1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. diego57

    diego57 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ho comperato un terreno dal comune nel 1990 dove ho costruito una villetta, nell'atto di vendita si fa riferimento ai vincoli della legge 865/71. 0ra visto che sono passati i 20 anni che vincolava la proprietà, e sono state modificate le leggi, posso vendere liberamente la casa? Devo versare la differenza di valore del terreno al comune? Qualcuno può darmi qualche dritta.
    Grazie.
     
  2. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    L'unica cosa che puoi fare è leggerti la Convenzione e cosa prevede riferito ad eventuali divieti di alienabilità e relative modalità, i riferimenti della stessa li dovresti trovare riportati nel tuo atto d'acquisto riferito al terreno.
     
  3. diego57

    diego57 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    L'atto riporta testualmente: Dopo 20 anni dal rilascio della licenza di abitabilità il proprietario dell'alloggio potrà trasferire la proprietà a chiunque o costruire su di essa diritto reale di godimento, con l'obbligo di pagamento a favore del comune della somma corrispondente alla differenza tra il valore di mercato dell'area al momento dell'alienazione e il prezzo di acquisizione rivalutato sulla base delle variazioni dell'indice dei prezzi all'ingrosso calcolato dall'Istituto Centrale di Statistica.
     
  4. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quindi del terreno ti è stato concesso solo il diritto superficiario ...
    fai richiesta al Comune manifestando l'intenzione di riscattare la piena proprietà e chiedi loro che ti venga quantizzato il corrispettivo
    (in teoria secondo le recenti normative lo dovrebbero fare),
    nel tuo caso dovrebbe essere più semplice, da come scrivi e dalla descrizione del bene che hai dato sei il solo ed unico proprietario superficiario.
     
    A diego57 piace questo elemento.
  5. Flavio CAVALLERI

    Flavio CAVALLERI Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Anch'io sono nella stessa situazione, ma per un appartamento in condominio. Ho fatto richiesta del calcolo al Comune e mi hanno chiesto ben 16.000 euro !! L'appartamento è di 85mq. + box singolo, anno di costruzione 1986. Mi chiedo: ma se lo vendo tra trent'anni quanto dovrò dare al Comune? (probabilmente le chiavi di casa!).
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  6. diego57

    diego57 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ok
    Grazie per le indicazioni.
    Spero non chiedano tanto per il riscatto.
     
    A ingelman piace questo elemento.
  7. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Per curiosità
    di quanti appartamenti è composto il complesso?

    mettici al corrente di cosa ti rispondono, la cosa ci interessa, capita sempre più spesso di dover parlare di riscatto del terreno riferitio ad alloggi in diritto di superficie.
     
  8. Flavio CAVALLERI

    Flavio CAVALLERI Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Sono circa 300 appartamenti.
     
  9. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    però .... 16.000 euro cadauno di media non male per il Comune se tutti sciogliessero il vincolo
     
  10. Flavio CAVALLERI

    Flavio CAVALLERI Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Eh già! Ma io mi chiedo: siccome questa quota aumenta ogni anno (rivalutazione Istat), arriverà un tempo dove la somma da rimborsare al Comune sarà pari al valore della casa! Chissà cosa succederà allora....
     
  11. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    diciamo che così a naso noi non ci dovremmo essere più ....
     
  12. Flavio CAVALLERI

    Flavio CAVALLERI Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Noi no,ma i figli?
     
    A nuova H&F piace questo elemento.
  13. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Allora converrebbe sciogliere il vincolo subito avendone le possibilità ovviamente.
    Del resto sono cose che uno dovrebbe aver messo in conto una volta deciso di scegliere questo tipo di acquisto, come avrà sicuramente valutato la convenienza o meno oltre il considerare altre agevolazioni.
    Comunque poi ti dirò a Roma cosa mi risponderanno, ho deciso di richiedere i conteggi al Comune anche io per un abitazione in diritto di superficie.
    A proposito
    Dopo quanto ti hanno risposto?
    (anche se immagino che le cose da Comune a Comune cambino))
     
  14. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    No, Massimo, si tratta della clausola tipica della Convenzione in diritto di proprietà e non di superficie.

    Per tantissimi anni, i Comuni non hanno preteso nulla all'atto dell'alienazione successiva, ignorando la clausola dell'obbligo del "riscatto" , poi evidentemente si sono acorti che potevano guadagnare anche in questo caso, e hanno iniziato a pretendere il pagamento di questa specie di riscatto...

    Io e mio fratello per poter vendere l'immobile dei nostri genitori abbiamo pagato circa 11.000 euro....
     
  15. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Silvana non metto in dubbio quello che dici, ma credo che se pur le leggi siano similari, da Comune a Comune le cose cambino.

    Io sono proprietario di uno di questi alloggi dal lontano ( 1986 o giu di li) e ti assicuro che l'unica cosa che ho certa oggi è la proprietà superficiaria dell'immobile (99 anni) .... poi che dire
     
  16. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Certo che esiste il diritto di superficie,che in genere si estingue dopo 99 anni, rinnovabili per altri 99, ma è ben specificato nella convenzione, in genere anche nel titolo dell'atto.

    Ma la clausola che l'utente ha citato è tipica del cosiddetto diritto di proprietà, con quel limite ventennale dal rilascio dell'abitabilità... ed era appunto la casa che avevano acquistato i miei nel 1986.
    E' poi quello, in genere, della Legge 28/01/1977 n. 10.
     
  17. Flavio CAVALLERI

    Flavio CAVALLERI Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    All'inizio della "telenovela" (febbraio 2013) abbiamo chiesto i conteggi all'Ufficio del Territorio, dopo circa 2 mesi mi hanno risposto che non era più di loro competenza ma spettava al Comune; fatta richiesta al Comune mi hanno risposto che non erano in grado di farli "lì per lì" (?!), avrebbero indetto una riunione di Giunta per decidere i parametri da applicare, rilevare i millesimi del complesso condominiale, rivedere la Convenzione, ecc ecc...... In breve: il conteggio ci è arrivato a dicembre 2013. Vale un anno, poi è da richiedere nuovamente. Ma la cosa bella è che dopo neanche una settimana dall'invio del conteggio , al proprietario è arrivata una raccomandata che gli chiedeva di versare entro 30 giorni la somma stabilita (!!??). Risposto al Comune che la somma la pagherà quando riuscirà a vendere l'alloggio. Che fatica.....
     
  18. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ti avevo fatto questa domanda proprio perchè temevo in qualche cosadel genere.
    Credo anche che non sia facile determinare quale poteva essere con precisione il valore del terreno illo tempore e rivalutarlo allo stato attuale
    (anzi mi verrebbe da dubitare anche su l'esattezza del conteggio).

    Comunque proverò
    anche se è una casa che non abito e comunque non ho intenzione di vendere nell'immediato
    Speriamo bene ....... tanto di questi periodi non ci resta che sperare in tutti i sensi :D
    Grazie comunque
     
    A Flavio CAVALLERI piace questo elemento.
  19. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    sicuramente allora sarà come dici tu ... so che in materia sei più ferrata di me ;)
    Comunque al nostro amico basterebbe molto poco per fare chiarezza, si legge la convenzione ...
    Da dire che da noi la confusione regna sovrana .... c'era stata di recente una sentenza della Suprema Corte che affermava l'illeggittimita delle vendite su immobili in edilizia agevolata .. ora sembrerebbe che ci sia stata un'altra sentenza (recentissima) che afferma l'esatto contrario.

    Diciamo che è una materia alquanto complessa e di difficile comprensione :occhi_al_cielo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina