1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 4773 del 26 Febbraio 2013.

    L'articolo 34 della legge 392/1978 (regolamentazione della locazione di immobili ad uso commerciale) prevede a carico del locatore l'obbligo di versamento di un'indennità di avviamento alla cessazione degli effetti del contratto.
    Tale somma è pari a 18 o 21 mensilità (a seconda che il conduttore abbia esercitato o meno attività turistico-alberghiera) e non va versata soltanto nel caso in cui a recedere per giusto motivo o con congruo preavviso sia lo stesso conduttore. L'ordinamento ha previsto tale cautela proprio per tutelare la posizione del conduttore ed evitare che il locatore, con una semplice disdetta, possa approfittare dell'attività già consolidata dalla controparte contrattuale e goderne i frutti in prima persona senza versare alcun idoneo compenso.

    E' anche vero però che, per avere diritto a tale indennità, l'attività esercitata dal conduttore deve riguardare specificamente i rapporti con il pubblico, poiché il fatto stesso di aver creato una clientela più o meno stabile costituisce senza dubbio fonte di ricchezza. Secondo la Suprema Corte questo fatto deve essere provato dallo stesso conduttore che richieda il pagamento dell'avviamento; in caso contrario, dal locatore non potrà pretendere il versamento di alcuna indennità. Nel caso di specie infatti la Corte ha sottolineato come non sia idoneo a tal fine il solo ipotetico contatto con l'utenza esterna, non essendo sufficiente soltanto l'aver ottenuto idonee autorizzazioni amministrative all'esercizio di una determinata attività commerciale.

    Fonte: (StudioCataldi.it)
     
    A il Custode piace questo elemento.
  2. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Beh ... ci vogliamo meravigliare della cosa... siamo in Italia, ed in Italia vige questo principio " tu devi sempre dimostrare il contrario di quello che normalmente è " ... vedi dover dimostrare che non fatturi la cifra che AdE di affibbia, vedi dover dimostrare di essere innocente , dover dimostrare dopo svariati anni di aver pagato una multa o altro... ed ora devi anche dimostrare di avere contatto con il pubblico perchè non basta la licenza dell'attività che svolgi... d'altronde, scusa, se uno ha un ristorante mica è detto che ce l'abbia per lavorare e ricevere pubblico... può anche esaudire la richiesta della proloco di creare un pò di colore locale. :sorrisone:
     
    A Limpida e enrikon piace questo messaggio.
  3. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Secondo me questa sentenza vale per tutte quelle attività che si trovano un po' nel limbo.... come la nostra.
    E' ovvio che bar, ristoranti, negozi in genere, ecc... non devono dimostrare niente perchè sono attività che possono sussistere esclusivamente attraverso il contatto diretto con il pubblico.
     
  4. karuba

    karuba Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    nel 1984 la Cassazione ha ritenuto che la nostra attività essendo commerciale ha diritto all'indennità di avviamento. viceversa il tribunale di Milano nel 1986 non l'ha riconosciuta per mancanza di flussi di persone paragonabili a quelli di bar ristoranti ecc.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina