1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. lightlee

    lightlee Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Ma qual'è l'ex art. 2, comma 1 della legge 9 dic. 1998 n.431?????[DOUBLEPOST=1383845011,1383844936][/DOUBLEPOST]Altra domanda....quale è la procedura per fare il contratto di locazione a canone concordato????
    grazie
     
  2. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Basta recarsi presso una delle tante associazioni di piccoli proprietari immobiliari (UPPI, etc.). Lì ti assistono nella predisposizione e nella firma del contratto.
     
  3. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ma guarda che lei è un AI!!!!
     
  4. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    E che vor di'! Se non conosce una procedura si informa, mi sembra giusto. Non si deve vergognare, se vuol imparare qualcosa. Non spariamo né sul pianista né sull'immobiliarista!
     
  5. lightlee

    lightlee Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Grazie... in effetti quando non so una cosa mi informo, visto che tendenzialmente gli AI che ho conosciuto sono molto restii a darti informazioni, il che mi sembra veramente penoso, chiedere a qualcuno che ha già affontato l'argomento (mentre per me è il primo contratto di questo tipo) utilizzando questo sito mi sembra naturale...altrimenti continuiamo a rimanere ignoranti in materia e a far finta di sapere cose che non sappiamo...ed è per questa superficialità e mancanza di professionalità che gli agenti immobiliari e le agenzie sono odiati dalla maggior parte delle persone!!!!....ed hanno ragione!!!!
     
    A Bastimento e Umberto Granducato piace questo messaggio.
  6. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Chi sa è non parla è un povero Cristo, non v'è dubbio: si impoverisce? No, si arricchisce, perché spiegando un argomento alla fine lo domina meglio.
     
  7. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Per la stipula di un contratto a canone concordato ci si può rivolgere alle associazioni di piccoli proprietari immobiliari, ma non è obbligatorio.
    Il primo passo da compiere è certamente quello di reperire l'accordo stipulato dal comune, nel quale verranno indicate le caratteristiche delle diverse tipologia contrattuali, la clausole specifiche concordate e, naturalmente, i criteri per determinare il canone.
    In genere alle convenzioni vengono allegati alcuni fac simile di contratto.
    La redazione del contratto potrà poi essere effettuata direttamente dalle parti, presso le predette associazioni o rivolgendosi ad un professionsta (può essere l'agente immobiliare così come, naturalmente, un avvocato).
     
    A Strian piace questo elemento.
  8. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Non è obbligatorio rivolgersi alle associazioni, ma è consigliabile. I costi? 100 euro per la tessera, 100 euro per l'assistenza completa, ossia fino alla firma. Non è malaccio, per un n+2 (n = 3, 4, 5...).
     
  9. lightlee

    lightlee Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Grazie....ma ricapitolando vi spiego qual'è la situazione:
    devo fare questo contratto di locazione per un miniappartamento in centro storico in palazzetto storico che il locatore vuole come il precedente (cioè l'agente imm che l'ha fatto prima di me, ha fatto un contratto 3+2). In realtà il contratto precedente è stato stipulato come un normale contratto di locazione a canone libero, cioè non c'è nessun riferimento nella descrizione ad accordi territoriali come invece ho trovato scritto in altri fac simile di contratti concordati. Quindi la mia scrupolosità (visto che, e ripeto, non ne ho mai fatti prima di concordati....) mi ha portato a chiedermi se il contratto era corretto e se quindi potevo farne un altro sulla falsa riga....Sono andata sul sito del comune e ho scaricato l'accordo territoriale dove sono indicati i nomi dell vie, divise per zone, tra cui c'è anche quella del mio immobile. Il prezzo è già stato stabilito dal locatore ed accettato dal condutttore.
    Quello che vorrei sapere è molto semplice: per fare questo benedetto contratto concordato basta compliare il contratto come il precedente, far firmare il contratto registrarlo come per i contratti liberi (tenedo conto del 1.4%) o devo andare all'associazione UPPi, pagare e farmi dare chissa quale insostituibile informazione sulla (se c'è) diversa procedura da seguire?
    Abbiate pazienza ma non faccio solo l'AI e diverse cose ancora mi sfuggono!!
    garzie mille per tutte le risposte costruttive!!!
     
  10. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Come ho già scritto, non è necessario andare dalle associazioni. il contratto può essere stampato e compilato anche soltanto dalle parti direttamente.
    Si chiamano CONCORDATI non perché vi sia qualche particolarità per le modalità di stipula, ma soltanto perché IL CANONE deve essere concordato (cioè compreso fra il minimo ed il massimo riportati nell'accordo che lei ha stampato).
    Senza nulla togliere alle richieste di ausilio (tutti noi siamo qui per darne e, soprattutto, per riceverne), ciò da cui dovrebbe partire è la normativa: quindi leggendo l'art. 2 Legge 431/98 ha un primo inquadramento, studiando il Decreto Ministero Infrastrutture e Trasporti del 30 dicembre 2002 ha capito quasi tutto e scartabellando la convenzione che ha scaricato.... non ci saranno più segreti.
    Salvo chiedere conferme a chi ha esperienza, conviene sempre farlo... e per questo ci sono siti quale immobilio.[DOUBLEPOST=1383921317,1383921243][/DOUBLEPOST]Naturalmente i contratti a canone concordato sono assoggettati ad una disciplina fiscale diversa (e più favorevole) rispetto a quelli a canone libero.
     
    A Strian piace questo elemento.
  11. lightlee

    lightlee Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Molto bene...grazie
     
  12. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    [quote="lightlee, post: 349474, member: 38853
    Quello che vorrei sapere è molto semplice: per fare questo benedetto contratto concordato basta compliare il contratto come il precedente, far firmare il contratto registrarlo come per i contratti liberi (tenedo conto del 1.4%) o devo andare all'associazione UPPi, pagare e farmi dare chissa quale insostituibile informazione sulla (se c'è) diversa procedura da seguire?
    Abbiate pazienza ma non faccio solo l'AI e diverse cose ancora mi sfuggono!!
    garzie mille per tutte le risposte costruttive!!![/quote]
    Sono sempre più convinto - anche basandomi su come ti esprimi - che devi recarti da chi in questo campo ne sa molto più di te. Non è affatto umiliante: io, pur avendo fatto fare tanti contratti di quel genere, continuo ad andare all'UPPI. Tra l'altro le regole possono cambiare e io non ho sempre la situazione aggiornata, loro sì.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina