1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Crisi. Crollo. Stallo. Recessione. Questo scorcio del 2012 non premette niente di buono a parte il solleone.
    Queste sono, oggi, le parole che in maggior misura si sentono pronunciare negli studi e nelle agenzie immobiliari, negli studi notarili ma anche tra preoccupati avvocati immobiliaristi.
    Il mercato immobiliare è fermo, statico. E non riesce a ripartire.
    Compravendite praticamente dimezzate, in alcune zone d’ Italia, tipo nord est, addirittura in picchiata.
    Le manovra finanziarie a raffica, varate dagli ultimi governi, aiuteranno i conti dello Stato (ma neanche tanto!) ma sicuramente saranno un ulteriore “medicinale” depressivo per i mercati. Di quasi tutti. Compreso quello immobiliare.
    L’Occidente è a un tornante decisivo della sua Storia, sta imboccando una pericolosa curva a gomito e rischia di uscire fuori strada.
    Esso, o riesce a risanare l’enorme debito pubblico dei suoi Stati e a ripartire con nuova lena vero traguardi più luminosi oppure dovrà mestamente accomiatarsi dal ruolo di primo attore della storia politica ed economica del pianeta degli ultimi secoli.
    Con un futuro di ristrettezze e decadenza sempre più probabile.

    A questo punto, le agenzie immobiliari marginali ( per scarsezza di professionalità dei titolari, beninteso…) hanno chiuso o staranno per chiudere, perfino tanti franchising sono in difficoltà nonostante la loro filosofia aggressiva e a tamburo battente, alcuni agenti immobiliari si stanno chiedendo se non sia il caso di modificare il profilo del mediatore piegandole alle nuove esigenze di un mercato dal colorito sempre più smorto e pallido.
    Qualcuno sta meditando addirittura di abbandonare il campo e di riconvertirsi in un settore economico in espansione e dal futuro promettente.

    La domanda generale di tutti è, comunque, cosa fare?
    Aspettare, con le mani in mano, che la “nottata” passi;
    trovare in se stessi la risorsa di nuova forza morale per combattere e andare avanti, confidando che alla fine “la professionalità” premierà;
    escogitare una nuova forma organizzativa della professione per renderla più dinamica e reattiva alle ( scarse ) sollecitazioni del mercato;
    ideare, invece, su un piano di parità, nuove forme di accordi e forme collaborative con i colleghi, ai fine di sfruttare al meglio le sinergie, le conoscenze intellettuali ed i talenti sociali di tutti quanti per creare una implacabile “macchina” societaria capace di “macinare” continuamente affari e fatturato;
    cercare di affiancare alla professione “core business” altre attività collaterali e connesse (amministrazioni di condomini, consulenze per aste giudiziarie, conduzione del precontenzioso dell’ insolvenza mutui, gestioni affitti di patrimoni immobiliari) al fine di arrotondare il guadagno, sfruttando al meglio i tempi morti, cui sono costretti molti agenti immobiliari, in uffici dove i telefoni rimangono lungamente muti;
    decidere, dopo lunga meditazione, di abbandonare il campo e trovarsi una nuova occupazione più sicura e redditizia.

    Gli Agenti Immobiliari di questa ragguardevole Community, quelli di lungo corso, quelli a metà del guado ed, infine, quelli ai primi passi, posti davanti ad uno specchio, cosa pensano circa le prospettive future della loro professione?
    In esso, vi vedete ancora nitidamente come mediatori oppure lo specchio, appannato o rotto, misteriosamente, non vi riflette più?

    [​IMG] [​IMG]
     
  2. abellocorporation

    abellocorporation Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Ciao Graf, devo dirti che per incamerare "economicamente" qualcosa di concreto in questo periodo buio mi son dovuto sforzare tanto, mi son reso conto che molte regole di un tempo non valevano più e sono praticamente dovuto uscire fuori dagli schemi. In sintesi, continuare vuol dire oggi lavorare il doppio e raccogliere la metà. Continuerò per questa strada? probabilmente no e forse dopo si attraverso altre persone. Perchè? Perchè a volte la passione e l' amore per questo lavoro nascondono cose negative che magari ti devono far riflettere (vedi la mediazione creditizia). Nel frattempo ho avviato un impresa edile che si occupa di ristrutturazioni, costruzioni e investimenti immobiliari. Francamente parlando, in quest' ultima dedicandomici unicamente, lavoro la metà e guadagno oltre il triplo e lo dico in base al lavoro preso. Tra l' altro trovare appalti mi risulta molto più semplice grazie all' abitudine di lottare col coltello fra i denti per avere un incarico di vendita e poi aspettare ancora l' acquirente, e poi ancora l' atto. Credo che oggi vadano avanti coloro che hanno costi d' agezia molto bassi, collaborano con altri agenti, e prendano pochi immobili ma a prezzo di mercato.
    La vita dell' agente è abbastanza frenetica, non è lavoro per tutti, specie oggi....
     
    A La Capanna e Graf piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina