini del pagamento delle imposte non cambia nulla, poichè pagherà in base al "prezzo valore" (l'importo derivante dal calcolo che utilizza la rendita catastale) e non in base all'effettivo prezzo a cui l'immobile viene acquistato.

Perciò, evidentemente, solo lui ha l'interesse a pagare una somma in nero (lo stesso interesse non ce l'ha Franco) che evidentemente deve "riciclare" denaro dalla dubbia provenienza.
Ha perciò tutto l'interesse a rispettare la condizione da lui stesso posta e qualora non lo facesse, a Franco (il venditore) non cambia nulla.

Perciò, o si chiariscono le idee prima di siglare un qualunque accordo (magari consultandosi con qualcuno dotato di un'intelligenza minima, cosa che a quanto pare manca a Carlo -ma a questo punto viene da chiedersi come abbia fatto ad accumulare "onestamente" € 80.000,00-), o fanno una compravendita "regolare" (senza pagamenti in nero) o come scritto sopra, si fanno entrambi vedere da uno bravo, ...... ma bravo veramente !
 
Ultima modifica:

Albano50

Membro Assiduo
Privato Cittadino
Come ha scritto @Zagonara Emanuele per fare un pagamento "regolare" con 80.000 euro in contanti, oggi bisogna trovare un notaio veramente <disponibile> che comunque richiederà all'acquirente una serie di garanzie, atte a rispettare le norme antiriciclaggio ed a verificare anche la provenienza del denaro (se da attività lavorativa, donazioni o altro)..
Non so come l'operazione sia fattibile in quanto negli ultimi anni l’uso del contante è di gran lunga diminuito, soprattutto per l’applicazione della cosiddetta disciplina antiriciclaggio. Si cerca di far circolare quanto meno denaro contante possibile, per evitare appunto la circolazione di quello utilizzato a fini di riciclaggio.
Il limite ai pagamenti in contanti ad oggi è ancora di 2000 euro, dal prossimo anno dovrebbe passare a 5000 euro ma da 5000 ad 80.000 euro ci vuole uno che ne sappia...
@Fondei vi sono leggende metropolitane di cinesi che comprano con valigette piene di contante. .. chiedi a loro...
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
fare un pagamento "regolare" con 80.000 euro in contanti,
Non è possibile fare un pagamento REGOLARE con 80.000 euro in contanti.
È possibile farlo irregolarmente, ma senza che qui ti si dica come.

È come chiedere ad un chimico come preparare una molotov: anche se lo sa, sa altrettanto bene che non può e non deve dirtelo, tanto più pubblicamente, perché è cosa vietata da fare
 
Ultima modifica:

ingelman

Membro Supporter
Agente Immobiliare
Eroga il 100 milla al venditore o 95.000 , e mi rimangono 5 milla in conto per saldare le spese della banca ?

Ti prego @Fondei dimmi dove sei e mandami una tua foto..
ahahah mi fai morire ........ Comunque non mi fiderei ho visto la foto del profilo FB mentre metteva da parte gli 80K per il saldo prezzo e da quello che ho visto non è un cliente attendibile
 

Allegati

  • FOTO-4-1-780x592.jpg
    FOTO-4-1-780x592.jpg
    70 KB · Visite: 16

Agenzia Castello

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Buongiorno a tutti ,
Franco vende casa , Carlo gli fa una buona proposta a patto che accetti una parte in contanti chiaramente in nero.
Esempio :
Prezzo pattuito 240 di cui 80 in contanti al rogito siglato per 160 dichiarati.
Franco chiaramente non potrà firmare un preliminare per 160 perché se Carlo al rogito non si presentasse con i contanti, Franco resterebbe incastrato e sarebbe costretto a svendere la casa o perlomeno non siglare il rogito con la conseguenza di essere insolvente.
Come fa Franco a tutelarsi?
Grazie
Semplice, Franco vende casa ad un altro.
Carlo invece deve cambiare calendario, quello del 2000 non va più bene, siamo nel 2022.
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Come fa Franco a tutelarsi?
Semplicemente cambiando acquirente se non vuole diventare disonesto come Carlo, oltre a cacciarsi in guai seri data la compravendita tra brocchi.

È come chiedere ad un chimico come preparare una molotov: anche se lo sa, sa altrettanto bene che non può e non deve dirtelo, tanto più pubblicamente, perché è cosa vietata da fare
In realtà non serve un chimico, può farlo chiunque. Più complesso è produrre la polvere da sparo e soprattutto la nitroglicerina.;)
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità
Alto