1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. genios

    genios Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Cari colleghi devo vendere un appartamento proveniente da una donazione con il donante ancora in vita .
    Come devio comportarmi?
    Ciao Eu genio
     
  2. Birillo

    Birillo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La donazione è un atto di pure liberalità, in qualsiasi momento il donante può chiedere la restituzione del bene.... per questa ragione la maggir parte degli istituti di credito non erogano mutui.
     
  3. genios

    genios Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Questo lo sapevo ma si puo' vendere o no ?
    E cosa devo scrivere sulla proposta d' acquista?
    E sul preliminare?

    Ciao Eu genio
     
  4. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Certo che puoi vendere. Piu che scrivere qualcosa dovrai avvisare il venditore che non è escluso che si debba 'retrocedere' con conseguenti costi, nel caso in cui la banca non finanzi il compratore. Tieni presente che non è sempre così....
     
  5. geograssini

    geograssini Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Dovrai far partecipare anche il donante, sia al compromesso ed in particolare all'atto, prima di fare un preliminare comunque fai in mod di mettere al corrente la parte promittente l'acquisto della questione, in modo tale che possa nel caso in cui voglia pagare con retratto di mutuo, parlarne anticipatamente anche con la banca. Solita cosa per il notaio, chiedi il nome e parla direttamente con Lui, perchè possiate assieme ricercare soluzioni e metodologie. Attenzione a stipulare preliminari senza aver prima chiarito tutto con le parti!!!!!!!!
     
  6. dietar

    dietar Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Se il donante è ancora in vita si può coinvolgerlo e procedere quindi con un atto di mutuo dissenso dove si revoca la donazione ed il bene torna in capo al donante che a questo punto vende direttamente ai promittenti acquirenti, ovviamente donante e donatario dovranno regolarsi poi i rapporti tra loro.....
    Senza un mutuo dissenso vedo molto dura vendere un immobile con il rischio che un domani qualcuno venga a chiedertelo....tieni presente che prima ci si deve rivolgere al donatario se poi questi non è in grado di corrispondere il valore della donazione allora poi si passa all'acquirente.
    Bisogna poi anche capire quali eredi ha il donante, se il donatario è un erede e se ha già fatto altre donazioni.....
    Consiglio vivamente di studiare bene la cosa con un Notaio....
     
  7. fabio.deg

    fabio.deg Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    se sono passati venti anni dalla donazione non può essere più impugnata. non è così??
     
  8. mf.gestimm

    mf.gestimm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    si, oppure dopo 10 anni dalla morte del donante.
     
  9. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ci sono appena passato!
    La situazione era IDENTICA e, dopo tante vicissitudini, il venditore è stato costretto a "retrocedere" dalla donazione (con un atto di mutuo dissenso), con relativi costi amministrativi (imposte e tasse) e notarili; in caso contrario nessuna banca avrebbe concesso il mutuo, e soprattutto l'acquirente sarebbe stato a rischio di azioni di "riduzione" da parte degli eredi.
    Ti consiglio di non prenderla alla leggera e di valutare attentamente la situazione prima di presentare la proposta di acquisto e la relativa accettazione. Come AI questa è una cosa che non puoi non sapere, e la richiesta di danni è sempre in agguato ..... :? :fico:

    ;)
     
  10. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Scusa maurizio, ma richiesta di danni a chi? All'AI ???
     
  11. realessandro

    realessandro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La retrocessione è la soluzione migliore. In subordine valutare l'ipotesi ( con un legale) che il donatario-cedente presti fidejiussione congiuntamente agli altri potenziali eredi . La garanzia dovrebbe convergere sulla tutela da evizione fino al compimento del ventennio dalla data di donazione.
    Se emergesse un erede non noto o minore i fideiussori ( al fine di evitare di essere chiamati a rispondere della garanzia) in vita dovranno tacitarlo con denaro per la sua eventuale pretesa.
    Se c'è in ballo un mutuo và coinvolta la banca .
    La garanzia fideiussoria puo' essere rilasciata su un normale pezzo di carta. Non c'è scritto da nessuna oparte che l'esclusiva delle fideiussioni spetti a banche o assicurazioni.
    vedi codice civile
    Facci sapere, per arricchimento di tutti, come è andata a finire


    Capo XXII
    Della fideiussione
    Art. 1936.-Nozione.-
    È fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l'adempimento di un'obbligazione altrui.--La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza.
    Art. 1938.
    Fideiussione per obbligazioni future o condizionali.
    La fideiussione può essere prestata anche per un'obbligazione condizionale o futura con la previsione, in questo ultimo caso, dell'importo massimo garantito.
    Art. 1940.
    Fideiussore del fideiussore.
    La fideiussione può essere prestata così per il debitore principale, come per il suo fideiussore.
    Art. 1941.
    Limiti della fideiussione.
    La fideiussione non può eccedere ciò che è dovuto dal debitore, né può essere prestata a condizioni più onerose.--Può prestarsi per una parte soltanto del debito o a condizioni meno onerose.--La fideiussione eccedente il debito o contratta a condizioni più onerose è valida nei limiti dell'obbligazione principale.
    Art. 1943.
    Obbligazione di prestare fideiussione.
    Il debitore obbligato a dare un fideiussore deve presentare persona capace, che possieda beni sufficienti a garantire l'obbligazione e che abbia o elegga domicilio nella giurisdizione della corte di appello in cui la fideiussione si deve prestare.
    Quando il fideiussore è divenuto insolvente, deve esserne dato un altro, tranne che la fideiussione sia stata prestata dalla persona voluta dal creditore.
    Dei rapporti tra creditore e fideiussore
    Art. 1944.
    Obbligazione del fideiussore.
    Il fideiussore è obbligato in solido col debitore principale al pagamento del debito.
    Le parti però possono convenire che il fideiussore non sia tenuto a pagare prima dell'escussione del debitore principale. In tal caso, il fideiussore, che sia convenuto dal creditore e intenda valersi del beneficio dell'escussione, deve indicare i beni del debitore principale da sottoporre ad esecuzione.--Salvo patto contrario, il fideiussore è tenuto ad anticipare le spese necessarie.
    Art. 1946.
    Fideiussione prestata da più persone.
    Se più persone hanno prestato fideiussione per un medesimo debitore e a garanzia di un medesimo debito, ciascuna di esse è obbligata per l'intero debito, salvo che sia stato pattuito il beneficio della divisione.
    Art. 1947.
    Beneficio della divisione.
    Se è stato stipulato il beneficio della divisione, ogni fideiussore che sia convenuto per il pagamento dell'intero debito può esigere che il creditore riduca l'azione alla parte da lui dovuta.
    Se alcuno dei fideiussori era insolvente al tempo in cui un altro ha fatto valere il beneficio della divisione, questi è obbligato per tale insolvenza in proporzione della sua quota, ma non risponde delle insolvenze sopravvenute.
    Art. 1948.
    Obbligazione del fideiussore del fideiussore.
    Il fideiussore del fideiussore non è obbligato verso il creditore, se non nel caso in cui il debitore principale e tutti i fideiussori di questo siano insolventi, o siano liberati perché incapaci.
     
  12. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    @Granducato

    A mia memoria esiste la possibilità di citare in giudizio l'Agente Immobiliare quando questi abbia agito in mala fede, o comunque non abbia prestato la normale diligenza dell'esercizio della sua professione, che è diversa, e maggiore, dalla diligenza "del buon padre di famiglia" proprio perchè questa è la nostra PROFESSIONE!
    E' come quell'AI che, dopo aver preso al preliminare una lauta provvigione concessagli dall'acquirente perchè "pensasse a tutto lui" è sparito, ed al rogito l'acquirente si è accorto che l'immobile in questione ERA COMPLETAMENTE ABUSIVO E NON ERA MAI STATO ACCATASTATO! :shock: :shock: :shock:
    Può darsi che mi sbagli ma ...... Francescaaaaaaa ! :?

    ;)
     
  13. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Hai assolutamente ragione è vero, ma....... non so xchè me l'hai scritto perchè non riesco piu a trovare i post precedenti!! :occhi_al_cielo: :occhi_al_cielo: :disappunto: :disappunto:
     
  14. genios

    genios Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Tutto bene quello che avete postato ma la proposta a chi va fatta alla madre o alla figlia ?
    Detta cosi' sembra una cosa sconcia.

    Caioa Eu genio
     
  15. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

    Ecco il perchè!
    ... ma non ti preoccupare, succede, con l'età!
    :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :^^: :stretta_di_mano:

    ;)
     
  16. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    hehehehee probabile :^^: :^^: :^^:
    Quoto quello che hai scritto prima: l'unica mia perplessità era dovuta al fatto che per citare in giudizio un AI deve avere avuto mancanze gravi e non succede spesso.
     
  17. provolo

    provolo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    sono un privato e stavo per acquistare casa privatamente da una famiglia a venezia..sono andata a chiedere tranquillamente il mutuo alla banca e poi il preventivo al notaio..è qui che, tramite visura, abbiamo scoperto che l'immobile è una dotazione del marito alla moglie, risalente al 2004. I signori in questione non ce l'avevano detto, e noi sapevamo fosse intestato solo ad 1 coniuge (loro sono in separazione dei beni). Per fortuna non abbiamo firmato il preliminare e ora ci stiamo informando sul come muoverci...gli stessi padroni di casa, che hanno fatto donazione per comprare un altro immobile come prima casa, non sapevano a cosa andassero incontro (dicono). considerando che si tratta di una giovane famiglia, con figli piccoli (tutti in vita dunque) cosa consigliate? lascio perdere l'immobile? ne cerco uno nuovo per stare + tranquilla o basta il mutuo dissenso? ho letto che la dottrina è controversa, perchè il mutuo dissenso può essere considerato come "doppia donazione"...
     
  18. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' possibilissimo che non sapessero nulla delle problematiche inerenti le donazioni e che, mal consigliati dal notaio, si siano fatti abbagliare dal risparmio "immediato". Quello che non capisco è come non ve ne siate accorti subito dall'atto di provenienza, ed inoltre mi rende molto perplesso il fatto che non ve l'abbiano detto! :occhi_al_cielo: :fico:
    Se la casa ti piace puoi andare tranquillamente avanti con l'aiuto del notaio, pretendendo il "mutuo dissenso", ossia la retrocessione dalla donazione. Come avrai letto ci sono appena passato e posso garantirti che è l'UNICO modo perchè tu possa dormire sonni tranquilli! :ok: :stretta_di_mano:

    ;)
     
  19. provolo

    provolo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie mille della risposta!
    la prox settimana dobbiamo NUOVAMENTE andare dal notaio, stavolta tutti insieme, e come hai suggerito pretenderemo la retrocessione...poi dovremo aspettare altro tempo affinchè "giuridicamente" si torni alla normalità...quasi mi sento in diritto di ritrattare sul prezzo d'acquisto!!
    p.s. non ce ne siamo accorti dall'atto di provenienza perchè i padroni di casa non ce l'hanno dato!
     
  20. pipetto

    pipetto Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina