• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Pinna Donatella

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Io ho capito benissimo, aggiungo che a differenza tua non possiamo sapere le reali gravi condizioni dell'immobile. Unica cosa che spero tu faccia realmente, è che la fai tornare li quando la casa è ristrutturata
Certo che si....
Assolutamente.
Io non ci abito, e mai ci abiterò
Ho una casa mia comprata con i miei soldi.

Come ti giri giri, sei in ottimi rapporti con la tua famiglia. Vuoi vedere che quello che crea problemi sei tu
Be non credo tu possa arrogarti il diritto di dire questo, visto che non conosci le problematiche della mia famiglia.
E comunque stimo andando fuori tema , se ti sembra che io in questo momento stia creando dei problemi chiedendo una cosa che deriva sicuramente non dalla mia volontà...
I soldi che dovrei spendere per la manutenzione di quella casa, di cui sono la proprietaria e di cui ne sono responsabile, preferirei spenderli in altro modo.
Se ti sembra che io mi stia divertendo......

Purtroppo una e morta e con l'altra non ho buoni rapporti.
Scusa ...
quale sarebbe l'ingratitudine??????????????????????
 

dmgius84

Membro Junior
Privato Cittadino
Scusa ...
quale sarebbe l'ingratitudine??????????????????????
Se sei in questa situazione e tua madre non comprende che andare via per un po’ è anche per il suo bene e sei costretta ad andare per vie legali potresti anche aspettarti che lei controbatti in questo modo. “Revoca per Ingratitudine”.
 

cristian casabella

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Mah...voglio vedere un giudice darebbe ragione alla mamma e non alla figlia, sarebbe ridicolo. Magari poi la casa va a fuoco e li si che sarebbe un bel problema, per tutti
 

Pinna Donatella

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Mah...voglio vedere un giudice darebbe ragione alla mamma e non alla figlia, sarebbe ridicolo. Magari poi la casa va a fuoco e li si che sarebbe un bel problema, per tutti
Mi conforta sapere che qualcuno ha centrato bene il problema, perché fino ad oggi
tutti mi stanno dando addosso (anche fuori da questo forum) per ragioni evidentemente a loro non chiare.
Le mie intenzioni sono assolutamente buone ma si scontrano con una persona che (forse perché anziana) non riesce a vedere il lato positivo (ovvero una casa più confortevole con impianti a norma e quant'altro), ma si chiude a riccio senza darmi alcuna possibilità.
Sono tormentata come non mai, ma dovrò prendere una decisione.
Non so ancora quale, ma spero che sia quella giusta.
 

specialist

Membro Senior
Privato Cittadino
Mi conforta sapere che qualcuno ha centrato bene il problema, perché fino ad oggi
tutti mi stanno dando addosso (anche fuori da questo forum) per ragioni evidentemente a loro non chiare.
Le mie intenzioni sono assolutamente buone ma si scontrano con una persona che (forse perché anziana) non riesce a vedere il lato positivo (ovvero una casa più confortevole con impianti a norma e quant'altro), ma si chiude a riccio senza darmi alcuna possibilità.
Sono tormentata come non mai, ma dovrò prendere una decisione.
Non so ancora quale, ma spero che sia quella giusta.
Adesso la situazione è un po' più chiara.
Secondo me se è così patologicamente ostinata e ha 81 anni, è possibile che abbia qualche deficit cognitivo e comincerei a coinvolgere l'assistente sociale (che potrebbe tentare di convincerla con più successo, visto che è un'"addetta ai lavori" oltre che un'estranea). Utile anche una visita neurologica. Poi deciderai in base ai risultati.
 

Pinna Donatella

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Adesso la situazione è un po' più chiara.
Secondo me se è così patologicamente ostinata e ha 81 anni, è possibile che abbia qualche deficit cognitivo e comincerei a coinvolgere l'assistente sociale (che potrebbe tentare di convincerla con più successo, visto che è un'"addetta ai lavori" oltre che un'estranea). Utile anche una visita neurologica. Poi deciderai in base ai risultati.
Grazie.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Lo so bene che la vincerei ..
Infatti non vorrei mai arrivare a tanto. Mia madre è capace di intendere e di volere, il fatto è che per lei è un dramma abbandonare la casa anche solo per un paio di mesi.
Ha paura che sapendo che e' stata donata potrebbe uscire e mai più ritornarci.

Io lascerei le cose così. Sistemare l'impianto elettrico e stop.
Voler bene ai propri genitori e' anche saperli ascoltare e rispettare le decisioni.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
non riesce a vedere il lato positivo (ovvero una casa più confortevole con impianti a norma e quant'altro)
Per lei evidentemente non è un aspetto così positivo. Il confort è casa sua, come è ora.
Facendo l'analisi costi/ benefici ( per stare in tema con il momento storico), per te la casa è da sistemare, per lei no.
Anch'io mi limiterei a mettere in sicurezza ( se proprio la situazione è disastrosa), e il resto lo farai a suo tempo.
 

bit100

Membro Attivo
Amm.re Condominio
Posso capirti ho due genitori anziani uno 80 e 79 che se parli di staccarsi dalla loro casa anche per un giorno rischi che ti tirino la prima cosa che hanno nelle mani. Però la legge non ammette ignoranza,un incidente un un incendio, le conseguenze penali ricadrebbero su di te. Dovresti consultarti con un legale e trovare una soluzione ma la cosa deve essere fatta in tempi brevi prima che l'immobile si deteriori ancora. Sono cose fastidiose perchè ci sembra di fare qualche tipo di violenza psicologica, ma io di solito penso che da piccoli prendevano delle decisioni e le giustificavano con la frase" è per il tuo bene" adesso la situazione si é rovesciata e siamo noi che dobbiamo decidere per loro.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Per l'impianto elettrico non e' necessario lasciare la casa. Si può intervenire con lei dentro. Per il resto ho avuto modo di vedere lo stato di salute peggiorare con lo spostamento e con la frustrazione di vivere in posti diversi che non sono i propri. La legge queste cose non le considera.
 

specialist

Membro Senior
Privato Cittadino
Per l'impianto elettrico non e' necessario lasciare la casa. Si può intervenire con lei dentro. Per il resto ho avuto modo di vedere lo stato di salute peggiorare con lo spostamento e con la frustrazione di vivere in posti diversi che non sono i propri. La legge queste cose non le considera.
A quanto pare non è un problema solo di impianto elettrico e lei deve salvaguardare la mamma e in questo caso soprattutto se stessa. Se non mette la casa in sicurezza e succede qualcosa all'anziana, vaglielo a spiegare al giudice che era ostinata e non si poteva ragionare.
All'inizio si era spiegata male, ma adesso appare evidente che debba intervenire con le buone o con le cattive per evitare guai peggiori. Tanto più, visto che la mamma vive da sola in una casa di sua proprietà.
Ho già indicato il modus operandi che mi sembra più consono, non vedo altre alternative.
 

Pinna Donatella

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Per lei evidentemente non è un aspetto così positivo. Il confort è casa sua, come è ora.
Facendo l'analisi costi/ benefici ( per stare in tema con il momento storico), per te la casa è da sistemare, per lei no.
Anch'io mi limiterei a mettere in sicurezza ( se proprio la situazione è disastrosa), e il resto lo farai a suo tempo.
La messa in sicurezza (quindi rifare l'impianto elettrico e quant'altro) richiede comunque un lavoro importante dove i muri saranno tagliati per inserire i tubi e le nuove prese elettriche, e che rimarrà senza corrente elettrica per un po di tempo.
Mi spieghi a questo punto come fa lei a stare dentro?
Tu hai idea cosa significa avere dei muratori dentro casa?
Una persona giovane forse (dico forse) potrebbe anche resistere, ma un anziano senza elettricità?

Posso capirti ho due genitori anziani uno 80 e 79 che se parli di staccarsi dalla loro casa anche per un giorno rischi che ti tirino la prima cosa che hanno nelle mani. Però la legge non ammette ignoranza,un incidente un un incendio, le conseguenze penali ricadrebbero su di te. Dovresti consultarti con un legale e trovare una soluzione ma la cosa deve essere fatta in tempi brevi prima che l'immobile si deteriori ancora. Sono cose fastidiose perchè ci sembra di fare qualche tipo di violenza psicologica, ma io di solito penso che da piccoli prendevano delle decisioni e le giustificavano con la frase" è per il tuo bene" adesso la situazione si é rovesciata e siamo noi che dobbiamo decidere per loro.
Grazie per la comprensione.
Sono decisioni che non puoi lasciar perdere, anche se sul momento sembrano brutali, ma chi veramente capisce la situazione non può dirmi lascia stare, non si può.
Io non riesco più a stare serena con questa spada di Damocle in testa.

A quanto pare non è un problema solo di impianto elettrico e lei deve salvaguardare la mamma e in questo caso soprattutto se stessa. Se non mette la casa in sicurezza e succede qualcosa all'anziana, vaglielo a spiegare al giudice che era ostinata e non si poteva ragionare.
All'inizio si era spiegata male, ma adesso appare evidente che debba intervenire con le buone o con le cattive per evitare guai peggiori. Tanto più, visto che la mamma vive da sola in una casa di sua proprietà.
Ho già indicato il modus operandi che mi sembra più consono, non vedo altre alternative.
Grazie.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
Molto più pratico, veloce e soprattutto adeguato farti nominare amministratrice di sostegno e lasciare decidere al giudice tutelare le modalità di intervento.
adeguato e pratico probabilmente si; veloce proprio no.
se poi la mamma è capace di intendere e volere... praticamente impossibile
 

specialist

Membro Senior
Privato Cittadino
adeguato e pratico probabilmente si; veloce proprio no.
se poi la mamma è capace di intendere e volere... praticamente impossibile
Molto più veloce di un'assurda e controproducente causa legale. Molto più economico, perché non è necessaria l'assistenza di un legale.
Quanto all'ultimo punto, se la visita neurologica + eventuale RMN encefalo + punteggio <26 al mini mental test evidenziassero anche solo un MCI (decadimento cognitivo lieve) - abbastanza comune negli ultraottantenni - sussisterebbero già i presupposti per la nomina dell'AdS.
Parenti serpenti, o forse peggio. Io un po' mi vergognerei.
Non sai quello che stai dicendo, perché evidentemente non ti è capitato di dover fronteggiare simili situazioni.
 

Rudyaventador

Membro Attivo
Professionista
Non è questione di buonismo, ma di diritti.
Pensa se vai da un avvocato, e lei anche, e chiede la revoca della donazione per ingratitudine ?
Cosa dicono le tue sorelle ?
l ingratitudine sono fatti molto gravi tipo "attentato alla vita" da quelle parti di gravita non certo per agire al fine ristrutturare un immobile che da quanto narra sta ai limiti della fatiscenza per poi far continuare l abitazione alla donatrice ...cosi come la donazione da entrambi è stata fatta in vita e a quanto pare oltre 9 anni fa quindi l azione di riduzione è soggetta a prescrizione
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno volevo chiedervi se e' possibile accedere in una compravendita tra srl e privato in cui il privato acquista un locale commerciale pagare l imposta di registro al 4% e non al 9% grazie a tutti
Salve, ho comprato una casa in asta e c’erano DIFFORMITÀ CATASTÒ k posso sanare con 1800 euro. Ho parlato con un geometro e mi ha detto k la spesa e di 10000 euro ....E possibile k la cifra detta nella perizia del tribunale e così poco o mio geometro k nn ha capito bene la situazione...
Grz mille chi mi da la risposta
Alto