• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sakuragi

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
un saluto a tutti i forumisti.
sono qui per chiedere il vostro parere su una delle due questioni che sono sorte ultimamente con i miei vicini (l'altra è in altra discussione).
dunque, questa è la situazione: nel maggio 2017 ho acquistato una vecchia casa in una corte di due unità abitative (le vecchie proprietarie erano sorelle e gli eredi hanno venduto) e al momento dell'acquisto, le due unità erano ormai disabitate, percui, quando siamo venuti ad abitarci, c'eravamo solo noi.
come si vede nella piantina, le due unità formano un ferro di cavallo con il cortile che è unico anche se ognuno ha il suo pezzo di proprietà.
la mia casa è quella colorata in giallo (la parte rossa è una tettoia), quella blu è la loro, e i pezzi verdi formano il cortile.
la linea rossa, è il portone, che si trova sulla loro proprietà (la mia termina con un muretto a confine con la strada) e quindi io ho solo il diritto di transito.
un anno dopo, è stata acquistata anche l'altra unità, da una giovane coppia, che però è venuta ad abitarci alla fine dell'estate, in quanto hanno fatto dei lavori.
quando sono venuti il primo giorno dopo l'acquisto, abbiamo chiesto se si poteva tenere il portone chiuso a chiave, per due motivi: uno, è perchè abbiamo dei gatti che adesso escono in cortile, e due perchè il marito dell'erede che ci ha venduto la casa, continuava a entrare e uscire come fosse casa sua lasciando sempre il portone spalancato, nonostante gli avessimo detto più volte di chiuderlo, e per risposta ci hanno detto che non c'era nessun problema, in quanto anche loro hanno un cagnolino.
per circa sei mesi non c'è stato nessun problema, poi da loro è venuta ad abitare un'amica, e così durante il giorno il portone ha cominciato a rimanere aperto, prima ogni tanto, poi tutto il giorno e alla fine anche di notte; noi continuavamo a chiuderlo a chiave, e poi lo ritrovavamo aperto.
la cosa però era un pò seccante per noi, in quanto se di giorno non era proprio indispensabile, almeno la notte avremmo voluto che il portone fosse chiuso, e così dopo un paio di mesi, grazie anche al fatto che ho una bimba piccola che aveva ormai cominciato a camminare, mia moglie ha chiesto di nuovo alla signora la chiusura a chiave, per evitare che la piccola uscisse fuori .
per qualche tempo, è tornato a essere chiuso a chiave, poi è tornato come prima.
qualche tempo dopo, mia moglie stavolta ha parlato all'amica che abitava da loro, e così per un periodo il portone era di nuovo (quasi) sempre chiuso, e poi di nuovo tutto come prima.
questo, fino a due mesi fa, quando il marito, si è avvicinato e mi dice che avevano intenzione di fare un divisorio tra le due proprietà, e di fargli sapere cosa ne pensavamo noi.
io, sapendo che avevo il diritto di transito, mi sono un pò informato, e così gli ho detto che se voleva dividere, non c'era problema (ovviamente a spese sue), ma che avrebbe dovuto lasciarmi 5 metri dal
cancello per permettermi di entrare, e senza dire niente mi ha chiuso la porta in faccia.
nel pomeriggio si sono incontrate le mogli, e la sua ha detto che pensavano di dividere le spese e che comunque loro avrebbero chiuso fino in fondo e noi avremmo dovuto aprire un nuovo passaggio dove c'è il muretto.
alchè, mia moglie le ha detto che se loro avevano intenzione di fare un muretto divisorio, le spese sarebbero state solo loro, mentre noi dovevamo provvedere al portone, e che comunque questo sarebbe stato all'interno in quanto noi avevamo il diritto di transito e non avevamo nessuna intenzione di abbattere la tettoia per fare un'altra uscita.
sembrava chiusa lì, poi dopo due settimane, la tipa manda un messaggio a mia moglie chiedendo se volevamo fare un accordo del tipo che loro si accollavano le spese, ma avrebbero chiuso del tutto e noi avremmo dovuto fare l'uscita sulla strada.
io e mia moglie ci siamo guardati, e le ho fatto rispondere che se ci davano 30mila euro per cedere il diritto di transito, si poteva fare.
la tipa ovviamente si è alterata, dicendo che noi non vogliamo andargli incontro, che fino adesso noi l'abbiamo sempre fatta da padroni ma che da ora in poi il portone sarebbe stato sempre aperto in quanto è loro e possono fare quello che vogliono, anche tirarlo via del tutto.

ora, i miei dubbi sono:
-d'accordo che il portone è loro, ma possono davvero fare quello che vogliono, anche tirarlo via? o devono avere il nostro consenso?
il fatto che ci siamo anche noi nella corte, non abbiamo proprio nessun diritto su di esso?
anche nel fatto che loro lo lascino aperto, nel caso ipotetico che vengano dei ladri, hanno qualche responsabilità?
-nel fatto del muro divisorio, possono farlo senza il nostro consenso?
e in ogni caso, dovrebbe essere fatto a confine o a una certa distanza? quanto dovrebbe essere alto?
-ultima cosa: qualche conoscente mi ha parlato di cortile promiscuo, ma a parte che non so se è il mio caso, io ancora non ho capito cosa vuol dire e cosa comporta.

Immagine.jpg
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Il portone è il loro, quindi possono lasciarlo aperto.
Non possono però chiudere il cortile, senza lasciarti passare da quel portone.
E non possono obbligarti a fare un altro portone dalla tua parte ( che oltretutto non è detto che si possa fare).
quindi attenzione a non procedere con comunicazioni e ultimatum fai da te, perché rischi di peggiorare la situazione.
Troverei ragionevole che separiate il cortile, ma non credo che un muro o muretto sia la soluzione; forse una cancellata, anche bassa, sarebbe utile anche a voi per la sicurezza.
Rivolgiti ad un tecnico, che possa capire come muoversi e trovare una soluzione accettabile ( fermo restando che hai diritto a passare dal portone).
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Da capire se il cortile è un bene comune o se avete ognuno la proprietà esclusiva di una porzione. Questo lo vedi già dal rogito
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Allora vale quanto già scritto da @francesca63: se hai paura di eventuali intrusioni puoi recintare la tua parte a tue cure e spese, non puoi dettare condizioni sulla proprietà del vicino (qui ha ragione lui). Però deve comunque consentirti il passaggio per la sua proprietà.

Io sono un gran fautore di "a ognuno il suo", quindi ti consiglio di dividere le proprietà per quanto più possibile, trovando un accordo col vicino giusto per mantenere dei buoni rapporti di vicinato che altrimenti andranno di certo deteriorandosi.
Basandomi anche sull'altra tua discussione, verificherei anche le servitù degli impianti, a iniziare da quello fognante per poi passare ai contatori.
 

sakuragi

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
salve a tutti.
torno un attimo sull'argomento per chiedere un'informazione.
ultimamente abbiamo discusso la cosa con i vicini e siamo arrivati ad un accordo.
ora, dobbiamo fare una recinzione (no muretto) condivisa, e mi lasciano 4,5 metri dal portone attuale per il passaggio e una piccola concessione alla fine della recinzione.
in comune han detto che non serve aggiornare carta catastale, ma io vorrei mettere nero su bianco come saranno le cose.
quindi volevo chiedere: bisogna andare tramite notaio o ci sono alternative?
in ogni caso, serve l'intervento di un tecnico per le misure e/o eventualidisegni?
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Se si tratta di una sola rete non serve una pratica edilizia dato che rientra nell'attività di ediliziaibera, e considerando che il cortile è già diviso non serve alcuna altra variazione catastale.
Se proprio ci tieni e magari devi fare ulteriori lavori edilizi puoi presentare una cila che ricomprende anche la rete a confine delle due proprietà.
 

sakuragi

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
una cila? scusa, ma che è?
forse non mi sono spiegato bene.....visto che la recinzione sarà metà mia e metà sua, da qualche parte dovrà essere scritto, o no? oltre a questo, quello che a me interessava era mettere per iscritto l'accordo, perchè oltre alla porzione di cortile per il transito, prevede una piccola concessione di terreno, e il fatto che loro dovrebbero togliere il cancello per metterlo all'interno dove finirà la recinzione.
non vorrei che un domani loro (o un futuro compratore) cambiassero idea e rimettessero il portone dovè ora, obbligandomi ad aprirne due per uscire.
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Come già detto non ti possono impedire di passare e se vogliono possono comunque rimontare il cancello dandoti le chiavi.
Se l'accordo prevede altri punti, come la "concessione" o altre servitù sarebbe opportuno firmarlo da un notaio e poi farlo registrare.

La cila é una pratica edilizia, che se firmata da entrambe le parti vale come assenso di entrambi (questo per la recinzione), però considera che una persona nel suo cortile può modificare lo stato dei luoghi come meglio crede quando vuole, questo ovviamente nel rispetto dei regolamenti e codice civile.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve a tutti, mi sono appena iscritto, non ho mai usato un forum in vita mia, quindi vi chiedo di perdonare qualche mio errore iniziale e di supportarmi nell'utilizzo.
Mi chiamo Simone Troisi, ho un agenzia immobiliare a Cava dè Tirreni in provincia di Salerno
L'immobiliare è la mia passione principale in tutte le sue forme... dai citofoni per il porta a porta, agli aspetti più tecnici come l'asset management.
Carminecucci ha scritto sul profilo di Marco Giovannelli.
Salve Marco
Volevo chiederle un consiglio su un immobile seminterrato, è situato in porta romana Milano all’interno del condomino accatastato come c2.L’agenzia ha detto che è possibile passarlo ad abitazione già nell’ annuncio, è chiamandoli mi hanno detto che bisogna fare i lavori e poi i vari documenti al comune. Mi posso fidare o l’agenzia per di vendere Dire sempre di tutto?
Alto