1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Chi vincerà il campionato di calcio 2017-’18?
    Io tifo Milan.
    La Juve ha stufato e credo sia oggi battibile (vedi Supercoppa contro la Lazio…), nonostante il luccichìo dei tanti talenti, il Milan (non ho capito chi sia il nuovo proprietario) ha costruito una squadra estremamente competitiva attraverso una campagna acquisto molto mirata e sontuosa e che ritengo non sia ancora terminata, i cugini dell’ Inter non mi fanno nessuna paura, la Roma sarà il solito fuoco di paglia che si spegnerà alle prime piogge invernali…
    Chi mi preoccupa davvero è il Napoli di Sarri che esibisce un gioco molto brillante e divertente che, secondo logica e giustizia, dovrebbe permettere alla squadra partenopea di raggiungere traguardi considerevoli. Le altre squadra, nonostante qualche sgomitata della Lazio dell'astuto ed oculato presidente Lotito, faranno da contorno gustoso ma non dovrebbero partecipare al pranzo di gala.

    Dite la vostra che ho detto la mia.
     
    Ultima modifica: 21 Agosto 2017
  2. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Non conosciamo quale squadra vincerà lo scudetto ma intanto sappiamo che la nostra Nazionale, impegnata per le qualificazioni al mondiale del 2018 in Russia, ha rimediato, stasera, allo stadio Santiago Bernabéu di Madrid, una solenne scoppola dalla Spagna perdendo con un perentorio 3-0 e giocando male. Mai l' Italia è stata in partita dando l'impressione di essere in completa balìa dell'avversario.
    Lo schema di gioco adottato dal pur valido Gian Piero Ventura l'ho trovato sbilanciato e piuttosto velleitario.
    Ma come si può sfidare la Spagna, questa Spagna, a casa loro per giunta, schierando ben quattro attaccanti e solo due centrocampisti?
    Come è bello immaginare di svellere i pali delle porte avversarie mandando tutta la squadra allegramente all'assalto...
     
    Ultima modifica: 3 Settembre 2017
  3. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Italia - Macedonia 1 -1

    Italia inguardabile, zero idee, condizione fisica precaria, identità assente, gioco INESISTENTE.
    Una delle partite peggiori giocate dalla Nazionale che io ricordi.
    Inutile addentrarsi in un'analisi che mi affliggerebbe soltanto.
    Amara considerazione: l' Italia del calcio (e non solo) è, a livello mondiale, in una posizione di terza fila.

    Un'unica considerazione: se nelle squadre italiane giocano quasi solo giocatori di altre nazioni questo è il risultato. Il povero C.T. Ventura dove dovrebbe pescare i giocatori italiani da far giocare in azzurro? Alla fine è costretto a mandare in campo persino calciatori che non giocano mai o quasi mai nelle loro squadre di club.
     
    Ultima modifica: 6 Ottobre 2017
  4. Marco88

    Marco88 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Vediamo chi becchiamo negli spareggi, però ad oggi ho paura che rischiamo seriamente di non andare al mondiale. Le probabili avversarie, comunque, saranno Svezia, Danimarca, Irlanda del Nord e Irlanda. Per come siamo messi oggi sono 4 squadre rognose da affrontare.
    Riguardo alla domanda inziale che hai posto, lo scudetto secondo me quest'anno se lo giocano Juve e Napoli che faranno un campionato a parte. Poi ci sono inter, il mio Milan(se magari ci svegliamo un attimo), Roma e Lazio
     
  5. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Inter sempre anche senza scudetto. Non vincono i migliori ma quelli che azzeccano l'istante. Una distrazione e fanno gol. Ma non sono i più bravi.
    Inter Inter Inter sempre sempre.
     
  6. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Per come si sono messe le cose in queste prime giornate di campionato, dubito che sia il Milan sia l'Inter possano vincere lo scudetto 2018.
    Il Milan mi sembra una squadra estremamente fragile e leggera dal punto di vista fisico ed agonistico mentre l'Inter ha azzeccato troppi "istanti" giocando complessivamente piuttosto male. Non credo possa durare troppo a lungo riuscire a campare quasi esclusivamente sugli errori altrui.
    A questo punto del campionato vedo aumentate di molto le chance del Napoli.
    La squadra partenopea è quella che "sciorina" il gioco migliore, quello più divertente e fantasioso, almeno qui in Italia
    Va bè... se poi si va a giocare all'estero...
     
    Ultima modifica: 9 Ottobre 2017
  7. Marco88

    Marco88 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Intanto la nostra nazionale, agli spareggi, becca la Svezia. Premesso che se abbiamo paura e ci facciamo eliminare dalla Svezia è giusto non andare al mondiale, però sicuramente tra le 4 papabili avversarie abbiamo preso quella più dura.
    Del campionato invece, dopo il derby, evito di parlare:risata:
     
  8. Ale.

    Ale. Membro Senior

    Altro Professionista
    a Ottobre gli scudetti li vincono sempre inter, roma, napoli etc .......a maggio vince sempre la Juve......problemi nella percezione spazio temporale?
     
  9. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Se il campionato non lo vincerà il Milan (e già mi pare difficile una sua affermazione) l'importante è che non lo vinca la Juve....
    Sarebbe già un mezzo successo.

    La Nazionale Italiana rischia grosso con la Svezia. Qui è seriamente in bilico il mondiale in Russia.
    Ma, se il livello della squadra azzurra è quello espresso nelle ultime tre partite, l'Italia di Ventura rischierebbe con qualsiasi nazionale.
    Speriamo nel solito stellone che spesso ci aiuta nei momenti decisivi.
     
  10. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    INTER INTER INTER INTER INTER INTER INTER
     
  11. Ale.

    Ale. Membro Senior

    Altro Professionista
    nel calcio sarebbe già un mezzo successo ( ma la ns coltura sportiva nn ci aiuta ) riconoscere il più forte.....per quanto riguarda la nazionale anche li, senza juve non si vince nulla come la storia insegna.

    non si chiama piu inter ma inda.....hihihi
     
    Ultima modifica di un moderatore: 18 Ottobre 2017
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Inter Inter Inter Inter Inter
     
  13. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Svezia - Italia 1-0.
    Partita di spareggio valida per la qualificazione ai Mondiali di Calcio per Nazioni - Russia 2018.

    La solita brutta Italia di quest’ultimo periodo.
    Niente partitona, niente impresa; i calciatori della nostra Nazionale hanno faticosamente racimolato un gioco balbettante, confuso e soprattutto lento, senza sbocchi in attacco, creando una sola occasione da gol in tutta la partita al 6° minuto del primo tempo con un colpo di testa di Belotti e colpendo un palo nella ripresa con un tiro da fuori area di Darmian. Fine delle minacce italiane alla squadra svedese. Decisamente pochino in 90 minuti di gioco!
    La Svezia, da parte sua, pur vincendo fortunosamente a causa di un autogol di De Rossi, non ha combinato granché, rivelando pochezza di tecnica e povertà di idee ed è questa l’unica buona notizia per la partita di ritorno che si giocherà fra tre giorni a Milano nel glorioso stadio di San Siro. Se la Svezia è questa di stasera, possiamo ancora farcela a qualificarci, sperando che la nostra Nazionale abbia un sussulto di orgoglio e di dignità e che ritrovi un minimo di gioco e di velocità d'esecuzione.
    Altrimenti rivolgeremo un malinconico ciaone alla Russia, congedandoci in modo imprevisto dai Mondali del 2018. Sarebbero i secondi mondiali di calcio senza la partecipazione dell’ Italia a causa dell’eliminazione sul campo, dopo quelli di Svezia (ancora la Svezia!) del 1958, tenendo conto che nel primo mondiale del 1930, quello disputato in Uruguay, non partecipammo in quanto non iscritti.
    Adesso stringiamoci a coorte e cerchiamola di vincerla questa partita decisiva!
    Spero ancora, a dispetto di quello che ho visto stasera, nell'ennesima impresa della nostra Nazionale.
     
    Ultima modifica: 11 Novembre 2017
  14. Marco88

    Marco88 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Confido nella bolgia di San Siro!
    Ieri bruttissima partita, senza gioco e idee.
    Però non posso pensare ad un mondiale senza Italia!
     
  15. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Neanche io. Sarebbe un mondiale noioso.
     
  16. Marco88

    Marco88 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Siamo fuori dai mondiali, non accadeva dal 1958.
    Non posso crederci..
     
  17. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    La Nazionale italiana allenata di Gian Piero Ventura oggi è entrata nella storia.
    Infatti, dopo ben 60 anni, è riuscita nell'impresa di farsi eliminare dalla fase finale dei Mondiali di Calcio 2018. Vedere il grande Gigi Buffon psicologicamente distrutto e piangere come un bambino dopo la partita è stato veramente commovente. Il portierone della Nazionale ha salutato tutti con parole nobili e toccanti, facendo gli auguri a chi lo sostituirà nella difesa della porta azzurra. E come dimenticare l'immagine di un Belotti singhiozzante e seduto per terra, consolato addirittura dall'arbitro?
    Il calcio è, a volte, realmente spietato (come spietata certe volte è la vita): l’Italia è stata eliminata dalla modesta ma ben organizzata Svezia per causa di un tiretto senza pretese che De Rossi ha inopinatamente deviato nella sua porta nella partita di andata.
    La squadra italiana questa sera, nel gremitissimo stadio di San Siro ribollente di tifo, ha almeno dimostrato energia e orgoglio, i giocatori hanno dato tutto in campo, ma, purtroppo, ancora una volta la Nazionale ha dato prova di non essere una squadra, un organismo funzionante, e ha continuato a rimasticare gioco per 90 minuti senza essere capace di segnare neanche un gol. E per la qualificazione serviva farne almeno due in più degli svedesi.
    Se nelle ultime tre partite sei riuscito a segnare un solo golletto, e contro l’Albania, non è che puoi pretendere di andare lontano. Tanto meno in Russia.
    Assistere alla fase finale di un mondiale di calcio senza la partecipazione dell' Italia sarà per me una esperienza nuova che sinceramente non volevo assolutamente provare. Era bello ritrovarsi ogni quattro anni, in estate, davanti alla TV, tra familiari, parenti e amici e tifare, con un misto di partecipazione, entusiasmo e sofferenza, la nostra Nazionale, risaldando un onesto e giusto amor patrio. Anche di questa piccola soddisfazione morale saremo costretti a privarci.
    Un giorno triste, questo 13 novembre del 2017 per il nostro calcio, che fa il paio con l'altra data nera, quella del 19 luglio del 1966, quando fummo buttati fuori dalla fase finale del mondiale d'Inghilterra dai modestissimi "ridolini" (così furono valutati dal nostro staff tecnico dell'epoca) della Corea del Nord.
    A questo punto, tutto il sistema del calcio italiano, dal Coni, passando per la Federazione, fino ad arrivare alle squadre di calcio di serie A, ha bisogno urgentemente di uno scossone violento e salutare esattamente come avvenne dopo la cocente sconfitta contro la Corea. Allora il pronto risveglio ci portò alla conquista dell' Europeo del 1968 e a mettere le basi per la glorosa avventura di Mexico '70.
    Sapremo ripeterci così prontamente e a quel livello? Difficile, direi. Questa cocente delusione mi auguro che serva almeno a fare qualche grande passo verso una pulizia generale dell'ambiente e per porre delle serie premesse per avviare la rinascita di tutto il nostro movimento calcistico. I problemi da affrontare e risolvere sono tanti ed urgenti ma in questa sera un po’ mesta non è il caso di dilungarsi su di essi.
    Il calcio italiano è attualmente in condizioni drammatiche ma, se esso è una diretta metafora della vita, dimostra una sola cosa: è l’Italia intera che è in grave crisi spirituale, morale, sociale, culturale, politica ed economica e forse sta perdendo il senso della sua identità più intima.
    C’è qualcosa che si è inceppato nel profondo del nostro ethos, e da un po’ di anni, ma sembra che tali difficoltà non interessi a nessuno di quelli che hanno la grave responsabilità del governo della cosa pubblica, i quali sono in tutt’altre futili faccende affaccendati. Anzi, si ha la netta impressione che "loro" congiurino per aggravare sempre di più tale situazione....

    E tutto questo è sottilmente inquietante.
     
    Ultima modifica: 14 Novembre 2017 alle 01:29
  18. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Marco 88, sto pizzicandomi le guancie ma non riesco a svegliarmi...:disappunto:

    E pensare che fino al 1978 erano solo 16 le squadre che accedevano alla fase finale del mondiale e noi italiani c'eravamo sempre (escludendo il 1958), quando adesso sono ben 32....e in Russia non ci saremo.
     
    Ultima modifica: 14 Novembre 2017 alle 00:33
    A ita.user e Marco88 piace questo messaggio.
  19. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Eh già, bella batosta.
    Secondo me sarà ancora più dura a giugno, quando non potremo fare altro che guardare in tv le altre squadre, più o meno blasonate, giocarsi questa competizione che, ricordiamolo, accade ogni 4 anni :disperato:.
    Da sabato ci si ributterà sul campionato, juve vs napoli, nord vs sud, VAR, torti arbitrali, bilanci in rosso, ecc....e piano piano la nazionale la nasconderemo in un cassetto remoto del nostro cervello.
    Ma a giugno, quando le giornate saranno calde e soleggiate, e magari tutti ci si stava già organizzando con birra fresca e soliti amici per godersi il mondiale, dovremo affrontare la triste realtà.
     
    A Graf e Marco88 piace questo messaggio.
  20. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Sì, credo cha a giugno e a luglio sentiremo la mancanza della squadra azzurra ai mondiali.
    Si proverà a posteriori un grande vuoto...Una specie di funerale a scoppio ritardato e un'elaborazione del lutto a futura memoria.
    Un'esperienza inedita.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina