1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. klingon

    klingon Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Abbiamo venduto con data scadenza per il rogito entro e non oltre il 30 giugno 2011. Avevamo fissato il rogito di vendita per il 15 giugno, d'altra parte avevo fissato il rogito di acquisto
    per il 22 giugno. Con l'impresa ho fissato l'inzio dei lavori di ristrutturazione per il 23 giugno e nel frattempo ho acquistato i materiali, DIA; ect.
    4 giorni prima dal rogito l'acquirente dice che ha problemi con il mutuo e si annulla il rogito. A mia volta devo annullare quello di acquisto, disdire i lavori etc.
    Il nostro acquirente ieri mi ha detto che la banca potrebbe sistemare tutto in 7/10 giorni, ma temiamo che possa solo essere una mossa dilatatoria, infatti anche la caparra confirmatoria
    era stata versata più riprese, nonostante il termine.
    Per questo vorremmo cautelarci rispetto alla data del rogito, fissata per domani 15 giugno e rinviata. Noi non vorremmo concedere proroghe al termine perchè questo ci comporterebbe grossi disagi.
    Cosa devo fare?
    Lui può comunque chiedere proroghe nonostante il nostro rifiuto?
    Ci possiamo opporre?
    Se fossi costetto, dopo il termine, a comprare l'altra casa come seconda, posso chiedere i danni per le maggiori imposte pagate?
     
  2. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Entro e non oltre? mmmmh... non significa molto, purtroppo. Devi mettere in mora la controparte, con una comunicazione (diffida ad adempiere) via AR con termine almeno 15 giorni dopo la ricezione/giacenza, dove indicherai l'ora e la sede per la stipula (sempre tenendo conto dei 15 giorni minimi dalla ricezione). La controparte potrà rispondere presentando opposizione motivata o adempiere o non adempiere e risultare sicuramente inadempiente. Potrai recedere, incassando la caparra e stop o risolvere, chiedendo i danni (ma al caparra dovresti restituirla o trattenerla a garanzia della copertura del danno, se non sbaglio) o chiedendo l'esecuzione in forma specifica (se la controparte è solvibile) ma per i tempi è sconsigliata, nella tua situazione.
     
  3. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Salve, premesso che sulla base del tuo esposto, tutto ciò che viene detto è suscettibile di variazione e comunque solo la lettura di tutte le carte , sottoposte comunque ad un avvocato può dare un indicazione più precisa, ma andiamo per ordine :
    Non avete venduto , avete fatto un preliminare di vendita con promessa a vendere e rogito entro e non oltre il 31/6/2011, giusto ?

    Avete deciso di anticipare la sottoscrizione del rogito notarile al 15 / 6/ 2011 del tuo immobile, giusto ? Qual'è stata la modalità per anticipare la data di rogito... avete sottoscritto un legato al preliminare, lo avete deciso a voce , ecc.ecc. ?

    La data di rogito per l'acquisto ( 22/6/2011 ) è una data indicata in preliminare come termine perentorio oppure e frutto di un'anticipazione ?

    La comunicazione è stata verbale o per iscritto, nel compromesso è stata prevista una condizione risolutiva o sospensiva legata all'ottenimento del mutuo ?

    Potrebbe essere tranquillamente la verità o meno, dipende dal problema riscontrato dalla banca ed è fondamentale saperlo.


    Questo significherebbe non vendere l'immobile
    Legalemente parlando aspettare il termine per il rogito e vedere cosa succede, io ti consiglio di parlare con il compratore prima e capire qual'è il problema in banca, se è risolvibile o meno, sottoscrivere un termine certo per la data di rogito indicandolo come" termine ultimo e perentorio".
    Certo che potrebbe chiedere proproghe , ma se il problema non è risolvibile ( per es. è protestato, per cui la banca non concederà mai il mutuo ) a che serve prorogare un evento fondamentalmente improrogabile di fatto?
    E' a tua personale discrezione e convenienza cercare di risolvere la situazione ma se questa non è risolvibile dovrete trovare una soluzione.

    E' tua facoltà, sarà poi la sede giudiziaria a decidere la fondatezza o meno della tua richiesta.
    Spero di essere stato chiaro. FAbrizio
     
    A ccc1956 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina