1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Marisa M

    Marisa M Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    La cancellazione dell'ipoteca su un immobile viene fatta dalla banca direttamente al momento dell'estinzione del mutuo? A me hanno detto che dato che il mio non è un mutuo fondiario (?) deve essere fatta dal notaio per via di una legge in vigore da gennaio 2011. Ma che differenza c'è tra i vari mutui? Io avevo chiesto a suo tempo un mutuo alla banca UCB (ora BNL Paribas) per l'acquisto della prima casa, e non capisco perchè non è un mutuo fondiario. lo scherzetto mi costa 640 € per la cancellazione da parte di un notaio.
     
  2. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Esistono due tipi di mutuo: il fondiario e l'edilizio.
    L'edilizio viene a stato avanzamento lavori e serve per finanziare la costruzione di un edificio.
    Il fondiario è quello destinato all'acquisto di un immobile già costruito.
    Per tutti e due la banca è obbligata a cancellare a proprie spese l'ipoteca entro 30 giorni dall'avvenuto pagamento del mutuo.
    Insisti con la banca.
     
  3. MIAOMIAO

    MIAOMIAO Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Con recente modifica del Testo Unico Bancario soltanto le ipoteche relative a mutui Fondiari potranno essere cancellate ai sensi della Legge 02/04/2007 nr. 40 (Bersani).
    Le ipoteche relative a mutui ipotecari verranno cancellate con stipula atto di assenso a cancellazione ipotecaria con intervento notarile.

    Aggiunto dopo 1 :

    Dal Sole24ore del 2 gennaio 2011

    Il notaio torna a chiudere l'ipoteca

    Da oggi 2 gennaio la cancellazione "semplificata" delle ipoteche (senza atto notarile) è limitata alle ipoteche iscritte a garanzia di mutui "fondiari": è la conseguenza della rivisitazione di questa materia operata prima con il decreto legislativo 141/2010 sul credito al consumo e poi con il decreto correttivo 218/2010.
    La semplificazione della cancellazione delle ipoteche venne introdotta con il Dl 7/2007 il quale ha disposto che l'ipoteca iscritta a garanzia di obbligazioni derivanti da un qualsiasi "contratto di mutuo", che fosse concesso da un soggetto esercente attività bancaria o finanziaria, si estingue automaticamente alla data di estinzione dell'obbligazione garantita. La banca creditrice deve rilasciare al debitore la quietanza attestante la data di estinzione dell'obbligazione e poi trasmettere la relativa comunicazione entro 30 giorni alla conservatoria dei registri immobiliari, la quale provvede alla formale cancellazione dell'ipoteca.
    Ora, con il Dlgs 218/2010 è stata abrogata la normativa del Dl 70/1988; mentre, con il Dlgs 141/10, la cancellazione ipotecaria semplificata è stata inserita nell'articolo 40-bis del Tub, (Dlgs 385/93). Proprio qui sta il problema, in quanto l'articolo 40-bis è collocato nel Titolo II, Capo VI, Sezione I, intitolata «Credito fondiario e alle opere pubbliche» e questa collocazione non può non essere influente sull'interpretazione della norma e del suo perimetro applicativo. Pertanto, per le estinzioni di mutui non fondiari che interverranno dal 2 gennaio 2011 in avanti, le Conservatorie dovranno rifiutare la richiesta di cancellazione che non sia formulata con atto notarile.
    Il 2 gennaio è una data cui si giunge attraverso un tortuoso percorso normativo: il Dlgs 141/210 è entrato in vigore il 3 dicembre 2010 e cioè 90 giorni dopo la pubblicazione nella «Gazzetta Ufficiale» 207 del 4 settembre 2010, come indicato dall'articolo 6, comma 2 poi sostituito dall'articolo 4, comma 2, del Dlgs 218/2010 (secondo il quale «le disposizioni contenute nel titolo II del presente decreto», inclusa quindi la cancellazione ipotecaria semplificata, «entrano in vigore il centoventesimo giorno successivo alla sua pubblicazione» e quindi il 2 gennaio 2011).
    La cancellazione semplificata delle sole ipoteche fondiarie costringe quindi a distinguere i mutui "fondiari" (che comunque dovrebbero essere la maggior parte) dagli altri. Esercizio non facile, anche perché nella prassi spesso ci si imbatte in finanziamenti che si autoproclamano "fondiari" senza averne le caratteristiche. La legge poi è laconica perché (articolo 38, Tub) sancisce che «il credito fondiario ha per oggetto la concessione, da parte di banche, di finanziamenti a medio e lungo termine garantiti da ipoteca di primo grado su immobili». Le istruzioni di vigilanza della Banca d'Italia integrano questo concetto affermando che le banche «possono concedere finanziamenti di credito fondiario per un ammontare massimo pari all'80% del valore dei beni immobili ipotecati o del costo delle opere da eseguire sugli stessi». Limite che può essere elevato fino al 100% in presenza di garanzie integrative offerte dal cliente.
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E gli immobili in questione devono essere "ultimati", per dichiarare un mutuo fondiario..
    Per quelli in costruzione vige il mutuo "edilizio".
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina