1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. carlo16352

    carlo16352 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti coloro di buona volonta' che vorranno confortarmi e confrontarsi su quello che sto per scrivere.
    Siamo due fratelli che (pace all'anima sua) ricevono in successione ereditaria dalla madre un appartamento ottocento/novecentesco in tufo del 1930 di circa 200mq-
    L'appartamento a planimetria originale e attuale ha un unico ingresso,ma noi invitati dal notaio a
    dividerlo abbiamo intenzione di utilizzare una bussola di ingresso comune che introducerebbe nei rispettivi appartamenti.
    I due appartamenti nascenti avrebbero le caratteristiche urbanistiche e di decoro per rendere usufruibili e abitabili gli stessi coi servizi e quant'altro.Il condominio non toccando parti comuni
    (la divisione avviene all'interno del primario appartamento con una bussola appunto) non è intaccato nei suoi diritti se non per la comunicazione dei nuovi millesimi. Ma purtroppo tutto si blocca difronte al piano regolatore comunale che prevede il frazionamento solo se i due appartamenti nei loro confini seguono pedissequamente la maglia strutturale originale.Cio' avviene al 90% nel senso che pur non intaccando nessun lavoro strutturale originario per una "chiusura di un appartamento " manca la continuita' di un metro e mezzo di maglia strutturale(sostituito da muro divisorio come da planimetria originale) e cio' comporta a dire comune la impossibilita' di frazionamento .Sono in difficolta' perche' so che il codice civile di contro all'art.720 pur difendendo e incoraggiando la divisione ereditaria
    parla solo di comoda divisione ..........
     
  2. mwmb2

    mwmb2 Membro Junior

    Altro Professionista
    Buonasera Carlo! Credo tu ti sia dato la risposta...il mio consiglio è di mandare un tecnico della zona a parlare in Comune per cercare una soluzione con loro che li accontenti e al contempo soddisfi le tue esigenze.
     
  3. carlo16352

    carlo16352 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    hai sicuramente ragione! ho gia' commesso l'errore di andare da solo al comune.Ma il trattarsi di divisione ereditaria ,piuttosto che una mera richiesta di frazionamento per il Comune non cambia nulla a riguardo? nel senso che se ne sbatte .....di quello che imporrebbe per esempio una divisione giudiziale.
     
  4. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    In caso di divisione giudiziale il giudice nominerebbe un CTU al quale conferirebbe l'incarico di accertare la "comoda divisibilità del bene".
    Nel fare questo, il CTU dovrebbe tener conto anche delle eventuali limitazioni derivanti dai Regolamenti Comunali.
    Quindi è necessario accertare la fattibilità tecnico amministrativa della divisione... il consiglio di mwmb2 è certamente da seguire.
     
    A mwmb2 piace questo elemento.
  5. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Credo che un tecnico che visioni i luoghi e la planimetria riuscirà a sistemare la situazione, così ad intuito mi sa che sia solo un problema di far interpretare la planimetria di divisione conforme a quanto prevede il regolamento.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina