1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Maschera

    Maschera Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho fatto una offerta per acquistare una casa costruita nel 1920
    Riscontro i seguenti punti
    1° punto
    al catasto la mappa è conforme con l'attuale planimetria
    Ma risulta una variazione della consistenza da 9 a 16 avvenuta nel 1989 mediante un nuovo accatastamento (con descrizione tipo DIV.DIS....)
    Il proprietario non ha fatto nessuna DIA e dice di non aver fatto alcun lavoro ma semplicemente dice di aver riaccatastato l'immobile in quanto ha verificato che al catasto non esisteva una mappa
    Che cosa devo chiedere ? che rischi corro dal punto di vista urbanistico e catastale

    2° punto
    Nonostante il proprietario abbia sempre detto che non esistevano, abbiamo trovato in catatso una mappa catastale del 39 completamente diversa dalla attuale planimetria
    Il proprietario non è in grado di produrre licenza edilizia o altri documenti
    Che cosa rischio in temini catastali e urbanistici ?
    Che cosa devo chiedere di produrre al venditore ?
    Il notaio ha chiesto una perizia giurata di untecnico che attesti la regolarità urbanistica dell'immobile ma tale dichiarazione mi protegge anche nei confronti del comune e dei terzi

    Grazie
    Glauco
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Incarica un tecnico di effettuare una relazione urbanisitica e catastale sulla casa poi trai le conclusioni.
    La planimetria del 39 rende di fatto ancora l'immobile conforme e il successivo accatastamento dell'89 potrebbe in effetti essere relativo a vecchie opere per cui non era necessario presentare progetti.
    Un tecnico (di tua fiducia), dopo un sopralluogo in casa, in Comune e in Catasto saprà dirti tutto.
     
  3. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    se vuoi regolarizzare il tutto devi per forza fare una comunicazione in sanatoria pagando 258€ ridotte ad un terzo qualora i lavori siano ancora in corso di costruzione.

    cmq se tutte le modifiche sono conformi allo strumento urbanistico ed alle sue prescrizioni non dovrebbero esserci problemi.

    saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina