1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. il Custode

    il Custode Custode del Forum Membro dello Staff

    Titolo originale Da settembre prezzi in retromarcia

    Link all'articolo

    "Prezzi delle case in discesa nell'ultima parte del 2008."
    Dopo il rallentamento delle compravendite – iniziato già l'anno scorso – la crisi del mattone fa sentire i propri effetti sulle quotazioni degli immobili. Le rilevazioni di Scenari Immobiliari offrono una fotografia dettagliata della situazione.
    "Confrontati con quelli di dodici mesi fa, i prezzi di oggi sono ancora in aumento", almeno a livello nominale (cioè senza considerare l'inflazione): mediamente, ad esempio, il valore delle abitazioni è cresciuto dell'1,4 per cento. Ma se si compara il prezzo di oggi con quello di fine settembre, si nota un saldo negativo del 2 per cento

    Guardare alle singole città, poi, consente di evidenziare le situazioni di maggiore difficoltà. Quasi sempre – se si esamina la variazione rispetto al trimestre precedente – le più colpite risultano le aree periferiche: come accade a Bari (-7,5%), Roma (-5%), Firenze (-5%), Genova (-4%) e Milano (-3%). Le zone centrali, invece, mostrano una discreta tenuta, mentre quelle semicentrali si collocano a metà strada tra i due estremi.
    Come interpretare questo dato? «L'attuale crisi – spiega Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari – colpisce maggiormente il mercato residenziale e, in particolare, i redditi medio-bassi perché è più difficile ottenere un mutuo, a causa delle garanzie bancarie aggiuntive richieste. Questo provoca un vero e proprio stallo e implica a sua volta un calo dei prezzi nelle zone periferiche e nelle case in costruzione. Inoltre anche le compravendite agli stranieri, che pesa per un quinto sul totale, si è ridotta in un anno del 30 per cento».
    Leggermente migliore – come si diceva – lo scenario nei centri cittadini, dove i prezzi sono rimasti sostanzialmente stabili. «Non c'è stimolo alla compravendita – spiega ancora Breglia – perché non ci sono investimenti alternativi al mattone interessanti, anzi la casa rappresenta attualmente un bene rifugio. Questa è una grande differenza rispetto al calo del settore immobiliare degli anni 90, quando invece si era pronti a venderla e comprare i ben più remunerativi titoli di Stato».
    Analizzando gli altri comparti, c'è stato un forte calo nel settore turistico – con una drastica riduzione nelle compravendite di seconde case – a tutto beneficio di quello alberghiero e del mercato business (uffici) con domanda e transazioni in calo. Sempre con riferimento al dato medio nazionale, da settembre a dicembre i prezzi del settore terziario sono diminuiti dello 0,8% e il settore industriale ha perso il 2,5 per cento, mentre il settore commerciale ha visto le quotazioni in progresso frazionale (+0,3%). Conclude Breglia: «In uno scenario 2009 caratterizzato da bassa inflazione e costo del denaro calante, l'attrattiva degli investimenti immobiliari a buon reddito, quali uffici e commercio, ritorna forte».
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina