1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. TheProf

    TheProf Membro Junior

    Privato Cittadino
    salve amici del forum,

    dal titolo avete già capito il mio problema....

    vorrei sapere il costo per avere il certificato energetico a chi spettano all'usufruttuario, o rientrano come spese straordinarie considerato che sono un "bene" che rimarrà al proprietario e che quindi quest'ultimo dovrà solo pagare?

    grazie per le risposte.


    cordialmente
     
  2. Abakab

    Abakab Ospite

    Direi che spetta al proprietario in quanto la certificazione energetica è diventato un documento essenziale per un eventuale vendita o locazione dell'immobile. Per quanto concerne i costi dipende da molti fattori, tipologia, metratura etc. e ... certificatore in quanto è cominciata anche tra loro la battaglia del gioco al ribasso. Ciao!
     
  3. TheProf

    TheProf Membro Junior

    Privato Cittadino
    grazie per la risposta, a me interessava sapere solo chi doveva sostenere i costi, perchè se spettano al proprietario può anche spendere 5000 € :risata:
     
  4. Abakab

    Abakab Ospite

    .. ho il sospetto che non ti stia molto simpatico. :)
     
  5. TheProf

    TheProf Membro Junior

    Privato Cittadino
    non è una questione di antipatia o simpatia, è una situazione un pò particolare che le racconto brevemente:
    matrimonio tra over 50 (non in separazione dei beni).
    marito aveva già figli, lei, non ne ha mai avuti.
    il marito la esclude dal testamento.
    lei eredita solo l'usufrutto di due appartamenti.
    i figli pretendono le spese per la successione pari al 25%.
    non hanno contribuito all'apertura del testamento che lei ha sostenuto, nonostante non abbia ricevuto niente in eredità.
    pretendono anche le spese straordinarie per i due appartamenti che lei ne gode l'usufrutto, come ristrutturazione totale del bagno o apportare modifiche murarie.

    ancora non sono state prese iniziative legali, ma è questione di tempo, poco, non più di qualche millesimo di secondo...
     
  6. Abakab

    Abakab Ospite

    Se il nudo proprietario si rifiuta di eseguire o pagare le riparazioni poste a suo carico o ne ritarda l'esecuzione senza giusto motivo è facoltà dell'usufruttuario coprire le incombenze e successivamente (al momento della cessazione dell'usufrutto) pretendere il rimborso delle spese sostenute per le spese straordinarie senza interesse, e ritenere l'immobile a garanzia del rimborso.
    Si .. direi che urge il legale.
     
  7. Rosemary

    Rosemary Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    il marito non può escludere la moglie dall'eredità perché esiste la quota di legittima che per Legge passa alla vedova.
    E' necessario leggere cosa è scritto nell'atto notorio - redatto da un notaio al momento dell'apertura dell'eredità.
    Poi consiglio di fare qualche conto di costo di litigio ereditario tra figli e vedova... e ci si accorge che ai figli non conviene litigare.
    Piuttosto la moglie vedova riceve la pensione del de cujus? E la moglie divorziata per caso riceveva un assegno di mantenimento come da sentenza di divorzio? Se la risposta è affermativa allora anche la pensione potrebbe essere suddivisa fra le mogli (se la moglie divorziata va dal giudice...).
    Ho una certa esperienza sui questi tipi di litigi molto costosi per tutti.
    Rosemary
     
  8. justdone

    justdone Membro Junior

    Privato Cittadino
    Assolutamente d'accordo con Rosemary sulla questione della legittima. In Italia non esiste davvero nessuna possibilità di escludere il coniuge dalla successione, salvo per "indegnità". Chi redige il testamento ha a disposizione una quota libera, e solo di quella può disporre liberamente.
    Per quanto riguarda il costo per la certificazione energetica, la logica mi farebbe dire che tocca a chi ha necessità di farsela fare. Quindi al nudo proprietario nel caso in cui voglia vendere la sua nuda proprietà, o all'usufruttario nel caso in cui intenda affittare. Ma la logica non sempre collima con la normativa...
     
  9. TheProf

    TheProf Membro Junior

    Privato Cittadino
    salve, la moglie era al primo matrimonio, e il marito era vedovo, quindi problemi di pensione da dividere non ci sono.

    per quanto concerne il certificato energetico il punto è, rientra nei costi ordinari o straordinari?
    teniamo presente che la sua durata è di 10 anni e che potrebbe rientrare nei costi straordinari...
     
  10. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Spese Ordinarie o straordinarie ???....l' Attestato di Certificazione Energetica vi occorre solo se decidete di alienare gli immobili!
     
    A justdone piace questo elemento.
  11. TheProf

    TheProf Membro Junior

    Privato Cittadino
    non capisco il significato della sua risposta:basito:

    il certificato energetico dal 2010 occorre sia per la vendita di immobile, che per stipulare un contratto di locazione...
     
  12. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Allora volete affittale l'immobile...scusa mal tuoi precedenti post non l'avevo capito :confuso:
    In tal caso è il proprietario che deve produrre l'ACE ...ma ripeto non centrano nulla le spese ordinarie e straordinarie...l'ACE deve essere prodotto solo se si decide di affittare o vendere l'immobile e ha una durata di 10 anni.
     
  13. justdone

    justdone Membro Junior

    Privato Cittadino
    Scusate, ma rimango perplessa. Se l'usufruttuario decide di affittare l'imobile (visto che solo lui può farlo, e percepire il fitto), perchè la spesa dovrebbe ricadere sul proprietario? La certificazione dura 10 anni, e il proprietario non ne ha nessuna necessità, salvo che voglia vendere, quindi sostenere che "è un bene che rimane a lui" mi pare una motivazione quantomeno aleatoria...
     
  14. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    io quoto Justdone...
    se l'ACE lo dovesse fare il nudo proprietario per essere utilizzato per l'affitto sarebbe
    una delle cose più illogiche del mondo.
     
  15. Abakab

    Abakab Ospite

    Sono a carico dell'usufruttuario le spese relative alla gestione dell'immobile, non mi sembra che l'ACE rientri in questa categoria .. è vero l'usufruttuario può affittare l'immobile, ma di fatto sono i rischi che il nudo proprietario tacitamente accetta al momento dell' acquisto della nuda proprietà.
    Mio pensiero!
     
  16. ssimone75

    ssimone75 Membro Attivo

    Altro Professionista
    Mah, a me invece sembrerebbe di sì... avendo scadenza limitata e non essendo una tantum.
    Se dovessi decidere io, farei pagare l'usufruttuario in rapporto all'incidenza.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina