1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. zuzzurro

    zuzzurro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    il mio amico architetto mi chiede circa 20.000 euro (il 10% del valore) per la progettazione, gli esecutivi e la direzione lavori della mia futura villetta unifamiliare di circa 130-140 mq.
    L'accordo prevede la stipula di un capitolato con il dettaglio di tutte le spese e un prezzo finale fissato in partenza in virtù delle scelte di impanti e materiali che concorderemo.... ma che ancora essendo in fase di bozza progettuale non ha ancora definito.
    Ieri mi ha presentato la lettera di incarco nella quale si specifica l'importo totale e la richiesta di verasre un anticipo del 20% alla firma.

    Vi sembra un prezzo onesto?
    Vi sembra un prezzo da "amico"?
    Ma soprattutto vi sembra normale che mi chieda di versare oltre 5000 euro senza ancora conoscere l'importo totale del capitolato?

    Grazie a tutti.
     
  2. josie2010

    josie2010 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
  3. euro clai

    euro clai Membro Junior

    Altro Professionista
  4. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    potrebbe anche essere corretto (anche se non vedo certo un prezzo amico) ma ti chiedo: i calcoli strutturali e una variante finale sono compresi?
    e poi, ti ha edotto su quali altre spese tecniche dovrai sostenere (sicurezza, catasto, termotecnico)?
     
  5. zuzzurro

    zuzzurro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi ha detto a voce, per un non adeetto ai lavori come me è sempre difficile comrendere cosa è compreso e cosa non è compreso, nella lettera di cincarico sono definite le seguenti prestazioni:
    a) progettazione architettonica e relativi esecutivi di una casa unifamiliare;
    b) assistenza alle trattative per i contratti ed controllo dei capitolati;
    c) direzione e alta sorveglianza dei lavori, con visite periodiche nel numero necessario, ad esclusivo giudizio dell’Architetto, emanando le disposizioni e gli ordini per l’attuazione dell’opera progettata nelle sue varie fasi esecutive e sorvegliandone la buona riuscita;
    d) accertamento dell’esecuzione dei lavori e assistenza al collaudo nelle successive fasi di avanzamento dei lavori ed al loro compimento;
    e) liquidazione dei lavori, ossia verifica dei quantitativi e delle misure delle forniture e delle misure delle opere eseguite e liquidazione dei conti parziali e finali;
    f) preparazione di tutta la documentazione necessaria per ottenere il certificato di agibilità/abitabilità delle opere.


    Non è che non mi fidi di lui ma preferirei avere ben chiari quali sono i costi piuttosto che avere sorprese per spese non previste oppure frutto di incomprensioni.
    Siccome l'accordo informale tra di noi si basa sulla definizione di un capitolato con ben definiti "tutti" i costi (compresi quelli burocratici, normativi, allacciamenti, materiali, impianti e costruzione)... mi sembra un po' strano dover pagare in anticipo il 20% del suo onorario.... senza ancora conoscere il costo totale della casa.

    Diciamo che mi aspettavo un 10% alla firma, oppure il 20% ma al momento dell'accettazione del capitolato.
    Vi sembra ragionevole?
     
  6. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    se te l'ha detto a voce complimenti per la memoria perchè è praticamente quanto riportato nel tariffario.
    Non è tuttavia compreso: strutturali, sicurezza, catasto etc
    la percentuale del compenso è funzione dell'entità dell'opera: se l'entità e variabile, anche la percentuale lo dovrebbe essere. Indipendentemente dalle tariffe di categoria, non conoscendo in dettaglio la cosa, posso solo dirti che a occhio 10% di 200.000€ sulle prestazioni elencate non è certo da amico ma ci può stare, tuttavia se i costi dovessero lievitare...
    E comunque ti consiglio di farti dare un quadro più completo delle spese tecniche... e di scrivere bene nell'incarico i target dell'opera e il target del costo.
     
    A zuzzurro piace questo elemento.
  7. zuzzurro

    zuzzurro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ha ragione... finalmente qualcuno che conferma i miei dubbi!
    Io non contesto l'importo dell'onorario... ma mi sembra piuttosto strano che chieda oltre 20.000 euro senza definire per iscritto i costi complessivi dell'opera.
    Per tale motivo preferirei che alla firma del mandato io possa versare il 10% se tra le prestazioni sono comprese anche:
    - direzione della sicurezza
    - adempimenti catastali

    Il restante 10% lo verserò all'accettazione del capitolato, quando sarà possibile avere il dettaglo di tutti gli altri costi e soprattutto l'importo complessivo di tutti gli oneri... dal quale dipende essenzialmente se costruirò o meno la casa... infatti il nostro accordo si basa su una sua valutazione complessiva di 200.000 euro.

    E' ovvio che se il capitolato sfora di molto questa cifra... ci sarà da limare qualcosa oppure rinuncio alla costruzione o alle sue prestazioni professionali.

    Mi sembrano delle richieste legittime e ragionevoli, che ne dite?
     
  8. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Chiedi se sono compresi anche le spese per i calcoli di termoidraulica, acustica, geologo e tutti gli adempimenti catastali.
     
  9. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    comunque, per le cronaca, la sicurezza di cantiere fatta bene ha una propria incidenza
    (sicuramente maggiore che il catasto...): poi, come già detto, ci sono le altre figure.
     
  10. zuzzurro

    zuzzurro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    mi ha già fatto avere la relazione geologica (era stata fatta effettuare dall'impresa che mi ha venduto il terreno), i calcoli di termoidraulica non li fa solitamente la ditta che poi realizzerà gli impianti? o è compito dell'architetto fare i calcoli per definire le esigenze termiche della casa?
     
  11. Architetto Liliana

    Architetto Liliana Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Mi sembra di capire che il collega abbia calcolato il suo onere sulla base forfettaria di opere per decentomila euro. E fin qui niente da eccepire, credo sia giusto an:stretta_di_mano:che perchè è compresa la direzione lavori, il collaudo e la verifica delle quantità. E' uno standard.
    Bisogna capire se sono compresi anche i progetti esecutivi di dettaglio: disegni di pavimenti, bagni, cucina, arredi.
    Perchè queste prestazioni, se comprese, trasformano il preventivo standard in un preventivo da "amico" ci vuole tantissimo tempo e pazienza..... e sopratutto vera professionalità e competenze.
    A parte ci sono i compensi per il geologo, se occorre una relazione geologica, il tecnico impiantista, se occorre il disegno di impianto termico e legge 10, il tecnco che redige la relazione acustica, se richiesta dal Comune, il tecnico che redige la relazione tecnica e calcoli da depositare al Genio Civile, se si toccano parti strutturali dell'edificio, anche minime.
    Il costo della sicurezza del lavoro va fuori da tutto ciò e va contabilizzato a parte. Oggi non si scherza più, come in passato, fioccano denunce e multe anche per il committente perciò ...attenzione a scegliere un bravo progettista e pagarlo convenientemente, solo così si spende meno.
    Saluti e buon lavoro.:stretta_di_mano:
     
    A cafelab, gcaval e enrica agnelli piace questo elemento.
  12. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    solitamente:
    - i calcoli strutturali li fa un ingegnere
    - i calcoli impiantistici, coibentazioni e risparmio energetico li fa un termotecnico
    - i calcoli di acustica un tecnico competente
    - la sicurezza un tecnico con apposita abilitazione (geometra, arch o ing.)
    - il catasto un geometra, arch o ing.
    ...
     
  13. zuzzurro

    zuzzurro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    per i calcoli strutturali mi ha già detto che si affida ad un ingegnere con cui collabora... e che credo dovrò pagare a parte.. quindi questi non rientrano sicuramente nel suo conteggio.... così temo anche per gli altri conteggi (termotecnici, impiantistica e acustica)... per questo prima di pagare quasi 5000 euro di anticipo vorrei un conteggio dei costi totali!
     
  14. euro clai

    euro clai Membro Junior

    Altro Professionista
    ecco, questa è la tariffa degli architetti e puoi fare anche il calcolo da solo, così ti renderai conto che anche se non è proprio regalato, il costo è comunque inferiore ai minimi tariffari
    http://www.architettiroma.it/tariffa/parcella.aspxn
    chiarisci inoltre con lui se gli oneri derivanti da prestazioni di altri professionisti (strutturista, termo, ecc...) sono già ricompresi nella sua offerta o meno; se si, vuol dire che è proprio un buon amico, se no è comunque un amico
     
  15. zuzzurro

    zuzzurro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ho visto il sito ho immesso il valore di 200000 euro categoeria Ic e tutti i segni di spunta e mi calcola 19.089 euro + IVA... quindi circa 1000 euro in più di quanto mi chiede.
    Ho capito che non mi sta facendo un prezzo da amicone, ma non è lì il problema, quello che non mi convince molto è che devo anticiargli quasi 500 euro senza un preventivo dettagliato sul costo complessivo dei lavori.
    Capisco benissimo che per avere il capitolatodettagliato ci vuole tempo e avrebbe delle spese, a questo punto però sarebbe più congruo un anticipo alla firma del 10% e il restante 10% all'accettazione del capitolato.

    Ipotesi 1:
    nel capitolato la cifra totale è di 205.000 euro, nessun problema, accetto il capitolato pago l'altro 10% e si va avanti

    Ipotesi 2:
    nel capitolato la cifra è di 215.000, si vede cosa si può tagliare e a cosa si può rinunciare, si abbassano i costi il possibile intorno ai 205.000 euro pago l'altro 10% e si va avanti

    Ipotesi 3:
    nel capitolato la cifra totale è di 235.000... rinuncio alla costruzione, risparmio il secondo 10%, cambio architetto e verifico la possibilità di trovare soluzioni costruttive alternative.
     
  16. euro clai

    euro clai Membro Junior

    Altro Professionista
    devi mettere la 1d e il valore è di 24000 ma in ogni caso, ti consiglierei di farti fare un preventivo a scatola chiusa così non vai incontro a sorprese; ricordati che ci saranno certamente delle varianti di progetto e anche queste hanno un costo ad oggi non preventivabile.
    La sostanza è una: o ti fidi o non ti fidi della persona. Se ritieni che possa approfittare della situazione fatti fare un paio di preventivi da altri tecnici, magari sentendo anche un geometra che come capacità non sarà sicuramente da meno e potrà seguirti nella quasi totalità delle prestazioni e che infine ha il tariffario sostanzialmente più basso di quello dell'architetto. Vedo che sei di udine e la provincia è molto vasta; anche il comune dove verrebbe costruita la casa ha la sua rilevanza ai fini del costo professionale finale. Puoi infine rivolgerti agli ordini professionali e chiedere chiarimenti. un saluto da trieste
     
  17. Architetto Liliana

    Architetto Liliana Membro Ordinario

    Altro Professionista
    I geometri non costano meno degli architetti. Mentre gli architetti studiano cinque anni all'università, i geometri "fanno tutto dalla topografia all'urbanistica" con cinque anni di scuola superiore. Allora come la mettiamo?
    Non per polemica ma così non si va molto lontano.
    Occorre un BRAVO TECNICO di cui avere fiducia. Inoltre Il prezzo totale della casa non rimane mai uguale a quello preventivato all'inizio a meno che si fa tutto "blindato" sia con i tecnici, sia con le imprese. :soldi::soldi::soldi:
     
  18. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    anch'io mi affiderei a un geometra...
    (sono di parte :D)
    e comunque occhio a come è conteggiata l'IVA... si rischia di confrontare pere con mele.
    La percentuale dell'onorario per me deve essere imponibile su imponibile.
     
  19. euro clai

    euro clai Membro Junior

    Altro Professionista
    vorrei evitare inutili e sterili polemiche ma mi corre l'obbligo di risponderti; i tariffari sono diversi e quello degli architetti è più caro, che poi ci siano geometri che costino più degli architetti questo può anche starci e perlopiù dipende dalle capacita, esperienza e professionalità del tecnico. Se poi noi siamo polivalenti (anche se logicamente col passar del tempo è logico specializzarsi in talune branchie piuttosto che altre) questo gioca sicuramente a nostro favore e ci permetteva di seguire il cliente (fino a qualche anno orsono) dall'inizio alla fine. ....e poi, visto che ho qualche annetto di esperienza alle spalle, credimi che ne ho viste di tutti i colori e questo va riferito a tutte le categorie professionali, geometri e architetti compresi. e qui mi fermo e chiudo, sempre comunque disponibile ad un colloquio di confronto, sia di persona che, se dovuto per distanza, anche telefonico (anche via skype così risparmiamo). Un cordiale saluto da un geometra che fa il geometra libero professionista e che collabora con tanti architetti (e permettimi senza che ti offenda...spesso interviene a rimedio di quanto fatto da tecnici laureati.....ma anche i geometri sbagliano, ivi compreso il sottoscritto). Cordialità
     
  20. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Potresti anche fargli una controfferta, sulla base dei tuoi dubbi e, soprattutto se è un amico, dovrebbe accettare...

    Silvana
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina