1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Buongiorno, abito in un casa da circa 11 anni, dove inizialmente è stato stipulato un contratto in comodato d'uso. Circa 5 anni fa è stato fatto un nuovo contratto regolare di 4 anni + 4 anni e dovrebbe scadere nel 2019.
    Il proprietario percepisce €350 ma in realtà il contratto è registrato per € 150.
    L'altro giorno ci ha informati che ci manderà una lettera tramite l'avvocato in cui comunicherà la volontà di aumentare il canone di locazione a € 400, facendo un nuovo contratto e registrando tutto in regola, altrimenti ci da sei mesi di tempo per lasciare la casa.
    Non ha mai chiesto aumento ISTAT anche se nel contratto è citato in misura del 75%.
    Quesito 1: è possibile chiedere arretrati aumenti ISTAT? che ovviamente sarà su € 150.
    Quesito 2: è possibile modificare e/o annullare un contratto di locazione che ha naturale scadenza nel 2019, e quindi farne uno nuovo?
    noi non siamo d'accordo con l'aumento poichè sono state pattuite cifre diverse. Possiamo opporci, pretendendo di aspettare la scadenza del contratto? e se non accettiamo, può mandarci davvero via tra sei mesi?
     
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il contratto è stipulato fino al 2019.

    Solo al locatario, che siete voi, è concessa la facoltà di disdire e o di revocare il contratto.

    In mancanza di una vostra formale raccomandata il locatore - proprietario, nulla può intimare, ma bensì sottostare ai patti contrattuali, che pure sono registrati.

    Il proprietario è un vostro parente, oppure nel periodo del comodato gratuito, il canone era corrisposto interamente in nero?

    Immagino che attualmente il residuo tra 150 e 350 sia corrisposto da voi in nero.

    Come regolarizzate questo pagamento integrativo..?

    Con un canone registrato così irrisorio, per lui sarà dura, avere la meglio su di voi, qualsiasi siano le controversie che tra di voi ci sono e o che potrebbero crearsi profuturo.

    Tutelarsi in questo senso è certamente il suo obbiettivo.

    Avrebbe dovuto pensarci bene prima.

    Cambiare il contratto e o aumentarlo, non è possibile tanto per lui, quanto per voi non è possibile diminuirlo.

    Detto questo, la differenza tra i 350 attuali e i 400 di obiettivo proposto, non appare siderale.

    Se pensate di rimanere oltre il 2019, stipulare un nuovo contratto, blindando quel prezzo fino al 2024, è una cosa intelligente da fare.
    Meglio far buon viso a cattivo giuoco e assecondare le richieste del locatore.

    Se invece pensate di lasciare l'alloggio entro il 2019, potete benissimo restare nella vostra posizione di disaccordo.

    Anche se non pagate più la differenza tra i 150 e i 350 egli nulla può fare.

    Quanto meno per vie legali.
     
    A cafelab, osammot, Bagudi e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Il proprietario è un nipote di mia zia (quindi non parente diretto) e abbiamo sempre corrisposto purtroppo tutto in nero.

    Attualmente non rilascia ricevuta nemmeno per i 150 euro. Che percepisce la nonna al posto suo, perchè fuori sede.


    Altra cosa che vorrei sapere: è possibile chiedere arretrati ISTAT?
     
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se previsto dal contratto si.

    Provvedete.

    Si tratta di un corrispettivo risibile ma che vi pone in una posizione piu corretta e coerente della sua.

    Appare evidente, che se si rinfacciano tali questioni, i rapporti tra voi non siano piu tanto amichevoli.

    Se cosi e', innanzitutto non mancate mai, in ogni occasione, di "ammazzarlo" di diplomatica cortesia.

    Se pensate di lasciare l'alloggio, se non prima, alla scadenza naturale dell'impegno, bene potete sanare la questione arretrati istat e proseguire nella conduzione del contratto, per come risulta registrato.

    Il rispetto scrupoloso del contratto, vi rendera' invulnerabili, fino alla scadenza.

    Dopo neanche due mesi accettera' qualsiasi vs condizione pur di recuperare i quattrini.
     
    Ultima modifica: 24 Maggio 2016
    A Bagudi piace questo elemento.
  5. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie mille per le risposte. quindi ho ben capito che siamo inattaccabili fino al 2019 in ogni caso. Attendo che arriva la lettera dell'avvocato per capirne il contenuto.
     
  6. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non arriverà.

    Molto probabile che la questione avvocato sia un bluff.
     
    A eldic, osammot e Bagudi piace questo elemento.
  7. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Non ha mandato lettera dell'avvocato,ma una scritta di sua mano,che non serve a nulla.
    PicsArt_06-13-01.11.34.jpg
     
  8. giovanniEDC

    giovanniEDC Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Anche se la mandava l'avvocato, non valeva di più..
     
    A sara87 e ab.qualcosa piace questo messaggio.
  9. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Infatti non è il mittente che è bacato, ma il contenuto.
    Immagino che sia pure andato dall'avvocato, il quale si sarà fatto un tot di risate alla sua richiesta. :^^:
     
    A sara87 piace questo elemento.
  10. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    però non hanno ricevute di pagamento dei canoni.
     
  11. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Secondo me stante la totale mancanza di azione rispetto ad una immaginaria morosità e la differenza tra il percepito e il dichiarato, il rischio che un giudice possa credere che loro non paghino il canone è bassa.
    Molto più facile che creda agli inquilini quando gli dovessero raccontare che pagano in nero 200 euro in più di quanto dichiarato in contratto.
    Poi se riescono a pagare con mezzi tracciabili o quantomeno a procurarsi delle prove o una ricevuta dei pagamenti meglio ancora.
     
    A elisabettam piace questo elemento.
  12. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    purtroppo no. erroneamente abbiamo sempre tralasciato su questa cosa poichè essendoci un parente in comune abbiamo evitato di fare discussioni.
    Mia mamma la mensilità l'ha sempre consegnato alla nonna.
     
  13. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    purtroppo l'unica prova potrebbe essere la quota prelevata dalla pensione di mia madre ogni mese dal libretto postale.
    o la presenza di qualcuno quando vniene consegnato la mensilità.

    Noi non vorremmo arrivare ad un'azione legale. Con le buone vorremmo cercare di fargli capire che non può fare nulla, se non attendere la scadenza del contratto
     
  14. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Da quel che mi risulta se l' Istat non lo chiedi è perso.
    Può chiederlo da quest'anno in avanti.
    IMportante è avere le ricevute di pagamento, potrebbe metterti in mora e chiedere sfratto per morosità.
    Io chiederi a loro un conto bancario d'appoggio ove spedire il bonifico mensile che attesti il pagamento del canone.
    Il resto è fuffa.
     
  15. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Maveramente...??

    Ma questo nipote risulta negli atti al 100% o e' comproprietario con la nonna...?

    La nonna a che titolo percepiva i soldi...?

    Se siete li' da piu di dieci anni avete le utenze a voi intestate.
    Se e' cosi, non c'e' da preoccuparsi, per la questione sfratto per morosita'.

    Intanto da ora in poi, puoi cominciare a pagare il canone, con un vaglia postale.

    Ti basta conoscere nome, cognome e indirizzo.
    Stanno scritti nel contratto senza dover chiedere nulla.
    Ormai e' tardi per chiedere e o parlare.

    Lo strumento e' tracciabile e valido. Efficace come un assegno circolare.

    La prassi e' frequente nelle procedure di mora credendi.

    Io fossi in te @sara87 ora farei rispondere da un'avvocato.

    Lettera di diffida con riserva di danni.

    A cautela di ogni azione, strampalata o meno, che nel futuro gli possa ancora venire in mente.

    Doveroso e', che la sua azione scomposta, risulti agli atti.

    Esonerandolo da ogni contatto diretto con voi.
    Irragiungibili in casa sua.

    Se ha da dirvi qualcosa si rivolga all'avvocato.
    Voi rifiutate di parlare con lui.

    Come fosse interdetto.
    In fondo lui e' che ha voluto le formalita' o no...?

    Con la nonna mantieni i buoni rapporti.
     
    Ultima modifica: 13 Giugno 2016
  16. sara87

    sara87 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    No, la nonna gestiva un po suo nipote (senza genitori) anche se ha 32 anni. Percepiva (per una questione di vicinanza) la mensilità e poi mandava i soldi al nipote quando servivano, visto che vive a Roma.

    Lui pensava di avere a che fare con persone stupide,che sarebbero cascate nella sua rete.
     
  17. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se vuoi evitare di far scrivere dall'avvocato, procedi col pagamento dei 150 euro, tramite vaglia postale.

    Se vuoi proseguire a comportarti bene, lascia la differenza alla nonna, pure senza il rilascio di alcuna ricevuta.

    In fondo seppur implicitamente, in queste modalità di pagamento "allegre", siete concussi con questo personaggio.

    Diversamente, se smettete di pagare la differenza, starete a vedere che succede.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina