H7-25

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno,

sono in fase di vendita del mio immobile e acquisto di un altro immobile. Nel preliminare di acquisto di quest'ultimo, stipulato ad inizio Marzo, è stata apposta la data di fine Giugno come termine ultimo per il rogito.
Il proprietario dell'immobile che devo acquistare insisteva tanto per far anticipare il rogito, pertanto è stato fissato il rogito di vendita del mio immobile ad inizio Aprile, certo di poter fare poco dopo il rogito di acquisto. Dopo aver fissato la data di rogito per la vendita, la mia banca mi informa che la delibera del mutuo scadrà ad inizio Maggio pertanto chiedo all'agenzia di fissare il rogito per l'acquisto a metà Aprile.
Dopo qualche giorno mi viene detto che il proprietario dell'immobile vuole posticipare a Giugno perché deve finire di vendere i mobili che gli sono rimasti in casa, 2 armadi al prezzo di 6000€ (non 600€ ma 6000€), che probabilmente non venderà neanche per l'anno prossimo.

Avendo un problema piuttosto serio ( la scadenza della delibera) e la necessità di andare in affitto nel periodo a cavallo tra vendita e acquisto , si può forzare la data di rogito a quando decido io, oppure essendo il termine ultimo del rogito fissato consensualmente a fine Giugno, il proprietario ha tutto il diritto di aspettare tale data? Diciamo che lato suo non ci sono particolari problemi se non l'idea di dover occupare l'immobile piuttosto di portare via i mobili.

Informandomi, ho letto che esiste il seguente articolo del codice civile, relativo alla compravendita immobiliare:
Art. 1184. (Termine).
Se per l'adempimento è fissato un termine, questo si presume a favore del debitore, qualora non risulti stabilito a favore del creditore o di entrambi.

Questo articolo si riferisce solo alla decisione della data da apporre in fase di stipula del preliminare, oppure si riferisce anche alla facoltà del debitore di anticipare la data di rogito a quando ritiene più opportuno?

Grazie.
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
si può forzare la data di rogito a quando decido io, oppure essendo il termine ultimo del rogito fissato consensualmente a fine Giugno, il proprietario ha tutto il diritto di aspettare tale data?
No; il venditore ha tutto il diritto di attendere fino a giugno, cioè alla data prevista contrattualmente.
Informandomi, ho letto che esiste il seguente articolo del codice civile, relativo alla compravendita immobiliare:
Non c'entra nulla.
Purtroppo dovevi coordinare meglio le date tu , avendo problemi di delibera mutuo.
 

possessore

Membro Senior
Privato Cittadino
Dopo qualche giorno mi viene detto che il proprietario dell'immobile vuole posticipare a Giugno perché deve finire di vendere i mobili che gli sono rimasti in casa, 2 armadi al prezzo di 6000€ (non 600€ ma 6000€), che probabilmente non venderà neanche per l'anno prossimo.

Molto furbo il proprietario dell'immobile. In pratica ti ha detto che se vuoi casa prima, devi dargli 6000 Euro. Ma non te l'ha detto direttamente, in faccia. Ti ha detto che lui vende i mobili a 6000 Euro. Poi, casualmente, se li compri tu, a 6000 Euro, magicamente la casa si libera.
Sta a te decidere se pagare 6000 Euro per avere casa libera, oppure attendere.
Forse andando in affitto ti costa meno di 6000 Euro.
Vàluta tu con attenzione e chiedi anche ai familiari un consiglio su cosa fare.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto