1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alexbgd

    alexbgd Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Buongiorno a tutti.
    Ho in vendita un immobile avuto in donazione 17 anni fa da donante ancora in vita. Donante ha 92 anni. Gli eredi, la moglie e 5 figli sono disponibili per qualsiasi garanzia firma etc etc. Tutti i figli hanno avuto in donazione gli immobili e sono tutti contenti, più o meno stesso valore.Diciamo, la donazione è stata fatta per evitare eventuali litigi dopo la morte del padre. Avrei un acquirente, la vorrebbe comprare con una parte di mutuo, forse 30% del valore.
    Adesso mi serve vostro aiuto, consiglio. La banca si rifiuterà di erogare un mutuo? Esiste un modo sicuro ? Come concepire la proposta ?
    Grazie in anticipo
     
  2. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Una mano te la puo' dare il notaio, inoltre verifica se la banca accetta la polizza donazione sicura, la trovi cercando su internet.
     
  3. Pisanacho86

    Pisanacho86 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Parla con il notaio che deve tutelare l'acquirente. Lui saprà darti una risposta e dirti come muoverti per regolarizzare (se necessario) ma, se è come dici tu, non dovrebbero esserci problemi.
     
  4. Pisanacho86

    Pisanacho86 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Fatti aiutare dal notaio...ho paura che non basti fermarsi agli eredi diretti...forse sarà necessario chiedere Agli eredi fino al 6 grado...(comunque preferisco non dire fesserie...rivolgiti al notaio per una risposta competente)
     
  5. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Come detto più volte su questo forum le banche non vedono di buon occhio la donazione. Il modo più utilizzato per porre fine al problema è il Mutuo dissenso del contratto di donazione. Di conseguenza il padre ancora in vita sarà esso stesso a stipulare l'atto di vendita. In un secondo momento, non il giorno dopo, farà atto di donazione del denaro ricevuto per l'acquisto. La soluzione è altamente dispendiosa, ma ad oggi la più utilizzata.
    Per il resto...di eredi fino al sesto grado....non ho mai sentito, specialmente in presenza di discendenti. Quello che in una donazione preoccupa è ciò che succede all'apertura della successione qualora ci sia lesione di legittima o la comparsa di "nuovi" eredi.
     
    Ultima modifica: 21 Settembre 2015
  6. Pisanacho86

    Pisanacho86 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Alle banche importa solo che la donazione sia inopponibile. Punto. In questo caso mi sa proprio di no. In linea teorica le donazioni sono impugnabili fino a 10 anni dalla morte del donante. Il donante in questo caso è ancora in vita e ció complica molto le cose. Senti un legale o il notaio...una falla nella legge ci sarà...e da li se ne verrà fuori.
     
  7. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Privato Cittadino
    10 anni dalla morte del donante o 20 anni dalla donazione. In questo caso quindi, essendo trascorsi 17 anni dalla donazione, fra 3 anni anche con il donante ancora in vita la donazione non sarà più opponibile e le problematiche di vendita e finanziamento bancario saranno superate.
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  8. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Mi auto cito per non farvi sfuggire quello che, forse, potrebbe essere una semplice soluzione. Mi risulta che piu' di un agente l'abbia utilizzata con soddisfazione.

    Avra' sicuramente i suoi costi (che ignoro) ma se ti risolve un problema ... pensateci.
     
  9. Pisanacho86

    Pisanacho86 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ehehehe...confrontati con un notaio. In un caso che ho vissuto in prima persona il notaio parló di 10 anni dalla morte ma non sono cosi esperto da poterti dare una risposta certa.
     
  10. alexbgd

    alexbgd Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    10 anni dalla morte o 20 anni dalla donazione. Non credo che la conta ricomincia di nuovo dopo la morte.
    In ogni caso, vi ringrazio per interessamento. Non sono problema gli eredi conosciuti ( essendo tutti con i beni ricevuti in donazione, dopo uno tira l'altro e diventerebbe un caos totale ) il problema é un possibile erede sbucato fuori improvvisamente dal passato lontano del donante. Vedremo, spero di darvi buone notizie....
     
  11. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    No la conta non ricomincia assolutamente. Se passano altri 3 anni e il donante è ancora in vita spirato il ventennio la donazione diviene tamquam non esset e l'immobile è commerciabile come se fosse stato oggetto di compravendita.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina