1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Francesco2491978

    Francesco2491978 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti. A distanza di 11 anni dalla costruzione del condominio in cui e abito e da sempre amministrato dallo stesso amministratore,si scopre che il condominio non ha il CPI ( per l'autorimessa con più di 9 posti auto). Risultano assenti anche : certificazione resistenza al fuoco delle pareti e della soletta,dichiarazione della corretta posa delle porte rei,certificazione del costruttore per l'omologazione delle porte REI.
    L'amministratore può essere ritenuto responsabile per il non aver verificato in tutti questi anni la presenza di tale documentazione ? è possibile rivalersi su di lui in un qualche modo ?
    Grazie
     
  2. Andrea Occhiodoro

    Andrea Occhiodoro Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    Salve Francesco, l'art. 20 del d.lgs 139/2006 prevede sanzioni penali (e quindi a carico del titolare delle attività soggette a CPI) che vanno dall'arresto sino ad un anno all'ammenda da 258 Euro fino a 2582 Euro nel caso venga omessa la richiesta di rilascio CPI. Se ho interpretato bene il tuo caso queste sanzioni non sarebbero state irrogate e comunque ricadrebbero in capo all'amministratore del condominio. Diversa invece è la questione di un'eventuale responsabilità di tipo civile dello stesso amministratore. Sicuramente tra gli adempimenti di sua competenza figura l'attivarsi per l'ottenimento del CPI ma, in mancanza di un danno effettivo e dimostrabile patito dai condòmini (ad esempio la sospensione dell'attività ordinata dal Prefetto), non credo si possa invocare la responsabilità contrattuale dell'amministratore con conseguente richiesta risarcitoria. In ogni caso l'omissione del vostro amministratore è grave ed io tenderei a fare proseliti tra i condòmini per procedere alla sua revoca e sostituzione in assemblea. Potresti in subordine promuovere una revoca giudiziale tentando di convincere il Giudice essersi trattato di "grave irregolarità" ai sensi dell'art. 1129 c.c. , ma gli esiti sarebbero incerti.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  3. Francesco2491978

    Francesco2491978 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta. Considerando che il CPI doveva essere consegnato dal costruttore all'amministratore 11 anni fa,volevo capire se ad oggi possiamo addebitare all'amministratore i costi per l'ottenimento del CPI
     
  4. Andrea Occhiodoro

    Andrea Occhiodoro Membro Ordinario

    Amministratore di Condominio
    Assolutamente no. L'assemblea di condominio non può farsi giustizia da sé. Oggi i condòmini si dovranno fare carico dei costi per l'ottenimento del CPI. Sicuramente l'amministratore avrebbe dovuto da molto tempo mettere la questione all'ordine del giorno di un'assemblea, ma da qui a ritenerlo responsabile ce ne corre. Resta però il consiglio che ti ho dato nel precedente intervento: sostituite l'amministratore con un altro che vi segua con maggiore attenzione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina