1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Procion82

    Procion82 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Sto valutando di acquistare un immobile posto ad ultimo piano (settimo) di 5 vani, senza riscaldamento, perchè si è distaccato dal centralizzato e quindi senza nulla, completamente da ristrutturare. Mi è stato detto dall'agente che in passato c'è stata anche infiltrazione in camera da letto ma poi riparata.
    Facendo un pò di preventivi, la spesa di ristrutturazione va dai 50 mila ai 60 mila , se facessi solo le cose basilari, senza cambiare pavimento, infissi, e senza verniciare (perchè lo faremmo nnoi) mi verrebbe 40 mila euro.
    Un'altra perplessità è che l'immobile cosi come lo stabile non ha il certificato di abitabilià, l'agente mi ha riferito che dopo la ristrutturazione il certificato posso richiedere il certificato solo per l'immobile.
    Il prezzo di partenza è di 215 mila euro, a detta dell'agente, il proprietario ha rifiutato una proposta di 180 mila euro.
    La mia domanda è questa: è il caso di insistere con un appartamento simile oppure lascio perdere?
    Grazie a chi vorrà rispondermi
     
    A CheCasa! piace questo elemento.
  2. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ciao,
    non è possibile esprimere un parere commerciale.
    Ma posso darti ugualmente 2 consigli.
    Se l'agibilità/abitabilità non fosse mai stata richiesta e tuttavia risultasse richiedibile (come ti hanno riferito) anche per singole unità, non vedo grandi problemi. Ma è una verifica che sarebbe saggio effettuare con un tecnico prima di prendere qualsiasi impegno.
    Se l'appartamento risultasse distaccato dall'impianto di riscaldamento centralizzato, potrebbe comunque dover contribuire ad una parte delle relative spese (per la dispersione ad esempio). Sarebbe quindi importante verificare con esattezza l'entità delle spese condominiali.
     
    A Procion82 piace questo elemento.
  3. Procion82

    Procion82 Membro Junior

    Privato Cittadino
    grazie mille per la risposta, quindi per la questione dell'abitabilità si può risolvere :)
    per quanto riguarda il riscaldamento si può eventualmente ricollegare al centralizzato visto che comunque mettere l'autonomo significherebbe richiedere al condominio il permesso per la canna fumaia?
     
  4. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non ti dico che si può risolvere (anzi mi preoccupa che tutto il condominio ne sia sprovvisto). Ti consiglio di indagare maggiormente con un tecnico prima di avanzare un'offerta, perché potrebbe essere una questione semplice ma anche particolarmente spinosa, a seconda dei casi...

    Per il riscaldamento centralizzato.... le valutazioni devono essere approfondite ugualmente. Se l'appartamento risulta all'ultimo piano ed attualmente privo di riscaldamento, non credo che l'istallazione della canna fumaria rappresenterebbe un ostacolo insormontabile (anche se, come hai scritto, sarebbe meglio che l'autorizzazione all'istallazione venisse richiesta ed assicurata dal venditore).
    E non è detto che l'impianto autonomo, con l'aggiunta della "quota" condominiale risulterebbe più vantaggioso di un riallaccio a quello condominiale.
     
    A mata piace questo elemento.
  5. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Hai fatto un domandone....l'abitabilità/agibilità è teoricamente richiedibile singolarmente...i lavori di ristrutturazione mi sembrano carucci...che metratura ha l'appartamento? Per il riscaldamento direi di riallacciare il centralizzato.
     
    A Rosa1968 e Procion82 piace questo messaggio.
  6. Procion82

    Procion82 Membro Junior

    Privato Cittadino
    grazie ancora, purtroppo da analisi approfondite pare che quasi tutta quella zona non abbia questo certificato. Ho chiesto anche all'agente, pare che i documenti erano stati consegnati al comune, poi siccome sono cambiati negli anni molti amministratori, la cosa è morta li, nessuno ha avuto l'urgenza e dato la priorità. Infine mi ha detto che se sono d'accordo, l'atto si può fare ugualmente basta che dichiaro di essere a conoscenza che manca questo documento.
     
  7. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Ha detto una cosa che, in Italia, purtroppo capita spesso e dice il giusto sull'atto, infatti la mancanza dell'agibilità non è ostativa alla stipula se l'acquirente ne è a conoscenza è lo accetta come dato di fatto. Quanto è grande l'appartamento?
     
    A Procion82 piace questo elemento.
  8. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Attenzione! E' possibile che, come ti hanno detto, il Notaio che stipulerà l'atto di vendita (che sarebbe opportuno fosse scelto da te, non dall'Agenzia e tanto meno dal venditore) accetti di rogitare senza il Certificato di Agibilità (ex Abitabilità), ma non è detto che qualunque altro Notaio lo faccia! Ne consegue che se tu, per ipotesi, avessi la necessità di rivendere l'abitazione non è detto che potresti farlo.
    Qui a Roma ci scontriamo continuamente con questa storia dell'agibilità: fino agli anni '70 è stata chiesta (ed ottenuta, visto che se c'è il permesso di costruzione viene sempre rilasciata), nei decennio seguente (ed oltre) no; il guaio è che fino al 2008 i Notai soprassedevano, ora invece la pretendono. :confuso:
    Un altro guaio (e qui devi fare attenzione) è che il Certificato di Agibilità si rilascia per titolo di costruzione, e quindi per licenza o concessione in sanatoria: tradotto in italiano significa che va chiesto per tutto l'edificio, e ti voglio a spiegare all'inquilina di sotto (che non deve vendere o acquistare, e che quindi non ne ha bisogno) che deve spendere 2000 euro per ottenerlo! :shock:
    Per ciò che riguarda l'impianto di riscaldamento penso che dovresti parlarne con l'amministratore e con un tecnico che operi nella tua zona. :ok: :stretta_di_mano:
     
    A Procion82 e nuova H&F piace questo messaggio.
  9. nuova H&F

    nuova H&F Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Hai la fortuna del distacco dal centralizzato e vuoi collegarti ????
    Esistono varie soluzioni tecniche per restare autonomi, che vuol dire risparmiare.
     
    A dormiente piace questo elemento.
  10. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    E chi lo dice che autonomo corrisponde a risparmio? Questa è la più grande leggenda metropolitana....
     
    A Procion82 e Gama piace questo messaggio.
  11. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista


    Le infiltrazioni dal terrazzo sono abbastanza comuni,
    50mila euro possono essere tanti o pochi per la ristrutturazione, la cifra viene fuori da un progetto completo di capitolato e computo? O è il preventivo fatto a braccio da una ditta edile?

    Gli attici che abbiano ristrutturato finora li abbiamo trovati sempre più "consumati" rispetto ai piani sottostanti perché ovviamente, a fronte di un terrazzo grande, una bella vista, un taglio più grande ecc... Sono più esposti alle intemperie e al sole diretto e alla fine hanno costi di manutenzione più alti
     
  12. Gama

    Gama Membro Junior

    Privato Cittadino
    Verissimo quoto e straquoto, per esperienza diretta (io a casa autonomo e mia madre centralizzato) l'autonomo è un salasso, dovresti non accenderli proprio...
     
  13. nuova H&F

    nuova H&F Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Sei il primo che sento in vita mia (ingegnere e 67 anni) e con impianti autonomi (zone a clima miti come Lazio e Liguria). Oltre alla libertà di scelta di giorni ed orari di uso.
     
  14. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Veramente è il secondo...:^^::p
     
  15. nuova H&F

    nuova H&F Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Tu non venivi neanche considerato in quanto mi sembri polemico su tutti gli argomenti.:innocente:
     
  16. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Mi sa che non mi hai mai visto fare polemica...:maligno:
     
  17. nuova H&F

    nuova H&F Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Traspare in molti tuoi interventi. Se poi vuoi fare una performance memorabile.......:risata:
     
  18. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La mancanza del certificato di abitabilità non impedisce il trasferimento del fabbricato (si pensi ad es. alla vendita di un rudere da ristrutturare), ma costituisce un vizio del medesimo a meno che tu non lo accetti con lo stesso, esplicitamente indicato in atto. Ti consiglierei vivamente di trovarti un tuo consulente di fiducia (geom., ing. arch. ecc.) che non conosca nè l'agenzia nè il venditore e che faccia gli opportuni accertamenti. La mancanza di abitabilità, oltre ad impedirti (teoricamente) di abitarci, potrebbe non essere ottenibile, se non con gravi costi: si pensi, ad esempio (tutte cose che ho riscontrato nella realtà) alla mancanza di conformità rispetto ai progetti rilasciati e/o al catasto; all'assenza del collegamento alla fognatura comunale e/o agli altri sistemi di smaltimento indicati nel progetto approvato; alla carenza di collaudo strutturale o delle opere di urbanizzazione e così via.
     
    A CheCasa! piace questo elemento.
  19. Procion82

    Procion82 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ringrazio tutti anticipatamente per le risposte, rispondo man mano uno ad uno.
    Ho un geometra di fiducia per fortuna, mia cara amica che interpellerò a breve;
    I preventivi sono stati fatti da un impresa edile e altri da alcuni amici e conoscenti che eventualmente mi farebbero risparmiare (capite a me) in linea di massima andiamo su quelle cifre, in quanto è una casa enorme e bisogna per lo meno mettere a norma le prime cose, tra cui impianto elettrico, idrico, 2 bagni, la cucina, (per le finestre e il pavimento , le porte le posso fare in un secondo momento, ci si può arrangiare, in quanto c'è un bellissimo marmo che se lucidato verrebbe un capolavoro)
    Per quanto concerne il centralizzato, ho un amica che si era distaccata dal centralizzato per mettersi l'autonomo, come dicevate un commento + su, comunque pagava la quota fissa del condominio per lo sperperio del calore, a quel punto si è ricollegata al centralizzato e mi ha detto che paga la stessa cifra dell'autonomo.
    Un'altra cosa che mi avete fatto ricordare, era riguardo ciò che mi ha detto l'agente, che in passato avevano richiesto l'abitabilità del condominio ma mancavano alcuni documenti, tipo essere a norma con gli impianti idrici ecc ecc..poi il cambio degli amministatori non ha aiutato la faccenda. L'agente immobiliare comunque è stato molto gentile in quanto si è reso disponibile eventualmente a fornirmi anche il numero dell'amministratore attuale per delle delucidazioni.
     
  20. Gama

    Gama Membro Junior

    Privato Cittadino
    @Procion82 ma tu dovevi vendere? ci sei riuscita poi?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina