1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Siccome và molto di moda il pavimento in gres porcellanato finto parquet
    anche io e mia moglie ci siamo orientati su questa scelta.
    Il pavimento che abbiamo scelto ha una forma di 20 x 60 cm.
    ovviamente abbiamo scelto una piastrella di qualità italiana, quello che si
    definisce RETTIFICATO, prezzo 35,00 €. mq. scontato.
    Ci è stato venduto come materiale di ottima qualità ma purtroppo!
    e si purtroppo il piastrellista lo ha posato tutto (circa 100 mq,) senza avvisarmi
    che le piastrelle erano tutte arcoate/bombate.
    Mettendo a contatto la parte smaltata e premendo solo da un lato dal lato opposto si
    aprono di 3 millimetri, insomma il risultato finale è uno scempio.
    Ora io dovrei contestate il lavoro ma: La ditta sia venditrice che fornitrice se ne lava le mani dicendo che il pavimento non andava posato e contestato prima, in effetti il piastrellista ha sbagliato a non avvisarmi.
    Ora siccome io nei cantieri ci lavoro ho preso 2 piastrelle di un'altra marca sempre italiana lunghe 1 metro e 20 nel cantiere di una mia cliente, bene queste sono perfettamente dritte sù tutta la lunghezza pur essendo più lunghe di 40 cm.
    Ora vi chiedo, secondo voi è giusto quel che dicono loro? cioè il pavimento và contestato prima
    di aver effettuato tutta la posa in opera?
    Preciso che ho fatto lasciare una fuga di 3 mm. ma nonostante la fuga il risultato finale è pessimo
    ho anche letto che le piastrelle RETTIFICATE devono essere dritte fino a permettere una posa anche senza fuga.
    Grazie a tutti.
     
  2. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non sono un piastrellista, ma... gia' ilo finto parquet non lo capisco...Un finto parquet con la fuga e' una FESSERIA!!!!:shock:
    Il risultato e' inaccettabile e non va pagato ne' piastrellista ne' la ditta venditrice.
    Il primo perche' doveva fare un finto parquet, senza fughe quindi e NON DOVEVA fare un lavoro del genere e non dovevate in alcun modo accettare le fughe. A quel pnto tanto valeva un bel gres effetto marmo del costo meno della meta'.
    La seconda perche' se mi vende una piastrella rettificata piana per finto parquet non puo' nascondersi dietro il fatto che non me ne sono accorto, non mi ha fornito il prodotto comprato e basta. Come minimo, visto che non riesco arenderlo perche' il piXla del pavimentista me lo ha montato mi dimezza il prezzo.
    Al pavimentista, come minimo non lo si paga. Se si lamenta, gli si fa notare che non ha fatto il lavoro per cui e' stato chiamato e ha rovinato il materiale da rendere perche' non si e' accorto che era difettoso (fa parte della sua "professionalita'") e non permetteva il lavoro a regola d'arte. Con la minaccia di una richiesta di danni pari ad una nuova ripavimentazione e al reso mancato alla ditta.
     
  3. francesco62

    francesco62 Membro Attivo

    Altro Professionista
    I pavimenti possono essere contestati prima o al massimo durante la posa e non a lavoro ultimato al massimo la ditta fornitrice potrà prendere in considerazione di restituire la differenza di fornitura tra 1a e 2a scelta (ammesso che ammetta un difetto nella piastrella) se l'hai pagato 35€ il prezzo della seconda è circa la metà ed il posatore non va pagato o pagato meno perché è lui che doveva accorgersi del difetto eventualmente fermarsi prima di finire il lavoro. Comunque da mia esperienza tutti questi finti parquet sono curvi ed imbarcati non né ho mai visto uno diritto
     
  4. Vaniglia18

    Vaniglia18 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Anche io ho un pavimento come il tuo (rex serie abisto rovere sbiancato).
    Le scuole di pensierò sono diverse. C'è chi dice che si possono montare senza fuga (e sono i venditori) e chi ti dice che qualunque pistrella ha necessità della fuga (e sono i posatori).
    Non si sà se gli uni per vendere e gli altri per non faticare e dannarsi troppo, ma sono due posizioni poco conciliabili.

    Puoi provare a vedere sulla confezione (o scheda tecnica) i parametri che indicano quanto è rettificato per provare a contestare qualcosa al fornitore.
    Magari te lo ha passato per prima scelta e non lo era.
    Cmq se hai delle piastrelle non posate puoi vedere se si imbarcano o meno.
    Anche il mio posartore ha avuto qualche difficoltà, ma tutto sommato mi è andata bene.
    Credo cmq che sia un gran bel prodotto, ma la posa fa molto la differenza.
     
  5. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Calma, non si tratta di colpe o di scuole di pensiero.

    TUTTE le volte che un cliente va a scegliersi da solo i rivestimenti ci torna con queste piastrelle rettificate "che mi ha detto il venditore si montano senza fuga e sono bellissime."
    E' una fregnaccia.

    Rettificata vuol dire che i bordi sono molati dopo la cottura per far si che le piastrelle abbiano bordi tutti uguali e stesse dimensioni.
    Ciò non toglie che la piastrella, quando viene cotta si imbarca, e più è lunga, peggio è!

    Il problema che ha riscontrato il tuo posatore è che disponendo le piastrelle a muretto o a correre i 2 estremi di una piastrella sono più bassi del punto medio della piastrella accanto, quindi se le avesse posate senza fuga si sarebbero sentiti tanti piccoli spigoli.
    Quindi ha dovuto per forza di cose farti la fuga.

    Verificare è facile, se ne prendono 2 si mettono faccia contro faccia e si controlla se il bordo combacia perfettamente lungo tutti e quattro i lati.

    Personalmente in questi casi consigliamo sempre il parquet vero, massello, eventualmente maschiato: scegliendo piccoli formati si possono avere pavimenti anche di essenze pregiate a prezzi molto buoni.
    Altrimenti per non vedere le fughe o marmo da levigare in opera, o resina.
     
  6. Vaniglia18

    Vaniglia18 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    In genere viene garantita anche la complanarità, perchè dicono che nel processo di cottura vengono applicate delle presse....quindi posate non dovrebbero "svettare" o imbarcarsi....
    Non chiamarle scuole di pensiero......(opposte fazioni?) ma il fatto non cambia. Andiamo a comprarle e il venditore spergiura che si possano montare senza fuga (se i bordi sono rettificati significa poi che sono verticali, senza smussatura tipica delle maioliche classiche e le puoi accostare....), poi di fatto il posatore ti dice che non è così....

    Io dico, per rispondere al post originario, che come consumatore, verificherei le caratteristiche del materiale che mi ha venduto per vedere se mi avessero spaccaito una seconda scelta per prima qualità.
     
  7. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Scusate il ritardo, rispondo a tutti

    Il posatore ha preso solo la metà dei soldi, perchè gli ho dato un acconto a inizio lavori, il resto non glielo dò sicuramente.
    Il Pavimento purtoppo lo ho pagato, il rappresentante si è preso 2 campioni per verificare e poi non lo ho più sentito, sono io che lo ho richiamato ma mi ha risposto
    che il pavimento è conforme alle tolleranze.
     
  8. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Ti sbagli, oggi ero su un cantiere dove avevano posato un pavimento simile, ma di un altra marca, il risultato era ottimo, anzi direi impressionante.
     
  9. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Sulla Scatola c'è scritto 1 A 50 dovrebbe essere una prima, le piastrelle sono tutte imbarcate di 3 mm.
     
  10. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Il pavimento RETTIFICATO se è di qualità può essere posato con una fuga minima
    come quello che ho visto oggi, che è della Marazzi e si chiama Treverk.

    [​IMG]
     
  11. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Si ma come faccio io a verificare?
    Ho Fatto vedere la piastrella a diversi piastrellisti e tutti mi hanno confermato che sono una schifezza.
    Comunque farò delle foto e poi le posto, magari linko anche la ditta fornitrice sperando che nessuno di voi ci capiti.

    Comunque grazie tutti :stretta_di_mano:
     
  12. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Confermo. finto parquet con fughe=fesseria.:pollice_verso: Poi, questione di gusti personalissimi.
    Potrei al massimo accettare quelli della Panaria serie Antico Listone, senza fuga, anche se il pavimentista secondo me sbianca a metterlo su.
    Tra il costo delle piastrelle e l'assistenza psichiatrica al pavimentista dopo la posa mi sa che costa meno un pavimento in parquet vero massello comprese 3 lamature...:disappunto::disappunto:
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  13. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Penso che nella discussione si sia andato fuori tema, parlando di ciò che è più bello e più liscio.
    Qui il problema è solo giuridico ed io andrei da un associazione di Consumatori, tipo Adiconsum o altre. Le garanzie sul prodotto venduto esistono e non credo che il venditore possa lavarsene le mani. Ripeto : problema giuridico. Prodotto venduto e garanzia di legge europea.
    Non stiamo a discutere se è meglio segare l'albero di pero o di melo : Associazione consumatori e mediazione civile. Alternativa : lasciare perdere e saltellare sul pavimento. Sono stupito dell'approccio sia poco tecnico che poco giuridico.
     
  14. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Non è facile, le piastrelle svolgono la loro funzione, il fatto che ci sia la fuga o meno non impedisce l'utilizzo delle stanze.
    Dal momento che "rettificato" non ha niente a che vedere con "piatto" che vuoi contestare?
    È una delle tante cose che in cantiere succedono e si risolvono solo con un DL attento che avrebbe dovuto controllare i materiali all'arrivo in cantiere e fermare il piastrellista prima che facesse danno.
     
  15. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Difatti oramai ho poco da fare ma: Il rappresentante ha quasi ammesso che le piastrelle "forse" non sono una 1°a scelta e che me le avrebbero cambiate.
    Allora se non sono una 1° sono una seconda scelta, quindi costano la metà, non avrebbero fatto una bella figura dicendomi "Guardi sig. Alessandro ci dispiace per quanto accaduto per venirle incontro le rimborsiamo metà di quello che ha speso".
    Io di certo a chiedere l'elemosina non ci vado.
     
  16. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Non mi va di insistere anche perchè non concordo con cafelab e poi si aprono diatribe fra membri "tecnici". La questione io l'avrei rimessa ad una associazione dei consumatori. Labr va Anna Bartolini ha lottato anni per sensibilizzarci sui nostri diritti, ma tu sei così orgogliorso da rifiutare il cambio della merce ( che chiami elemosina), vorrei sapere perchè hai scritto ad un forum per lamentarti.
    La ditta fornitrice sta rispettando, se le cosa stanno come dici tu, il codice del commercio. Molto corretti. D'altraperte, sapevano che un buon tecnico potrebbe fare una perizia giurata, altro che tenertele. Non faccio ulteriori commenti.
     
  17. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Mi sà che non ci siamo capiti, la merce l'avrebbero cambiata se non avessi posato tutto il pavimento ma solo 10/20 piastrelle ora invece non cambiano niente, per loro il discorso è chiuso.
    Orgoglioso? io? no direi uno a cui girano le scatole per aver speso oltre 5000 euro per un pavimento che è una schifezza.
     
  18. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Questo è un forum, quello che scriviamo è un insieme di nozioni che rimane a beneficio di tutti i lettori futuri, credo che proprio la possibilità di leggere diverse opinioni ed esperienze sia la cosa più utile.

    Io da parte mia, sulle piastrelle che i venditori *promettono* si possano montare senza fuga, ho la mia opinone (vedi post #5) basata su svariate esperienze di cantiere e relative delusioni dei clienti, che mi sembra l'esperienza di Alex.x confermi.

    Se tu hai esperienze differenti, casi o sentenze risolutive sarebbe di grandissimo aiuto leggere il tuo contributo.

    Stante che per risolvere occorrerebbe sostituire il pavimento ovvero:

    1 - fermare il cantiere magari per 2 mesi in attesa della fornitura
    2 - demolire tutto
    3 - portare a discarica
    4 - pagare la discarica
    5 - stendere un nuovo autolivellante
    6 - posare nuovo pavimento

    Tutti costi che si dovrebbe accollare il rivenditore.
    Si può fare, se c'è interesse a non perdere il cliente.

    Davvero li puoi costringere tramite un'associazione di consumatori, o un avvocato? E con che tempi?

    PS
    Il rappresentante che dice
    magra figura, così siamo buoni tutti!

    PPS
    In cantiere è un luogo fatto di persone che lavorano *a sbrigarsi* ogni lavorazione minimamente insolita o di precisione è fonte di problemi e di errori se non viene seguita passo passo da un DL esperto e taaanto paziente.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  19. Alex.x

    Alex.x Ospite

    Concordo in toto con tutto ciò che dici,

    Intanto posto un pò di foto.

    Foto 1: dall'alto verso il basso si vede come in fondo si aprano
    [​IMG]

    Foto2: Da notare come anche il taglio sia fuori squadra, poggiate su una base piana i basso sono a filo in alto aprono di 4 mmilimetri
    [​IMG]

    Foto 3: ho pggiato sopra una riga in alluminio, la foto parla chiaro direi
    [​IMG]

    Il mio scopo finale è solo essere utile a qualcun altro e non fargli ripetere il mio errore.
     
  20. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Visto i tuo sprito di sublime sacrificio per gli altri : fai il nome del prodotto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina