1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. carloq

    carloq Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Buongiorno,
    vorrei avere un'informazione relativa alle distanze tra edifici ed in paricolare per die villette su 2 livelli collegate tra loro da una tettoia di 6 metri(6 m la distanza tra gli edifici x 9 di lunghezza), a parte un eventuale portoncino d'ingresso è possibile mettere delle finestre al secondo piano almeno su una delle due in modo da avere per entrambe finestre sul lato a Sud?
    grazie
     
  2. akaihp

    akaihp Membro Attivo

    Altro Professionista
    le villette sono già esistenti? il confine di proprietà è relativo ai terreni o agli immobili? ci sarebbe accordo tra le parti?
     
  3. carbisig

    carbisig Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Decreto Ministeriale 1444/1968
    Art. 9. - Limiti di distanza tra i fabbricati
    Le distanze minime tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:
    1) Zone A): per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti, computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale.
    2) Nuovi edifici ricadenti in altre zone: è prescritta in tutti i casi la distanza minima assoluta di m 10 tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti.
    3) Zone C): è altresì prescritta, tra pareti finestrate di edifici antistanti, la distanza minima pari all'altezza del fabbricato più alto; la norma si applica anche quando una sola parete sia finestrata, qualora gli edifici si fronteggino per uno sviluppo superiore a ml 12.
    Le distanze minime tra fabbricati - tra i quali siano interposte strade destinate al traffico dei veicoli (con esclusione della viabilità a fondo cieco al servizio di singoli edifici o di insediamenti) - debbono corrispondere alla larghezza della sede stradale maggiorata di:
    - ml. 5,00 per lato, per strade di larghezza inferiore a ml. 7.
    - ml. 7,50 per lato, per strade di larghezza compresa tra ml. 7 e ml. 15;
    - ml. 10,000 per lato, per strade di larghezza superiore a ml. 15.
    Qualora le distanze tra fabbricati, come sopra computate, risultino inferiori all'altezza del fabbricato più alto, le distanze stesse sono maggiorate fino a raggiungere la misura corrispondente all'altezza stessa. Sono ammesse distanze inferiori a quelle indicate nei precedenti commi, nel caso di gruppi di edifici che formino oggetto di piani particolareggiati o lottizzazioni convenzionate con previsioni planovolumetriche.
    Una mia semplice indicazione: leggere bene e poi andare al SUAP del tuo comune a chiedere se possibile mettere delle finestre al secondo piano, perché i comuni hanno inserito l'art.9 nei propri PRG e RE, ma ognuno con il proprio adattamento.
     
  4. carloq

    carloq Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Grazie
    si tratterebbe di nuove costruzioni con nuovo PEC
    Le case non sarebbero di fatto divise in quanto hanno una tettoia di notevoli dimensioni in comune.
    certo lo sportello unico e l'ufficio tecnico sono gli interlocutori naturali ma preferirei avere qualche idea da chi ha costruito edifici simili.
    Buona serata
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina