• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Antonioforum

Membro Junior
Privato Cittadino
Salve a tutti, in un locale sgombero è possibile allargare una finestra(dimensioni L 100 cm x H 80 cm), in modo da farla diventare portafinestra(dimensioni L 120 cm x H 220 cm)?
Grazie
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Il consiglio di @bepix è l'unica strada possibile, qui sul forum puoi avere dei consigli e chiarimenti generali sulla materia.
Allargare un'apertura esisente di norma implica la presentazione di una pratica edilizia e, probabilmente, anche di una pratica strutturale.

Si deve capire la tipologia della muratura dove vuoi andare a modificae l'apertura, se si tratta di una muratura perimetrale o interna, ......
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
E’ anche necessario sapere se si tratta di immobile in condominio,e su cosa affaccia questa finestra ( proprietà dello stesso proprietario , di altro proprietario esclusivo, parte comune condominiale...).
Solo un tecnico del posto, previo sopralluogo, può rispondere concretamente.
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
La nota positiva è proprio quella che la decisione spetta solo a te e non avrai bisogno di altri consensi, a meno che non vi siano altri comproprietari.
Trattandosi di una muratura esterna si andrà per forza a modificare un prospetto, seppur in maniera marginale. Ora per capire in quale titolo edilizio rientri questa trasformazione si dovrà andare a leggere la legge regionale sul governo del territorio e lo strumento urbanistico comunale, dato che in alcune Regioni la modifica di un'apertura esistente si configura come manutenzione straordinaria, mentre in altre è tassativamente vista come una ristrutturazione edilizia. Comunque sia, un titolo edilizio ti servirà comunque ed ecco perché ti dovrai rivolgere a un tecnico locale, che, oltre a preparare e presentare la pratica edilizia idonea, verificherà che l'immobile non rientri in zona paesaggistica (altrimenti sevirà anche un'autorizzazione paesaggistica in forma semplificata) e che non si vada a modificare le strutture (altrimenti ti servirà anche una pratica sismica) e che non servano ulteriori comunicazioni richieste dal Comune.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Perlomeno potrai fare la modifica, se fattibile , senza dover chiedere permessi ad altri.
E' stato chiarito che non si è in un ambito di natura condominiale....ok!

Ma ......
Ci troviamo nella fattispecie di modificare una finestra, esterna, in porta-finestra.
Restando nell'ambito della fattibilità condominiale (perchè la sfera tecnica è stata ampiamente dettagliata) anche qualora l'ambito fosse stato ANCHE di natura condominiale non avrebbe avuto bisogno del consenso del condominio.
In primis esercitando il diritto conferito dall'art. 1102 ......fatto salvo di non ledere il diritto degli altri di fare analogamente, e di non ledere stabilità e sicurezza dell'edificio in questione.
Anche la giurisprudenza, recente e non recente, si è pronunciata più volte in merito a tale fattibilità degli interventi senza deliberazione o consenso del condominio.
Il solo ed unico problema sarebbe quello del decoro architettonico sempre incombente, su cui solo il giudice si può pronunciare.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Anche la giurisprudenza, recente e non recente, si è pronunciata più volte in merito a tale fattibilità degli interventi senza deliberazione o consenso del condominio.
Ok, ma spesso i comuni danno le autirizzazioni solo dopo delibera condominiale favorevole.
E poi è una questione di opportunità, in condominio: se diconosi, poi è difficile che contestino lesione del decoro.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Ok, ma spesso i comuni danno le autirizzazioni solo dopo delibera condominiale favorevole.
tali richieste dei comuni sono del tutto non legali ........anche a tal proposito la giurisprudenza si è pronunciata dando torto ai comuni che conferirebbero autorizzazioni sotto condizione di una delibera condominiale di assenso.
Il comune non può intervenire in fatti o diritti di terzi.
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
.... e di non ledere stabilità e sicurezza dell'edificio in questione.
Questo ancora non lo sappiamo, quindi è legittimo chiedere se si tratti o meno di condominio. Dalla risposta negativa inoltre saltano tutti i ragionamenti successivi, permanendo comunque la questione paesaggistica e strutturale. Non mi sono soffermato su eventuali vincoli storico-culturali, data la natura dell'edificio.
 

Antonioforum

Membro Junior
Privato Cittadino
La nota positiva è proprio quella che la decisione spetta solo a te e non avrai bisogno di altri consensi, a meno che non vi siano altri comproprietari.
Trattandosi di una muratura esterna si andrà per forza a modificare un prospetto, seppur in maniera marginale. Ora per capire in quale titolo edilizio rientri questa trasformazione si dovrà andare a leggere la legge regionale sul governo del territorio e lo strumento urbanistico comunale, dato che in alcune Regioni la modifica di un'apertura esistente si configura come manutenzione straordinaria, mentre in altre è tassativamente vista come una ristrutturazione edilizia. Comunque sia, un titolo edilizio ti servirà comunque ed ecco perché ti dovrai rivolgere a un tecnico locale, che, oltre a preparare e presentare la pratica edilizia idonea, verificherà che l'immobile non rientri in zona paesaggistica (altrimenti sevirà anche un'autorizzazione paesaggistica in forma semplificata) e che non si vada a modificare le strutture (altrimenti ti servirà anche una pratica sismica) e che non servano ulteriori comunicazioni richieste dal Comune.
Per il titolo edilizio, io dovrei già rifare l'impianto elettrico, idrico e riscaldamento, demolendo parte di pavimento e pareti per le tracce...non so se occorre la scia e se va bene per l'eventuale apertura della portafinestra sul retro
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Salve a tutti, in un locale sgombero è possibile allargare una finestra(dimensioni L 100 cm x H 80 cm), in modo da farla diventare portafinestra(dimensioni L 120 cm x H 220 cm)?
Grazie
La state facendo troppo complicata, mentre la questione è un'altra
di quanti mq è il locale di sgombero?
I tecnici comunali saranno anche presi a cottimo ma non hanno del tutto l'anello al naso

Hai un locale accessorio
chi ha costruito ha ottenuto di mettere una finestrella per, magari, ricambio di aria nel "locale di sgombero"
aprendo una portafinestra rendi di fatto il "locale di sgombero" una stanza da letto?

Davvero ritieni che nessuno se ne accorgerà?
 

Antonioforum

Membro Junior
Privato Cittadino
La state facendo troppo complicata, mentre la questione è un'altra
di quanti mq è il locale di sgombero?
I tecnici comunali saranno anche presi a cottimo ma non hanno del tutto l'anello al naso

Hai un locale accessorio
chi ha costruito ha ottenuto di mettere una finestrella per, magari, ricambio di aria nel "locale di sgombero"
aprendo una portafinestra rendi di fatto il "locale di sgombero" una stanza da letto?

Davvero ritieni che nessuno se ne accorgerà?
il locale sgombero è circa 40mq; l'intenzione non è quella di fare l acamera da letto
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Scusate castel del piano (Gr)
Cercavo acquirente immobile commerciale a reddito sito in castel d El ojnai provincia di Grosseto 678 metri quadri con 2000 metri di parcheggio con area edificabile di altri metri 1000 metri prezzo 550.000 euro
Alto