1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Asta aggiudicata in attesa di decreto di trasferimento


    La perizia descrive il bene gravato da diritto di abitazione ma senza riduzione di prezzo, esiste un ipoteca della banca precedente.
    Praticamente il diritto è stato impiantato prima del pignoramento ma seccessivamente all'ipoteca, si evince che non è opponibile
    ma non può a mio parere essere liberato de plano.
    Chiaro che in mancanza di intervento il decreto di trasferimento sarà privo della formula esecutiva di rilascio.
    Secondo voi quali sono le mosse da fare ?
    Agire prima del trasferimento o intentare una causa successivamente ?
    Se prima come agireste?

    Grazie a chi potrà consigliarmi:ok:

    In linea
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Se agisci prima del trasferimento aumenti i tempi di causa e sicuramente la sentenza puuò arrivare anche dopo anni...se agisci dopo...beh bisogna vedere cosa dice la sentenza ed agire di conseguenza...altra cosa importante e che nel frattempo non si arrivi al blocco del cc. perchè corri il rischio che lo sblocco bancario può arrivare dopo la sentenza dellipoteca....
     
  3. claudia1979

    claudia1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera, anch'io ho avuto a che fare con un caso simile in studio e la scelta migliore, più veloce e più remunerativa è trattare con chi vanta il diritto di abitazione.
    Provi a mettersi in contatto con la famiglia che attualmente abita in detto immobile, molte volte sono situazioni complesse e poco felici e proponga la vendita immediatamente dopo il decreto di trasferimento.
    In poco tempo avrà ottenuto molto senza troppi problemi.
     
  4. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ho appuntamento oggi!
    Non è che sia tanto fiducioso ma ci provo:fico:

    Aggiunto dopo 32 minuti :

    La mia diffidenza nasce da questo:

    - Se il fallito voleva la casa se la ricomprava all'asta senza attendere che la prendesse un terzo e poi glie la rivendesse

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    Agire prima

    - Pensavo di parlare con il giudice in modo da avere il decreto di trasferimento con la formula esecutiva, so che non è facile
    e richiede tempo ma non anni e in ogni modo anche se la formula non c'e' una diversa descrizione potrebbe aiutarmi

    - Dopo mettendo in conto un opposizione non credo ci vogliano anni, c'è un ipoteca prima della costituzione del diritto di
    abitazione (carta canta)

    2. Diritti reali di godimento quali usufrutto e abitazione: se sono stati trascritti anteriormente al pignoramento sono opponibili alla procedura mentre nel caso opposto immobile deve essere considerato libero (va ricordato però che in forza dell'art.2812 cc in presenza di ipoteca anteriore al pignoramento e anteriore alla trascrizione del diritto reale di godimento quest'ultimo non è opponibile al creditore ipotecario anche se trascritto anteriormente al pignoramento. L’immobile anche in questo caso viene venduto come libero; ma il rilascio del bene non potrà avvenire de plano dovendo custode servirsi delle ordinarie azioni giudiziarie per ottenere un provvedimento di rilascio
     
  5. claudia1979

    claudia1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Dovresti valutare la loro proposta, molte volte è facile farsi prendere dall'euforia ma nella realtà le cose non sono esattamente come vengono descritte in questo forum. Non basta leggere due norme del codice civile per stare tranquilli ci sono un mucchio di sentenze che dicono l'esatto contrario, chi vanta il diritto di abitazione potrebbe far opposizione al decreto di trasferimento ed in questo caso il giudice annulla tutto e si riparte con un prezzo d'asta congruo....
    p.s . se ti offrono una cifra accettabile......pensaci....
     
  6. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Quella dell' opposizione al decreto è una possibilità e l'ho valutata!
    Certo che questa ipotesi non si verifica frequentemente ma è una possibilità.
    Nell' ipotesi in questione la piena proprietà è indiscutibile ma potrebbe prensetarsi più di un imprevisto.
    Credo che agirò su due binari

    - trattativa per la vendita
    - Approfondimento strategia giuridica

    E' sulla seconda questione dove vorrei suggerimenti, come agire?:domanda:
     
  7. claudia1979

    claudia1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Personalmente ho assistito un cliente con le tue stesse problematiche e la controparte poteva evitare di uscire di casa.....la prima strada è la più conveniente.
    Se non vuoi farti sfuggire l'affare ti consiglio vivamente di trattare, un paio d'anni fa un mio cliente voleva perseverare ed non ha ottenuto niente. L'abitazione è stata rimessa all'asta con un nuovo prezzo, più alto e quindi alla fine ha perso l'occasione.
    La giurisprudenza su questo punto è controversa e quindi rischi di andare avanti dieci anni con una causa che non ti porterà a nulla.
    In bocca al lupo per la trattativa.

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    p.s. sono un avv.
     
  8. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ho letto con attenzione ma tutte questi problemi non mi risultano:^^:
     
  9. claudia1979

    claudia1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Fai come vuoi...è solo un suggerimento. Credo che la questione sia più complessa di quanto credi.
    Cordialmente
     
    A marco tartari piace questo elemento.
  10. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Comunque grazie per i consigli:ok:
     
    A claudia1979 piace questo elemento.
  11. claudia1979

    claudia1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Fammi sapere com'è andata la trattativa...magari ti consiglio due dritte...fiscali....ciao
     
  12. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    puoi consigliarle anche a noi? ;)
     
  13. PAPILLON

    PAPILLON Membro Attivo

    Privato Cittadino
    - Se il fallito voleva la casa se la ricomprava all'asta senza attendere che la prendesse un terzo e poi glie la rivendesse


    Il fallito non può partecipare all'asta...
    Non mi risulta che il diritto di abitazione sia negoziabile.
     
  14. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Infatti non può essere venduto ne ipotecato oppure nullo come in questo caso, l'altra possibilità è la rinuncia di tale diritto davanti al notaio dietro compenso
     
  15. PAPILLON

    PAPILLON Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ma anche in questo caso ci sono problemi in caso di minori....nomina tutore....blocco beni fino a maggiore età.

    Il diritto di abitazione consente a nullatenenti di non pagare nemmeno le spese ordinarie e riscaldamento...tanto il diritto non può essere ipotecato e tutto ricade sul nudo proprietario che rimarrà senza mutande......
     
    A claudia1979 piace questo elemento.
  16. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Non spettano al nudo proprietario , comunque è una forma che andrebbe abolita

    Aggiunto dopo 1 :

    per i minori cosa intendi ? La tua affermazione andrebbe bene se li diritto fosse a loro intestato !
     
  17. PAPILLON

    PAPILLON Membro Attivo

    Privato Cittadino
    per i minori cosa intendi ? La tua affermazione andrebbe bene se li diritto fosse a loro intestato !


    Esempio: divorzio con assegnazione alla madre con bimbo di 2 anni, casa all'asta, alla donna rimane il diritto d'uso fino a maggior età del figlio che la legge ipotizza 26 anni (se diventa indipendente, ma in questi casi se ne guardano bene prima di cercarsi un lavoro) e il diritto continua.
    Se la mamma vuol vendere, lede il diritto del figlio di godere della casa, ergo serve un tutore che valuta gli interessi del minore.
     
  18. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Il diritto di abitazione può anche essere costituito tramite rogito, non è per forza da giudice tutelare

    La questione è giunta all'epilogo, la casa a breve si libera!
     
  19. sarashining

    sarashining Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Salve Marco! potresti raccontarmi come è giunta a termine la questione? Io mi ritrovo nella medesima tua precedente situazione. ti ringrazio in anticipo
     
  20. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista

    Prima gli ex proprietari hanno fatto una proposta di acquisto con caparra di 10.000€ e contemporaneamente davanti
    al notaio hanno rinunciato al diritto di abitazione, poi la proposta non è stata onorata e hanno lasciato anche i 10.0000
    continuandoci ad abitare.
    A aprile 2013 l'ufficiale giudiziario mi ha consegnato l'immobile, ci ho fatto qualche lavoretto con le mie forze e l'ho
    messa in vendita.
    A novembre ho concluso con un compratore e sono in attesa del rogito, il guadagno è stato molto buono

    operazione complicata ma redditizia
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina