• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno, scrivo per un parere in merito ad una situazione piuttosto "ingarbugliata" che si è venuta a creare sull'acquisto di un immobile.

Ho visionato per la prima volta l'immobile X con Agenzia A ad ottobre, mi è piaciuto subito ma prima di procedere con un'offerta avevo bisogno di vendere casa mia.
Post lock-down, dal momento che la vendita del mio immobile si stava concretizzando, comincio a muovermi per l'acquisto scoprendo che l'agenzia A non aveva più il mandato.
Vedo chiaramente anche altri immobili con altre agenzie e una di queste, Agenzia B, durante una delle visite, tramite pochi elementi che mi sono lasciato sfuggire, riesce a capire il mio interesse per l'immobile X.
Mi ricontattano la settimana successiva dicendomi di avere un immobile che gli stava entrando proprio nella zona di mio interesse e prendiamo appuntamento per visionarlo.
Prima dell'appuntamento insisto a chiedergli di anticiparmi via e numero civico ma fanno i vaghi e mi dicono di passare in ufficio da loro da dove poi ci saremo mossi insieme.
Arrivati all'appuntamento mi portano esattamente davanti immobile X al cui interno c'era la proprietaria che ci fa rivedere l'immobile, io chiaramente dico ad Agenzia B che lo conosco bene perchè già visto con Agenzia A.
I furbacchioni, ritornati in ufficio mi dicono che stavano predisponendo l'annuncio ma se facevo subito l'offerta loro si stoppavano.
Faccio quindi un'offerta che non viene accettata.

L'altro giorno mi ricontatta Agenzia A (che sapeva bene che a suo tempo ero interessato a Immobile X e che al momento sono alla ricerca) e mi dice che hanno appena ripreso il mandato per la casa.

Tornassi indietro chiaramente mi fermerei sull'uscio evitando la visita con Agenzia B e la successiva proposta. So che la soluzione più semplice sarebbe lasciare stare, però come potete immaginare se mi sto ponendo tutti questi problemi è perchè l'immobile in questione mi piace particolarmente ed è perfetto per le mie esigenze familiari.

Cosa succede secondo voi se presento una nuova offerta con Agenzia A, maggiore rispetto alla precedente, e questa dovesse essere accettata? Che pretese potrebbe avanzare quel furbacchione di Agenzia B?
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Sei stato ingenuo, non dovevi rivederla con B.
Ora, o le due agenzie si mettono d’accordo tra di loro, prima che tu avanzi una nuova proposta con una delle due, oppure sono guai assicurati.
Dato che, evidentemente, nessuna delle due ha l’esclusiva, puoi proporre che una prenda le provvigioni da te, e l’altra dalla venditrice.
Ma, come detto, devi essere certo che ci sia un accordo scritto e chiaro, prima di firmare alcunché.
Altrimenti sarai costretto a cercare altro immobile, evitando di ripetere un errore così grossolano.
 

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Grazie per la risposta. Purtroppo mi rendo conto dell'ingenuità, ma per chi non cerca casa tutti i giorni (a dirla tutta è la prima volta) è un attimo cadere nei tranelli di questi personaggi disonesti che rovinano la reputazione di un'intera categoria.
In questo momento però Agenzia A (con la quale ho visto l'immobile la prima volta) ha il mandato in esclusiva (e a questo punto chiaramente pretenderei di averne un copia prima di fare la proposta). Chi non ha mai avuto il mandato è stata Agenzia B che si è presentata dal venditore con un cliente interessato.
Agenzia A quindi è stata la prima a farmi visionare l'immobile, ora ha nuovamente il mandato in esclusiva, la proposta con Agenzia B è fallita, quello che mi chiedo è con quale diritto Agenzia B potrebbe chiedere la provvigione?
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
quello che mi chiedo è con quale diritto Agenzia B potrebbe chiedere la provvigione?
Stai tranquillo che te le chiederebbe, e una causa potrebbe durare anni.
Ha capito a che casa eri interessato, e si è dato da fare per mostrartela; lui molto intraprendente, tu molto ricettivo; il pasticcio è assicurato.
Non ti deve interessare chi ha l'esclusiva adesso; ti devi solo preoccupare di trovare un modo per comprare mettendo d'accordo le due agenzie.
Oppure lasci stare.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Grazie per la risposta. Purtroppo mi rendo conto dell'ingenuità, ma per chi non cerca casa tutti i giorni (a dirla tutta è la prima volta) è un attimo cadere nei tranelli di questi personaggi disonesti che rovinano la reputazione di un'intera categoria.
In questo momento però Agenzia A (con la quale ho visto l'immobile la prima volta) ha il mandato in esclusiva (e a questo punto chiaramente pretenderei di averne un copia prima di fare la proposta). Chi non ha mai avuto il mandato è stata Agenzia B che si è presentata dal venditore con un cliente interessato.
Agenzia A quindi è stata la prima a farmi visionare l'immobile, ora ha nuovamente il mandato in esclusiva, la proposta con Agenzia B è fallita, quello che mi chiedo è con quale diritto Agenzia B potrebbe chiedere la provvigione?
Inutile vittimismo e tante menate per nulla.

Nel festival dei "furbetti del propostino".

L'agenzia B ha fatto il proprio mestiere.

Bene, fino a un certo punto, proponendoti un alloggio di tuo sicuro interesse.
Presdisponendo il tutto, salvo poi sbagliarlo tutto, nelle fasi della proposta e dell'accettazione.
Rispedita brutalmente al mittente.

Dopo esserti recato, concusso all'genzia B, avanzando la proposta, ora vorresti dare ad intendere, di far parte del "salotto buono degli onesti", mentre quegl'altri sono i parvenu' disonesti, che rovinerebbero i salotti della categoria.

Vien da chiedersi come la penseresti se l'agenzia B fosse ritornata con la proposta accettata.
 
Ultima modifica:

Laura.Roma

Membro Junior
Privato Cittadino
Grazie per la risposta. Purtroppo mi rendo conto dell'ingenuità, ma per chi non cerca casa tutti i giorni (a dirla tutta è la prima volta) è un attimo cadere nei tranelli di questi personaggi disonesti che rovinano la reputazione di un'intera categoria.
In questo momento però Agenzia A (con la quale ho visto l'immobile la prima volta) ha il mandato in esclusiva (e a questo punto chiaramente pretenderei di averne un copia prima di fare la proposta). Chi non ha mai avuto il mandato è stata Agenzia B che si è presentata dal venditore con un cliente interessato.
Agenzia A quindi è stata la prima a farmi visionare l'immobile, ora ha nuovamente il mandato in esclusiva, la proposta con Agenzia B è fallita, quello che mi chiedo è con quale diritto Agenzia B potrebbe chiedere la provvigione?
Secondo me l'Agenzia B ha fatto una mossa truffaldina, dal momento che non aveva esclusiva. Se ho letto bene, una volta capito quale era l'immobile di tuo interesse, ha contattato il proprietario proponendogli un potenziale acquirente interessato: tu. Se è così non devi proprio nulla a questi banditi, dai quali sei stato raggirato. Se decidessi di acquistare la casa con agenzia A e questi avanzassero pretese digli che sei pronto a denunciarli.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Quanti errori in questo post...

Secondo me l'Agenzia B ha fatto una mossa truffaldina, dal momento che non aveva esclusiva.
Intanto sarebbe ora di piantarla di usare il termine "truffa" con i suoi derivati a vuoto e senza sapere d che cosa si sta parlando...

Secondo, il fatto di non avere l'esclusiva non rende "truffaldina" nessuna mossa.

Se è così non devi proprio nulla a questi banditi, dai quali sei stato raggirato.
Perchè non pensate prima di scrivere ? Non siamo su Facebook e il termine "bandito" e "raggiro" (equivalente a truffa) è meglio lasciarlo stare.

questi avanzassero pretese digli che sei pronto a denunciarli.
Denunciare chi e perchè ?

Wingnut è andato pure a vedere l'appartamento con loro, non si è rifiutato di salire avendolo già visto, la proprietaria li ha fatti entrare, quindi era d'accordo, ha fatto addirittura una proposta, evidentemente troppo bassa ...

Quindi ???
 

Laura.Roma

Membro Junior
Privato Cittadino
il fatto di non avere l'esclusiva non rende "truffaldina" nessuna mossa.
Cito l'autore del post:
"I furbacchioni, ritornati in ufficio mi dicono che stavano predisponendo l'annuncio ma se facevo subito l'offerta loro si stoppavano."

Cioè hanno fatto credere una cosa non vera. Perché se è vera, da domani mi licenzio e comincio anche io a fare questo lavoro: pubblicare, non autorizzata, annunci di immobili che sono nel portafoglio alle AI. Fico!

Perchè non pensate prima di scrivere ? Non siamo su Facebook e il termine "bandito" e "raggiro" (equivalente a truffa) è meglio lasciarlo stare.
hai ragione, "para...ulo" e "presa per i fondelli" forse sono termini più moderati.

Denunciare chi e perchè ?
Solo mettergli paura, mica denunciare veramente ;)
Wingnut è andato pure a vedere l'appartamento con loro, non si è rifiutato di salire avendolo già visto, la proprietaria li ha fatti entrare, quindi era d'accordo, ha fatto addirittura una proposta, evidentemente troppo bassa ...

Quindi ???
Quindi sono dei gran para...venti: gli hanno comunicato che "era entrato un nuovo immobile che gli poteva interessare" (balla); gli hanno dato appuntamento in agenzia invece che in loco, prendendolo in giro fino alla fine. L'unica "colpa" di Wingnut è che essendo la prima volta che andava a vedere una casa, come da lui riferito, poteva non sapere molte cose di come le AI lavorano, di come funziona la provvigione etc ma soprattutto essere inconsapevole dei volponi con cui aveva a che fare.
La prossima volta di sicuro sarà più cauto!
 

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Inutile vittimismo e tante menate per nulla.

Nel festival dei "furbetti del propostino".

L'agenzia B ha fatto il proprio mestiere.

Bene, fino a un certo punto, proponendoti un alloggio di tuo sicuro interesse.
Presdisponendo il tutto, salvo poi sbagliarlo tutto, nelle fasi della proposta e dell'accettazione.
Rispedita brutalmente al mittente.

Dopo esserti recato, concusso all'genzia B, avanzando la proposta, ora vorresti dare ad intendere, di far parte del "salotto buono degli onesti", mentre quegl'altri sono i parvenu' disonesti, che rovinerebbero i salotti della categoria.
Ma quale vittimismo o menate? Sicuramente ingenuo, però si, mi sento di far parte del "salotto buono degli onesti" visto che mi sono sempre mosso in buona fede senza voler scavalcare nessuno.

Vien da chiedersi come la penseresti se l'agenzia B fosse ritornata con la proposta accettata.
Per come la vedo io, ha senso parlare di provvigione se porti le due parti a concludere una trattativa ed in quel caso si sarebbero presi quanto gli spettava.

Come dici te, non sono stati in grado di far arrivare le due parti ad un accordo: arrivederci e grazie.
Dal momento che non sono più titolati a far nulla su quell'immobile essendoci ora un mandato in esclusiva con Agenzia A, non accetto di vedermi tagliato fuori o di dover per forza corrispondere qualcosa a chi ad un possibile futuro accordo ha dato valore pari a 0.
 

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Se ho letto bene, una volta capito quale era l'immobile di tuo interesse, ha contattato il proprietario proponendogli un potenziale acquirente interessato: tu.
E' esattamente così, e l'ha fatto nel modo più sporco possibile. Io sono andato a vedere con loro una casa, parlando gli ho fatto capire che oltre che la tipologia anche la zona non era proprio perfetta per me perchè stavo cercando in un altro punto.
Mi dicono che proprio in quei giorni gli stava entrando un immobile per quella zona, ci passiamo davanti e me lo indicano. Io ingenuamente gli dico "è perfetto, pensa che io puntavo ad uno sulla parallela che ora non è più in vendita". Da lì hanno riscostruito il tutto e si sono mossi.
Ah, dimenticavo. L'immobile che mi hanno indicato non gli è mai entrato e so per certo che i proprietari non hanno intenzione di vendere. Era solo un modo per portarmi da quelle parti e farsi indicare la casa.
Capito di che personaggi parliamo?
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Buongiorno, scrivo per un parere in merito ad una situazione piuttosto "ingarbugliata" che si è venuta a creare sull'acquisto di un immobile.

Ho visionato per la prima volta l'immobile X con Agenzia A ad ottobre, mi è piaciuto subito ma prima di procedere con un'offerta avevo bisogno di vendere casa mia.
Post lock-down, dal momento che la vendita del mio immobile si stava concretizzando, comincio a muovermi per l'acquisto scoprendo che l'agenzia A non aveva più il mandato.
Vedo chiaramente anche altri immobili con altre agenzie e una di queste, Agenzia B, durante una delle visite, tramite pochi elementi che mi sono lasciato sfuggire, riesce a capire il mio interesse per l'immobile X.
Mi ricontattano la settimana successiva dicendomi di avere un immobile che gli stava entrando proprio nella zona di mio interesse e prendiamo appuntamento per visionarlo.
Prima dell'appuntamento insisto a chiedergli di anticiparmi via e numero civico ma fanno i vaghi e mi dicono di passare in ufficio da loro da dove poi ci saremo mossi insieme.
Arrivati all'appuntamento mi portano esattamente davanti immobile X al cui interno c'era la proprietaria che ci fa rivedere l'immobile, io chiaramente dico ad Agenzia B che lo conosco bene perchè già visto con Agenzia A.
I furbacchioni, ritornati in ufficio mi dicono che stavano predisponendo l'annuncio ma se facevo subito l'offerta loro si stoppavano.
Faccio quindi un'offerta che non viene accettata.

L'altro giorno mi ricontatta Agenzia A (che sapeva bene che a suo tempo ero interessato a Immobile X e che al momento sono alla ricerca) e mi dice che hanno appena ripreso il mandato per la casa.

Tornassi indietro chiaramente mi fermerei sull'uscio evitando la visita con Agenzia B e la successiva proposta. So che la soluzione più semplice sarebbe lasciare stare, però come potete immaginare se mi sto ponendo tutti questi problemi è perchè l'immobile in questione mi piace particolarmente ed è perfetto per le mie esigenze familiari.

Cosa succede secondo voi se presento una nuova offerta con Agenzia A, maggiore rispetto alla precedente, e questa dovesse essere accettata? Che pretese potrebbe avanzare quel furbacchione di Agenzia B?
Complimenti vivissimi ai proprietari ed alle agenzie A e B che lavorano da dilettanti. Però se fai l'offerta con una delle due agenzie a te basta essere trasparente (decidi tu come) e in buona fede non avrai problemi. Un consiglio, vista la scaraggine delle due agenzie (quelle vere non lavorano così, almeno secondo quanto leggo dal tuo racconto) magari fatti seguire da un altro agente immobiliare di fiducia, o consigliato da qualcuno.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Era solo un modo per portarmi da quelle parti e farsi indicare la casa.
Capito di che personaggi parliamo?
Non vedo dove sia la scorrettezza.

In un'attività come quella dell'agente immobiliare, che per sua stessa definizione, presume un'azione predatoria.
Provocando un'effetto, quello del contatto tra le parti, mediante la sua azione.

Sotterfugi, espedienti, rapaci trucchetti di mestiere, sono tutti leciti.

Mi capitò di portare in giro con me in auto un imprenditore, che cercava di acquistare un immobile da ristrutturare, per fare un'operazione immobiliare.
Gli avevo mostrato sei o sette soluzioni, tutte giudicate troppo care.

Passando in una determinata zona, mi confidò di avere qui, già sottomano una soluzione, una vecchia casa appartenuta ad una signora, che era morta da poco e che quindi questo giro, gli serviva per valutare se vi fosse sul mercato qualcosa di meglio.

Erano le dieci del mattino.
Scarico il cliente e rientro in ufficio di corsa a consultare il mio "black book".

Uno piu uno fa due ed in un attimo sono in linea con gli eredi dell'anziana scomparsa.

Alle 19 firmiamo il preliminare.

Il giorno dopo l'imprenditore arriva in ufficio arrabbiato nero perchè gli ho soffiato l'affare.

" Se vuoi te lo rivendo".
 
Ultima modifica:

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Non vedo dove sia la scorrettezza.

In un'attività come quella dell'agente immobiliare, che per sua stessa definizione, presume un'azione predatoria.
Provocando un'effetto, quello del contatto tra le parti, mediante la sua azione.

Sotterfugi, espedienti, rapaci trucchetti di mestiere, sono tutti leciti.

Mi capitò di portare in giro con me in auto un imprenditore, che cercava di acquistare un immobile da ristrutturare, per fare un'operazione immobiliare.
Gli avevo mostrato sei o sette soluzioni, tutte giudicate troppo care.

Passando in una determinata zona, mi confidò di avere qui, già sottomano una soluzione, una vecchia casa appartenuta ad una signora, che era morta da poco e che quindi questo giro, gli serviva per valutare se vi fosse sul mercato qualcosa di meglio.

Erano le dieci del mattino.
Scarico il cliente e rientro in ufficio di corsa a consultare il mio "black book".

Uno piu uno fa due ed in un attimo sono in linea con gli eredi dell'anziana scomparsa.

Alle 19 firmiamo il preliminare.

Il giorno dopo l'imprenditore arriva in ufficio arrabbiato nero perchè gli ho soffiato l'affare.

" Se vuoi te lo rivendo".
Compliementi! Da andarne fiero!

Il modo di vivere che sto cercando di trasmettere ai miei figli per fortuna è l'esatto opposto di questo approccio di fregare chiunque a qualsiasi costo.
 

Laura.Roma

Membro Junior
Privato Cittadino
Non vedo dove sia la scorrettezza.

In un'attività come quella dell'agente immobiliare, che per sua stessa definizione, presume un'azione predatoria.
Provocando un'effetto, quello del contatto tra le parti, mediante la sua azione.

Sotterfugi, espedienti, rapaci trucchetti di mestiere, sono tutti leciti.
Diventa meno lecito quando vai a pretendere la commissione da chi aveva già visto la casa con l'agenzia precedente e che ora ha di nuovo il mandato. La trattativa intermediata dall'agenzia B è fallita e quindi amen, non possono pretendere nulla da lui qualora dovesse concludere l'affare con l'agenzia A.

Ad ogni modo al cliente non fa piacere sentirsi preso per il deretano, anche se lei lo considera lecito e credo che alla lunga la disonestà non paghi.
 

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ad ogni modo al cliente non fa piacere sentirsi preso per il deretano, anche se lei lo considera lecito e credo che alla lunga la disonestà non paghi.
Esatto, anche perchè mi piacerebbe immaginare l'agente immobiliare come una figura che mi assiste e mi accompagna nella vendita e acquisto di un immobile piuttosto che come una persona pronta a fregarti al primo errore e vedere la provvigione come un riconoscimento della consulenza svolta piuttosto di una "stecca" perchè solo lui ha diritto a lavorare su quell'immobile.
 

Cawy

Membro Junior
Privato Cittadino
Però scusatemi, se fosse dimostrabile che già ad ottobre il cliente aveva visionato la casa con l'agenzia A, ciò non è preminente rispetto alla proposta formulata poi con agenzia B? Che peraltro non è andata a buon fine, quindi non c'è stata conclusione dell'affare, e nemmeno si può dire che l'agenzia B sia servita al cliente per venire a conoscenza dell'immobile (dato che lo conosceva già in quanto già visitato tramite la prima agenzia).

Fermo restando che Wingnut avrebbe fatto bene a non procedere una volta accortosi che si trattava della stessa casa, ma ormai quel che è fatto è fatto (servirà per il futuro).
 

Laura.Roma

Membro Junior
Privato Cittadino
Beati voi che non vivete in questo mondo.

Tutti dipendenti, eh ?
Se davvero per campare siete costretti a furbizie e trucchetti c'è qualcosa che non va. Forse la professione dell'AI non è adeguatamente normata e regolamentata, al fine di garantire sia il cliente che l'AI. E non sareste i soli, in questa giungla di Paese.
 

Wingnut

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Però scusatemi, se fosse dimostrabile che già ad ottobre il cliente aveva visionato la casa con l'agenzia A, ciò non è preminente rispetto alla proposta formulata poi con agenzia B? Che peraltro non è andata a buon fine, quindi non c'è stata conclusione dell'affare, e nemmeno si può dire che l'agenzia B sia servita al cliente per venire a conoscenza dell'immobile (dato che lo conosceva già in quanto già visitato tramite la prima agenzia).
A Ottobre ad Agenzia A firmai il fogli di visita.

Fermo restando che Wingnut avrebbe fatto bene a non procedere una volta accortosi che si trattava della stessa casa, ma ormai quel che è fatto è fatto (servirà per il futuro).
Vero, è stata la mia premessa che qualcuno ha definito "inutile vittimismo". Non tutti nasciamo imparati e prima di questa esperienza davo per scontato che la provvigione spettasse all'agenzia, e solo ad quell'agenzia, che ti porta all'accordo finale e tuttora ritengo che così dovrebbe funzionare. Allo stato dell'arte non riesco a capacitarmi su quale valore aggiunto possa aver dato Agenzia B in tutta questa storia!
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Diventa meno lecito quando vai a pretendere la commissione da chi aveva già visto la casa con l'agenzia precedente e che ora ha di nuovo il mandato. La trattativa intermediata dall'agenzia B è fallita e quindi amen, non possono pretendere nulla da lui qualora dovesse concludere l'affare con l'agenzia A.

Ad ogni modo al cliente non fa piacere sentirsi preso per il deretano, anche se lei lo considera lecito e credo che alla lunga la disonestà non paghi.
L'agenzia B non ha preteso nulla.
Inutile fare i processi alle intenzioni.
Quando poi neppure quelle si sono manifestate.

Per quanto riguarda la presa per i fondelli non si capisce come, dove e quando questa sia avvenuta.

Dal momento che il cliente e' andato a visionare la stessa casa con un altro mediatore.
Poi si e' da lui recato a formulare la proposta.
Sapendo sia prima, che durante, sia dopo la proposta, di averlo gia' visto con un'altra agenzia.

Con la quale a suo tempo aveva visionato l'immobile.
Seguito e assistito da quel mediatore, che gli ha dedicato tempo e risorse "investendole", nonostante questo si trovasse nella condizione di non poter comperare.

Se prima, trattando con l'agenzia A gli ha fatto solo perdere tempo, dopo, di conserva con l'altra agenzia, si e' prodigato per mettergliela proprio in quel posto.

Bell'insegnamento da tramandare ai figli.

Una zuppa densa di incoscienza, di imbroglio e di ignoranza.
Povere creature.

Ogni agente immobiliare, si e' ritrovato nella stessa situazione sia dell'agenzia A, che di quella B.

Circostanze, che avvengono sempre e solo per la malafede dei clienti, oppure per la loro presunta ignoranza, con la quale si giustificano.

Ora che la trattativa con agenzia B e' fallita, vorrebbe tornare dalla A, ben sapendo di correre il rischio che la B avanzi pretese.
Prima, nell'azione conversa, non lo sapeva.
Sara' diventato intelligente all'improvviso.

Oppure, più verosimile, il genio confidava sul fatto che l'agenzia A, non sapesse nulla, né mai avrebbe scoperto nulla, dell'azione di frodo posta in essere per il tramite e non per causa, dell'agenzia B.

Che sa' tutto.

Da qui le menate e gli inutili vittimismi, per giustificare una nuova azione di frodo, stavolta contro gli interessi dell'agenzia B.

Spettacolo da saltimbanchi.

Più per consuetudine, che per orientamento giuridico, di solito, se un mediatore, qualunque questo sia, il primo o il decimo, che ti propone un affare;
Riesce a far accettare dal venditore la stessa proposta, che un altro mediatore non e' riuscito a concludere, il mediatore che ha mancato la conclusione del contratto soccombe.

Tuttavia le variabili sono infinite.

Dettate dal prezzo, dalle condizioni differenti e dalla condotta truffaldina o incauta, dell'acquirente citato in giudizio.

Evidentemente alcune qualita' di clienti se lo meritano.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Franzvr88 ha scritto sul profilo di HoM& Hunter.
Salve piacere di conoscerla
Sono agente immobiliare
Buon giorno, per cortesia Vi scrivo per avere delle informazioni, ovvero l'amministratore di condominio può anche avere un'agenzia immobiliare? Ho trovato risposte molto contrastanti. Grazie
Alto