1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Dei clienti devono fare la denuncia di successione.
    E' morto il padre (già vedovo) e sono rimasti solo due figli. Quando era in vita il padre ha fatto testamento ma si tratta di un olografo scritto a macchina (per quanto ne so io è invalido), ora nel testamento il defunto aveva diviso l'eredità fatta solo di immobili (tre immobili) dandone 1 al figlio Tizio e 2 al figlio Sempronio(fece così perchè uno dei due immobili promessi al figlio Sempronio era destinato alla nipote, figlia di Sempronio). L'altro figlio, Tizio, non ha figli e non è sposato.
    Entrambi i figli, sia Tizio che Sempronio, sono d'accordo che l'eredità vada divisa così, in pratica Tizio non fa problemi per il fatto che il fratello abbia 2 appartamento e lui uno solo.
    Non conosco ancora il valore degli appartamenti.
    A questo punto si dovrebbe procedere alla denuncia di successione, vi chiedo come si deve procedere?
    I clienti vorrebbero dividere gli immobili senza dividere in quote ma, appunto, acquisendo la prorpietà esclusiva degli appartamenti (Tizio di 1 e Sempronio di 2) e come si fa calcolando che il testamento in questo caso è carta straccia?
    Si può fare una denuncia con immediata attribuzione della proprietà esclusiva e non della divisione in quote?
     
  2. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Testamento invalido = come se non esistesse e quindi si apre la successione legittima. Tutti(i 2 figli) diventano eredi dell'eredità el padre e poi viene effettuato successivamente dopo l'accettazione dell'eredità un atto di Divisione tra i fratelli e ognuno a tacitazione della propria quota riceve i seguenti beni:...indicazione dei beni... dato che sono loro stessi che fanno la Divisione possono anche stabilire che ad 1 vada 10 e all'altro vada 100.
     
  3. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie per la risposta Sarah, quindi devono andare davanti ad un Notaio per compiere prima l'accettazione e poi la divisione, non ci sono altre possibilità, giusto?
     
  4. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Non mi pare...perchè il testamento è nullo... e una divisione va fatta...più semplice a farsi che a dirsi...
     
  5. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    E' la cosa migliore da fare. Il testamento scritto a macchina non ha valore.
    Il notaio vi consiglierà come procedere per non avere successivi problemi.
    Pagherete un onorario ma vi metterete al riparo da errori che possono derivare dal fai da te.
     
  6. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Due domande:
    1) in una divisione in cui le porzioni si dichiarano equivalenti, non c'è un corrispettivo tassabile. Ma se ad uno va 10 ed all'altro va 100, non insorge una tassazione sulla differenza di valore?
    2) Il testamento scritto a macchina non è olografo: ma è invalido e nullo, oppure può essere accettato come valido dagli eredi legittimi?
     
  7. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    astrattamente la "dichiarazione di successione" (x agenzia entrate) non deve essere necessariamente redatta da un notaio (in teoria è un atto dell'erede che la presente, viene solo compilata dal professionista quindi anche alcuni geometri la fanno, tanto alla fine firma l'eredi ecc eccc...) e l'accettazione di eredità può essere fatta "per fatti concludenti" o comunque con un semplice atto notorio reso avanti ad un pubblico ufficiale (anche in comune per intendersi ed è la cosa più rapida).
    Diverso il discorso poi della reintestazione. Sinceramente - se hai un tecnico di fiducia che possa curare la compilazione del modulo "dichiarazione di successione" - mi rivolgerei al notaio solo x la successiva reintestazione degli immobili, lì sì x evitare rogne...
     
  8. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Quindi i passaggi da fare sono 2 o 3?
    Devono fare: 1) dichiarazione di successione 2) accettazione di eredità 3) reintestazione/divisione

    Oppure si salta il punto 1)?
     
  9. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Direi che dobbiamo scindere due profili della successione. da un lato c'è quello con lo stato, che si perfeziona con la presentazione della dichiarazione di successione previo pagamento delle imposte relative agli immobili, dall'altro c'è il profilo "privatistico" di come gestire / dividere gli immobili. quindi il punto uno non puoi saltarlo (e c'è 1 anno di tempo dalla morte) quindi che i passaggi sono 3.
     
  10. vagno

    vagno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ho capito.
    E si può fare prima l'accettazione e la divisione e dopo la denuncia di successione? così da poter inserire nella denuncia gli immobili già divisi e non più in comunione?
     
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Questa volta vavy mi pare un pò distratta e meno chiara del solito: spero per via di preparativi per una serata festosa ed interessante.

    Lìinterpretazione riportata credo sia errata. (uso il condizionale solo per prudenza).

    La successione si apre al momento della morte del famoso "de cuius" e fotografa la situazione ed i diritti di quel momento. La accettazione è implicita trascorsi 3 mesi: dopo, l'eventuale rinuncia va fatta presso un notaio credo.

    Quindi la denuncia di successione registra lo stato di diritto degli eredi al momento del decesso del de cuius.

    Il passo successivo è la divisione dei beni, che richiede un atto notarile come se fosse una compravendita: di solito le parti si dichiarano compensate nel dovuto con quanto assegnato loro in proprietà esclusiva. Se invece si evidenziano valori diversi e si richiede una compensazione monetaria, non so come questa venga tassata.

    A seguito dell'atto di divisione, il notaio procede alla trasmissione automatica delle variazioni al catasto.

    Buon anno a tutti

    Aggiunto dopo 20 minuti :

    Purtroppo per il catasto scattano due comunicazioni successive, una conforme alla denuncia di successione, la seconda relativa alla divisione. Non credo siano evitabili. La prima la fa as esempio un geometra che ha curato la denuncia di successione. La seconda viene fatta direttamente dal notaio. Potrebbero essere nella pratica contestuali, ma non nella forma logica: lo stato registra tutti i passaggi (ed esige le relative imposte catastali ed ipotecarie....)

    Sarei felice di essere smentito, ma io non ci sono mai riuscito
     
  12. vavy

    vavy Membro Attivo

    Privato Cittadino
    OT: :) sì, grazie, ho passato un bell'ultimo dell'anno

    No, l'accettazione è implicita decorsi 3 mesi solo quando i soggetti siano "nel possesso dei beni", qui se i figli non erano conviventi non credo possano essere ritenuti "nel possesso dei beni". il termine per accettare / rinunciare all'eredità è di 10 anni, e la dichiarazione (di accettazione / rinuncia) può essere resa anche avanti al Cancelliere del Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione...
    Pur essendo tutte dichiarazioni quella "di successione" è un atto diverso dall'accettazione dell'eredità.
    infatti, se IO presento la dichiarazione di successione per l'eredità di mio padre dichiarando che gli eredi siamo io e mio fratello tizio, questi potrebbe comunque, anche successivamente, decidere di rinunciare.

    ciò detto, sinceramente non so come funzioni praticamente il passaggio di proprietà, è meglio se senti un notaio.
    come ha già detto bastimento immagino siano necessari più passaggi (le avide casse dello stato reclamano la loro parte!! :shock:), e che quindi solo dopo la presentazione della dichiarazione di successione (all'agenzia delle entrate entro un anno dalla morte del defunto) gli "eredi" (nell'accezione atecnica del termine) potranno dividersi bonariamente gli immobili come credono. e credo ci sarà tassazione, sempre per il discorso avidità di cui poco sopra...

     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina