1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    1958
    284.016
    1959
    300.000
    1960
    320.938
    1961
    340.819
    1962
    278.336
    1963
    284.016
    1964
    298.217
    1965
    332.299
    1966
    355.020
    1967
    397.622
    1968
    434.544
    1969
    468.626
    1970
    542.471
    1971
    502.708
    1972
    556.671
    1973
    411.823
    1974
    437.385
    1975
    352.180
    1976
    482.827
    1977
    465.786
    1978
    516.909
    1979
    573.712
    1980
    639.036
    1981
    613.475
    1982
    448.745
    1983
    406.143
    1984
    383.422
    1985
    428.864
    1986
    462.656
    1987
    462.648
    1988
    492.816
    1989
    474.570
    1990
    517.085
    1991
    555.888
    1992
    465.373
    1993
    501.891
    1994
    495.178
    1995
    502.468
    1996
    483.782
    1997
    523.646
    1998
    548.570
    1999
    604.000
    2000
    800.000
    2001
    848.000
    2002
    850.000
    2003
    900.000
    2004
    870.000
    2005
    806.000
    2006
    800.000
    2007
    780.000
    2008
    680.000
    2009
    610.000
    2010
    620.000
    2011
    570.000

    Qui sopra ho riportato il numero delle compravendite immobiliari realmente stipulate dall'anno 1958 al 2011 compreso. Dal 1958 fino al 2003 (anno eccezionale… ) esse sono più che triplicate. Ma durante i decenni ci sono sempre stati degli alti e bassi nel ciclo annuale del volume degli affari (notare, ad esempio, il tonfo del 1973 sul 1972 e il crollo del 1984 sul 1980 ).
    Eppure il mercato si é sempre dimostrato reattivo e si é sempre ripreso dopo pochi anni. Perché, questa volta, pensate pessimisticamente che non sia più così? Che il mercato non risalirà? Che esso evolverà in modo diverso dal classico ciclo a nido d'api?
    Avete, da esperti del ramo, qualche interessante considerazione da fare su questi dati storico-statistici?
     
    A H&F e enzo6 piace questo messaggio.
  2. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Vedi...l'economia ha cicli storici prevedibili e parzialmente quantificabili...ma l'economia della globalizzazione e dello strapotere delle banche (strapotere che arriva a far eleggere i suoi rappresentanti migliori senza elezioni) è materia nuova.
    l'avvento dell'euro, l'economia della grande produzione globalizzata sembrano mirare a scopi diversi e sembrano in grado di modificare i cicli che hai sapientemente riportato.
    In italia il 95% delle imprese sono composte da aziende con un numero variabile tra 3 e 15 dipendenti.
    Le grandi aziende rappresentano solo il 5% del totale...ti pare per questo che si mettano in atto politiche incentivanti per queste aziende?
    No.
    Si permette, anzi, si favorisce la loro difficoltà e la loro chiusura e si finanziano aziende con un piede fuori dall'uscio...
    L'economia di per sè è autostabile...a renderla instabile sono gli interessi di chi ha grandi interessi...e siccome questi interessi difficilmente saranno compatibili con i nostri, si tende a pensare che i cicli drogati non manterranno la loro storica ciclicità.
    Con questo non voglio dire che non ci saranno occasioni di fare nuovamente grandi guadagni, solo che stavolta non saranno alla portata di tutti.
    In più i tuoi dati (anche senza fattori di disturbo esterni) andrebbero analizzati introducendo un'altra variabile e cioè il numero degli operatori.
    Se dal '58 al 2011 le compravendite sono triplicate ma gli operatori sono decuplicati...capisci da solo che ci si pone un problemino...
     
    A LEnrica, proge2001, La Capanna e ad altre 3 persone piace questo elemento.
  3. goldsilver2

    goldsilver2 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    eh gia' tutti a mangiare sulla stessa torta che si riduce sempre piu'.:innocente:
    concorrenza spietata, prezzi decisi dal venditore pur di ottenere l'incarico....etc etc.
     
  4. enzo6

    enzo6 Ospite

    Tutto quello che sopra scrivi esisteva anche nel 2000 e da allora c'è stato il più grande boom immobiliare (anche grazie alla globalizzazione) quindi non si capisce cosa sia cambiato oggi.
    Non sarà invece che per un boom con caratteristiche bibliche ci deve sempre essere una crisi di analoghe proporzioni?
    Per quanto riguarda il nr.operatori siamo d'accordo ma anche quello si sta sgonfiando come le compravendite ed i prezzi.
    In pratica ci sarà il momento di ripartenza della giostra anche in questo settore.
    L'unica vera incognita è il quando.
     
    A Antonello piace questo elemento.
  5. goldsilver2

    goldsilver2 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Le compravendite di immobili residenziali in Italia sono crollate...
    I prezzi appaiono in diminuzione...
    Ma la svalutazione del mattone probabilmente non è finita... :p
    Le quotazioni in rapporto ai redditi restano superiori del 9,2% rispetto alla media di lungo periodo.

    La casa di proprietà non misura la ricchezza
    La Bussola di Marco Liera - Il Sole 24 Ore, 30 settembre 2012
     
  6. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Assolutamente il mercato rimarrà sempre vivo e avrà i soliti alti e bassi, a meno che non ci sia la fine del libero mercato, ma questa è politica, per cui condivido la tua osservazione, faccio solo qualche considerazione:
    Il mercato sarà sempre come prima con alti e bassi a patto che anche i prezzi facciano la stessa cosa e qui nasce un primo problema, secondo prima eravamo in un'Italia con una sua moneta e una sua economia indipendente da altri paesi, oggi scusa è tutto un'altro mondo e non so se si ricreeranno le stesse condizioni, sinceramente o qualche dubbio, vedo l'accesso al credito più difficile e che in futuro la proprietà di immobili tenderà a concentrarsi su un numero minore di soggetti, poi dimmi te cosa ne pensi delle mie osservazioni?
     
  7. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Che sono pertinenti.
    Io credo che le logiche economiche globali e non solo quelle immobiliari siano piuttosto fuori centro e che abbiano preso una strada nuova e poco esplorata.
    Poi ritengo che il settore dell'intermediazione sia saturo, come d'altronde quello professionale in genere, in Italia...( avvocati, architetti, psicologici a iosa....falegnami, calzolai, elettricisti da cercare con il lanternino...).
    Per ultimo ci metterei una tassazione immobiliare al limite dell'estorsione ( eccezione: la cedolare secca..) che ha effetti distorsivi sul libero formarsi della domanda e dell'offerta.
    Comunque vedremo in seguito se le cose ritorneranno nel loro alveo normale....

    In queste settimane ho riflettuto molto sulle considerazioni che faceva su Immobilio l'ex agente immobiliare IMPITTARO che adesso ha lasciato il settore ( e Immobilio) e ha abbracciato quello dell'arredamento.
    Le sue riflessioni sembravano, un paio di anni fa, delle estemporanee manifestazioni di pessimismo un pò di maniera invece si sono rivelate abbastanza profetiche....
    Bisognerebbe rileggerle con una certa attenzione....
     
  8. Sunrise

    Sunrise Ospite


    Grazie della stima Graf....sono però ancora qui...non so perchè......forse ancora più acido......
    del resto sono tempi difficili e ci rendono tutti più " cattivi "
    quello che ci si pone davanti è il periodo del cambiamento e bisogna affrontarlo.....
    io ero e mi ritengo tutt'ora un discreto esperto di immobiliare ma ora opero con la passione del pivello......in un altro settore.
    in tempo di crisi sono scelte che bisogna imparare a fare...
    tutto qui...
    per il resto posso dire che molti del forum hanno abbracciato il mio pessimismo ( o realismo ) ma nessuno l'ha riconosciuto.....
    tranne te ovviamente...a cui le lunghe notti meditative portano consiglio :fiore:
     
    A utenteimmobiliare e goldsilver2 piace questo messaggio.
  9. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    In passato i grandi interessi sono collimati con i nostri, il proletariato che si ergeva a borghesia con l'acquisto della casa di proprietà per se e per i propri figli, l'interesse del mondo bancario nell'erogare credito ad un'esercito di stipendati sicuri hanno fatto insieme ai mitici bot e cct il risparmio privato e è il caposaldo del blocco sociale che ha retto il sistema finora, poi è cominciata la globalizzazione e la festa è finita, non siamo più autorefernziali ma siamo parte di un giocattolo in cui non contiamo nulla e in cui siamo fondamentalmente dei disadattati sociali.
    L'Italia tornerà ad essere produttiva?, personalmente credo che per il nostro settore una società meno rigida ma più flessibile, sotto ogni punto di vista, sia una grandissima fortuna, a patto che gli italiani diventino appunto più produttivi e questo sinceramente la vedo dura almeno nell'immediato.
    L'Italia diventerà più produttiva solo grazie agli Italiani non di sangue il che cambierà molto il modo di intendere la casa, insomma una società statica come questa non è il massimo per noi, speriamo avvenga presto il cambiamento di mentalità altrimenti siamo alla miseria:triste:.
     
    A skywalker piace questo elemento.
  10. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Colpo di scena!

    [​IMG]

    IMPITTARO é ancora tra noi!
     
    A Rosalba2, skywalker e EnCa78 piace questo elemento.
  11. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Incomprensibile intervento non si sta parlando di numero di compravendite/addetto.
    Si sta parlando di numero di compravendite in senso assoluto, fatte da un addetto o da migliaia di addetti.

    La torta ( al ciocccolato o con frutta ) è l'oggetto della discussione e non la fetta di torta per addetto.
    Se studi così le statistiche, ci fai confondere.
     
  12. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Concordo : ci sono i diamanti ( vedi Rosy Mauro, Vice Presidente del Senato ), le opere d'arte ( vedi Quadri Parmalat ), il Petrolio ( Emiri e Re ) etc.... Ma tutti vivono in almeno una casa di proprietà. Non misura ma completa la ricchezza.
     
    A Graf piace questo elemento.
  13. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Le Regioni hanno forti differenze di propensione verso la casa o verso altri investimenti. Il grosso dell'Italia è per la casa, che rappresenta anche uno status symbol da esibire per fare toccare il grado del proprio successo. Solo il ricchissimo si nasconde ed ha case normali : teme l'occhio del Grande Fratello che ha intimorito molti acquirenti, ma non si ha il coraggio di dirlo. La casa è tradizionalmente : un bene al sole. E molti amano il bene all'ombra....lontana.
     
  14. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    fa molto male scoprire il modo in cui ha scelto di esser presente, d'altra parte questa è la realtà dei forum
     
  15. goldsilver2

    goldsilver2 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    accidenti quanto nervosismo..................:p
    sono piu' calmi e rassegnati nelle risposte gli agenti immobiliari che concordano che il momento e' veramente duro per loro e questo mi dispiace per chi fa bene il suo lavoro che i proprietari
    di case che pero' non fanno l'agente e si sentono bruciare qualcosa..................:innocente:
     
  16. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    nessun nervosismo, semplice constatazione della realtà, niente di più
     
  17. goldsilver2

    goldsilver2 Membro Ordinario

    Privato Cittadino

    non mi riferivo a te come agente immobiliare...........lo leggo che siete realistici,
    e non potrebbe essere altrimenti.............mi riferivo a qualcun altro in affanno.:p
    non so che fastidio gli dia quando si scrive e si linkano articoli che parlano del costante
    calo dei prezzi. a lui da' fastidio per me e' musica.
    siamo in democrazia.:innocente:
     
  18. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    :ok:
     
    A H&F piace questo elemento.
  19. SILENZIOSO

    SILENZIOSO Membro Attivo

    Altro Professionista
    beh graf, sarà che me ne sono autoconvinto, ma mi fa strano che non sia chiaro a tutti che il problema principale è che le banche non erogano piu' mutui, poi ci sono un sacco di altre concause (vedi post di impittaro) pero' il probema principale in questo momento è il mutuo. L'altro giorno sono andato in banca è mi hanno detto che mutui ne fanno zero perchè non ne hanno convenienza..... in percentuale quanti sono quelli che hanno tutti i soldi per comprare casa o almeno 50 mila euro? secondo me sono pochissimi
     
  20. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    triennio 2003/2006 l'acquisto degli immobili era stato incentivato dai bassi tassi di interesse e dalla generale disponibilità dalle banche a concedere credito alle famiglie, poi non dimentichiamo che il settore immobiliare ha positivamente risentito degli effetti dovuti alle delusioni sofferte dei risparmiatori italiani, ricordate la crisi dei bond argentini, l'insolvenza di alcune grosse imprese italiane che avevano emesso obbligazioni prive di rischio, basso rendimento dei titoli di stato (cirio). Questa combinazione ha portato alla preferenza per l'investimento immobiliare, considerato da molti risparmiatori l'unica fonte di investimento.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina