1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. papero

    papero Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Vorrei sapere se per i contratti di locazione abitativi transitori (1-18 mesi) esiste la possibilità
    di scegliere liberamente l'ammontare del canone.

    Nel caso in cui non esista questa possibilità, come mi sembra di intuire leggendo le disposizioni, un contratto di locazione transitorio che prevede un canone fuori dal range previsto viene automaticamente considerato un 4+4 ?
     
  2. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Io direi che se sussistono i presupposti per la transitorietà il contratto rimane transitorio e il locatore deve rendere (con gli interessi legali) al conduttore quanto preso in più fino a quel momento.
     
    A papero piace questo elemento.
  3. papero

    papero Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie del chiarimento.
    Mi è venuto il dubbio perchè ho sentito di diversi transitori a canoni molto alti.

    Come si può verificare l'ammontare dei canoni concordati per i singoli comuni?
    Esiste un sito? Ci sono delle differenze di calcolo tra 3+2, transitorio e per studenti?
     
  4. papero

    papero Membro Attivo

    Privato Cittadino
  5. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    No. Gli indici sono gli stessi.


    Non so risponderti. Dovresti provare a contattare gli uffici del comune ove si trova l'immobile.
     
  6. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Il canone è libero solo negli altri comuni non compresi nella classificazione degli undici comuni capoluogo di provincia e comuni confinanti con le aree metropolitane ad alta tensione abitativadi Roma, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Bari, Palermo e Catania nei quali:

    a) non è stato sottoscritto alcun tipo di accordo;

    b) è stato sottoscritto un accordo sulla base del solo DM 5 marzo 1999.

    Nel caso sia convenuto un canone maggiore, il conduttore avrebbe il diritto di ottenere (anche giudizialmente) la riduzione. Tale pattuizione è colpita da nullità, ai sensi dell’art. 13, comma 4, legge n°431/1998, anche, se a rigore, la riduzione del canone sembrerebbe prevista solo per i contratti di cui all’art. 2, comma 3, della legge medesima (contratti convenzionati) e non anche per i contratti transitori.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina