1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Venerdì 30 Luglio 2010 è stato approvato da Consiglio dei Ministri il Decreto Legislativo che recepisce la Direttiva 2008/48/CE del Parlamento europeo del 23 aprile 2008, relativa ai contratti di credito ai consumatori e che abroga la direttiva 87/102/CEE e previsione di modifiche ed integrazioni alla disciplina relativa ai soggetti operanti nel settore finanziario di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, ai MEDIATORI CREDITIZI ED AGENTI IN ATTIVITA' FINANZIARIA.
    Tale decreto, tra le altre disposizioni, dovrebbe prevedere, tra i requisiti patrimoniali necessari per i mediatori creditizi per poter operare sul mercato, la costituzione di una impresa esclusivamente come società per azioni o a responsabilità limitata o cooperativa, con un patrimonio minimo di 120.000 euro.
    Ritengo questi requisiti estremamente duri, pesanti e punitivi per quei 70% di mediatori creditizi che operano in un regime “leggero” di ditta individuale. E che ora si potrebbero trovare senza lavoro.
    Requisiti che, oltre ad essere iniqui e retroattivi, ritengo essere al limite della legalità costituzionale.
    D’altronde, la Direttiva comunitaria imponeva, il limite generico dell’organizzazione a forma societaria dell’impresa di mediazione creditizia, senza l’ulteriore restringimento, perseguito con caparbietà dal nostro governo, della strutturazione societaria di capitali o a responsabilità limitata per un capitale minimo di 120.000 euro.



    Cosa ne pensate di questo notevole inasprimento dei requisiti a carico di professionisti già avviati nella loro professione ? E che rischiano la disoccupazione? In un periodo non certo favorevole per il mercato del lavoro?
    Non è l’ennesima vittoria dei “Golia” a sfavore dei “Davide”?
    Dei ricchi contro chi vuol solo lavorare con onestà e professionalità?
    Della plutocrazia contro la democrazia economica?

    E poi perché parlare ancora di Bolkenstein, di liberalizzazione dei servizi, dei lavori e delle imprese?
    E’ con queste leggi liberticide, con questi decreti taglia - gambe, che si vuole liberalizzare l’economia e favorire le opportunità di lavoro?
     
  2. bertoxxx72

    bertoxxx72 Nuovo Iscritto

    Mediatore Creditizio
    Non trovo il testo definitivo mi sai indirizzare ?

    GRazie
     
  3. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    QUESTI ERANO I PUNTI SALIENTI DELLA BOZZA DELLA RIFORMA CHE E' STATA APPROVATA DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 30 LUGLIO 2010 CON DELLE VARIAZIONI.

    Di seguito rendo noto a tutti una serie di annotazioni e commenti redatti sull'argomento da Paolo Fusilli, di Parma.




    I PUNTI SALIENTI DELLA BOZZA DELLA RIFORMA

    Disposizioni generali
    Cosa cambia
    - Si prevedono per le categorie professionali degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi due elenchi tenuti e gestiti da un Organismo, avente personalità giuridica ed ordinato in forma di associazione, con autonomia organizzativa, statutaria e finanziaria e sul quale vigilerà la Banca d’Italia. (Non ci saranno più albo ed elenco tenuti dalla Banca d’Italia)
    - L’iscrizione agli elenchi comporterà il versamento di contributi e/o altre somme dovute all’Organismo. (L’iscrizione non sarà più gratuita)
    - Viene richiesta per entrambe le professioni l’esercizio effettivo dell’attività per la permanenza negli elenchi. (Attualmente non richiesta per i mediatori creditizi).
    - Viene prevista l’obbligatorietà della stipula di una polizza di assicurazione della responsabilità civile per i danni arrecati nell’esercizio dell’attività derivanti da condotte proprie o di terzi del cui operato si risponde a norma di legge. (Attualmente non prevista in forma obbligatoria e già a disposizione degli associati FIMAA)
    - Nasce l’incompatibilità tra le due professioni di agente in attività finanziaria e di mediatore creditizio.
    - Viene prevista, tra i requisiti di professionalità, una prova valutativa indetta dall’Organismo: l’argomento non è chiaro
    - Viene prevista, tra i requisiti di professionalità, la frequenza ad un corso di formazione professionale: l’argomento non è chiaro
    - Disposizioni transitorie: l’argomento non è chiaro, affinché sia favorito il passaggio di transizione dalla vecchia alla nuova realtà normativa
    - Responsabilità in solido dei danni causati da dipendenti e collaboratori nell’esercizio dell’attività, anche in relazione a condotte penalmente sanzionate (in contrasto con quanto stabilito dall’articolo 27 della Costituzione secondo cui la responsabilità penale è personale)
    - Fornitori di beni e servizi. Se fanno promozione e conclusione di contratti compresi nell’esercizio delle attività finanziarie (previste dall’articolo 106 comma 1 del DLGS 385), unicamente per l’acquisto di propri beni e servizi sulla base di apposite convenzioni con intermediari finanziari, esercitano agenzia in attività finanziaria, quindi devono essere iscritti all’elenco; se invece fanno la raccolta, nell'ambito della specifica attività svolta e strumentalmente ad essa, di richieste di finanziamento, effettuata sulla base di apposite convenzioni stipulate con banche e intermediari finanziari, non devono essere iscritti nell’elenco dei mediatori creditizi. Si ritiene che questo possa creare confusione al consumatore e che nella pratica sia più difficile il controllo.
    - Soggetti iscritti in ruoli, albi o elenchi, tenuti da pubbliche autorità, da ordini o da consigli professionali: per questi soggetti non costituisce mediazione creditizia la raccolta, nell'ambito della specifica attività svolta e strumentalmente ad essa, di richieste di finanziamento, effettuata sulla base di apposite convenzioni stipulate con banche e intermediari finanziari. (Resta invariato)

    IL MEDIATORE CREDITIZIO
    Disposizioni particolari
    Cosa cambia
    - l’obbligo di adozione di una forma di società per azioni, di società in accomandita per azioni, di società a responsabilità limitata o di società cooperativa. (Attualmente non prevista: il mediatore creditizio finora poteva iscriversi come persona fisica o come persona giuridica).
    Questo è un punto notevolmente critico in quanto:
    la legge delega parla solo di obbligo di adozione di una forma giuridica societaria per l’esercizio dell’attività di mediazione creditizia, non espressamente di società di capitali.
    sparisce la figura professionale del mediatore creditizio persona fisica: attraverso quali persone opereranno le società di mediazione creditizia? Non viene richiesto alcun requisito alle persone fisiche che effettivamente lavoreranno a contatto con i clienti/consumatori. Tale modifica va contro l’obiettivo di una maggiore tutela del consumatore (raccomandata dalla Direttiva Europea 2008/48/CE) il quale, nella pratica, tratterà con persone non “certificate” da un ente preposto, alle quali non vengono richiesti requisiti di professionalità, competenza ed onorabilità. Infatti i requisiti di professionalità vengono richiesti solo a coloro che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo ed i requisiti di onorabilità solo a coloro che detengono il controllo ed a coloro che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo. (I requisiti di onorabilità sono attualmente richiesti a tutti gli iscritti all’Albo)
    - l’obbligo di indipendenza da banche e intermediari, per cui le società di mediazione creditizia non possono detenere partecipazioni in banche o intermediari finanziari.
    Diversamente, le banche e gli intermediari finanziari possono invece detenere partecipazioni nelle imprese o società di mediazione o di agenzia (anche se in misura inferiore del 10% del capitale, del 10% dei diritti di voto e comunque che non consentano di esercitare un’influenza notevole). Punto critico in quanto:
    non è rispettato il principio di reciprocità
    tale presenza può condizionare scelte e modus operandi compromettendo il principio di indipendenza.
    - Capitale sociale minimo richiesto 120.000 euro. (Attualmente non previsto). Punto notevolmente critico in quanto:
    ritenuto sproporzionato per il tipo di attività i cui rischi effettivi sono abbastanza limitati e comunque già ampiamente coperti dalla polizza assicurativa obbligatoria
    non si tiene conto di quanto richiesto dalla legge delega che, prevedendo l’introduzione di ulteriori forme di controllo per le società di mediazione creditizia di maggiori dimensioni, mirava a distinguere società di mediazione creditizia piccole, medie e grandi. Sarebbe auspicabile che il capitale sociale di 120.000 euro fosse obbligatoriamente previsto per le società di grandi dimensioni, tenuto conto del fatto che ciò comporta l’istituzione del collegio sindacale, che si potrebbe definire un’ulteriore forma di controllo: in questo modo sarebbe applicata la disposizione della legge delega
    - Eliminata l’attività di consulenza nella definizione di mediatore creditizio: è mediatore creditizio il soggetto che mette in contatto determinate banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. (Attualmente la normativa detta che è mediatore creditizio colui che professionalmente, anche se non a titolo esclusivo, ovvero abitualmente mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari determinati con la potenziale clientela al fine della concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma.) Punto critico: non sappiamo se trattasi di dimenticanza o di voluto svilimento della professione:in questo modo diminuiscono le competenze ed aumentano le spese di gestione!

    L’AGENTE IN ATTIVITÀ FINANZIARIA
    Disposizioni particolari
    Cosa cambia
    - Definizione: è agente in attività finanziaria il soggetto che promuove e conclude contratti relativi alla concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma o alla prestazione di servizi di pagamento, su mandato diretto di intermediari finanziari previsti dal Titolo V, istituti di pagamento o istituti di moneta elettronica.
    - L’agente svolge l’attività su mandato di un solo intermediario e del relativo gruppo di appartenenza. (Attualmente non previsto).
    Punto critico:
    Va in contrasto con il principio di concorrenza
    Va in contrasto con la tutela dei consumatori
    Saranno favoriti gli agenti di grandi intermediari e relativi gruppi
    - L’agente opera esclusivamente per il tramite di persone fisiche iscritte nell’elenco.
    - L’agente può svolgere attività di promozione e collocamento su mandato diretto di banche. (Attualmente non prevista).
     
  4. bertoxxx72

    bertoxxx72 Nuovo Iscritto

    Mediatore Creditizio
    Quindi al momento mancano :

    1) Tempi per la costituzione dell'organo di controllo ( che poi ci informerà sulle modalità per gli , eventuali, esami )
    2) Tempi CERTI per l'entrata in vigore che senza l'organo di controllo non si puo mettere in atto

    Confermatemi se e' corretto
     
  5. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Se si va sul sito FIAIP c'è una importante precisazione del Presidente Righi:
    cliccare nel settore "Primo Piano NEWS".
     
  6. pieromeloni

    pieromeloni Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao ecco la bozza definitva approvata il 30 luglio...

    Buona lettura...
     

    Files Allegati:

    A andrea boschini piace questo elemento.
  7. bertoxxx72

    bertoxxx72 Nuovo Iscritto

    Mediatore Creditizio
    Mi permettete di ripetermi ma penso che non sarà di rapida attuazione in quanto manca l'organo di controllo .... quindi tutto quello che concerne a questo .

    Grazie
    Ro
     
  8. penny60

    penny60 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Decreto approvato Parte I - Vi volevo segnalare che mancano due pagine contenenti l’ 128 septies – requisiti per l’iscrizione nell’elenco dei mediatori creditizi e gli articoli a seguire, infatti la pagina successiva inizia con l’art. 128-decies e questo non solo nel file messo a disposizione ma anche nell’originale diffuso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ogni commento (naturalmente riferito alla Presidenza del Consiglio dei Ministri) è superfluo.:shock:
     
  9. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    faranno:soldi::soldi: i grandi gruppi...e sorgeranno una miriade di soli segnalatori...siamo alla pazzia pura:disappunto:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina