• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

bit100

Membro Attivo
Amm.re Condominio
Il movimento immobiliare su Milano esiste per quanto riguarda le locazioni ammetto che i prezzi sono esorbitanti e direi ingiustificati mi capitano monolocali di 30 mq locati a non meno di 1000 euro e non in zone centrali ma periferiche. Per quanto riguarda le compravendite di solito dopo la pausa delle ferie vengono immessi sul mercato nuovi immobili, questa volta la cosa é più lenta. I pezzi di mercato che solo i bravi acquisitori hanno, vengono venduti in tempi brevi, gli immobili dove il prezzo é da limare, con ribassi sono in stallo. Stanno aspettando la situazione politica, se questo governo dovesse avere vita breve, gli immobili saranno immessi sul mercato col contagocce, se invece questo governo dovesse durare per più di 6 mesi, allora ci sarà una quantità di case sul mercato e i prezzi scenderanno stiamo aspettando ma non credo che la situazione si sbloccherà prima di Natale.
 

Mil

Membro Senior
Professionista
Aspetto la Patrimoniale, ho molti clienti che hanno vari immobili che mi hanno detto di vendere tutto
In parte posso concordare...in realtà io credo che l'unica salvezza siano specie in periodi come questi gli eredi di terza generazione (quelli che proprio il voglio vendere davvero ce l'hanno scritto in fronte, qualora non si capisse dal letto del caro estinto ancora palesemente attrezzato con le sponde). Ecco, una buona percentuale di immobili (che sarebbero da rottamazione pura, altro che prezzo limato o presunto conveniente) attualmente possono trovare un qualche acquirente solo ed esclusivamente per questo.(con convenienza tuttora inesistente, però chi compra di solito non lo sa ancora)

e molti che stanno aspettando di fare delle belle speculazioni immobiliari
su Milano. Il mercato immobiliare nelle grandi città è sempre in evoluzione. a Milano molti si stanno preparando a ristrutturare gli immobili per le Olimpiadi....... siamo avanti....
Mm...sarà. Che siamo avanti lo sostengo ancora orgogliosamente....però dirti che ci credo davvero ...cosa vuoi, non so mentire e qualche speculazione finita in un bagno di sangue l'ho vista
 

Mil

Membro Senior
Professionista
Se è un non trovare relativo, perchè quello che c'è in giro son quasi tutte ciofeche si può anche essere d'accordo. Altrimenti, con la massa di fuffa invenduta che c'è, è poco credibile la cosa.
Sempre in punta di fioretto...comunque analisi ineccepibile. E' anche vero che un piccolo step c'è stato, l'invendibile assoluto sta scendendo di prezzo e questo comunque può indurre qualche investitore (poco accorto certo ma comunque "liquido") a movimentare il magma del mercato lombardo prima che diventi roccioso (grande terrore dei miei amici Agenti Immobiliari). In altre parole non è cambiato molto, se non che ciò che era e sarebbe tuttora invendibile sta gradualmente raggiungendo quotazioni lontane comunque anni luce da un estimo realistico però accettabili per qualche offerente.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Dimenticate il mercato degli affitti brevi.

Anche "l'invendibile assoluto" si affitta a caro prezzo, quindi torna in pista.
 

Mil

Membro Senior
Professionista
Dimenticate il mercato degli affitti brevi.

Anche "l'invendibile assoluto" si affitta a caro prezzo, quindi torna in pista.
Forse sul turistico, mi vorrai dire....un mercato tra l'altro che sta praticamente erodendo la figura dei mediatori.
Ma su tutto il resto si affitta a caro prezzo finchè il proprietario non si accorge che per sei mesi va tutto bene, poi regali il surplus agli avvocati e spera di rivedere l'immobile...
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Essendo un agente immobiliare e lavorando sul mercato, ti posso assicurare che oggi si affitta di tutto e quasi tutti gli inquilini hanno le carte in regola...quindi ...
 

Mil

Membro Senior
Professionista
@Mil, potrei anche essere, in linea di massima, d'accordo con la tua visiona amara, però le alternative quali sono?
Il problema del mercato immobiliare milanese non riguarda solo la vendita ma anche , forse in modo anche peggiore, gli affitti. Se si lavora in questa città non è che ci si può licenziare e spostarsi da qualche altra parte; non tutti i lavori lo permettono e ci sono settori presenti solo in pochissime città, sia in Italia che all'estero.
Mah questo non credo...io non lo farei per sempre certo, però ho conosciuto medici, insegnanti, esperti di controllo qualità e molti altri professionisti che sono felici di aver quadruplicato gli stipendi e mi hanno detto di aver aspettato ed essersi adeguati a una situazione mediocre per troppo tempo. In coscienza non posso dare loro che ragione. Lo capirei se fossimo che so..in una dittatura che chiude le frontiere, altrimenti mi sembra logico che chi ha delle qualifiche vada a cercare un rapporto stipendio/costo della vita dove gli sembra di trovarlo più equo.

Al momento, se si è soli e con uno stipendio medio, si può prendere in affitto un monolocale in periferia (o un bilocale se si è fortunati) ma si deve essere disposti a spendere quasi la metà dello stipendio. Si potrebbe uscire fuori milano, certo, ma allora bisogna prevedere altre spese come la macchina, con tutte le rotture ad essa annesse.
Altrimenti si continua a stare in affitto ma in condivisione ancora per diversi anni, prospettiva a dir poco deprimente.
Ecco appunto, senza volerlo hai dato tu stesso la spiegazione del perchè ritengo che quella esistente a Milano sia una domanda "falsata" e sostanzialmente debolissima finanziariamente. E' tuttora un grande mistero di come i nodi del mercato immobiliare basato sull'inconsistenza lavorativa non siano venuti ancor più al pettine di quanto non si sia potuto già toccare ampiamente con mano.

Per quanto mi riguarda sto cercando una casa dove poter vivere, non per investire.
Ho finalmente raccimolato un capitale grazie al quale, rimanendo sulla fascia di prezzo che ho in mente, dovrò chiedere un mutuo minore del 70%. Una volta contate anche le spese condominiali, dovrei avere una spesa mensile uguale all'affitto di una camera singola a Milano.
Mi sembra ragionevole. Diciamo che le considerazioni su un investimento pluriennale come una casa vanno fatte molto sensatamente, valutando attentamente se sei su una tavola da surf con il mare calmo oppure se all'orizzonte intravedi uno tsunami, ecco..Chi ha comprato in piena bolla per esempio si è sostanzialmente rovinato economicamente "accontentandosi" per una casa di soluzioni concepite da costruttori idioti e oggi invendibili, ad esempio. Può succedere, anzi è un'ecatombe che persiste ancora, una grana non da poco per molti Agenti Immobiliari. Basterebbe guardare realisticamente la situazione economica complessiva per capire se i prezzi degli immobili sono o no ragionevoli, non la domanda che in un determinato momento può anche sembrare "in ripresa"..

Il mio budget dovrebbe essere sufficiente per comprare una casa in periferia della metratura che ho in mente ma, come già spiegato, mi sembra proprio che ci siano meno immobili in vendita rispetto a giugno o anche a luglio, per esempio.
Con così poca offerta ci si ritrova a scannarsi per qualsiasi cosa entri nel mercato che abbia vagamente un prezzo realistico.
Qualsiasi cosa entri nel mercato a un prezzo "realistico" è semplicemente l'apice dell'iceberg...è cioè sostanzialmente categoria di immobili di due tipi: o molto datati o recenti/ nuovi ma mal fatti che tra breve saranno definitivamente fuori mercato, tanta è tuttora la mole di invenduto. Quindi non sempre significa che sia un affare, anzi semplicemente il più delle volte non lo è, ma si cerca di dismettere in tempi meno lunghi proprio il meno appetibile giocando d'anticipo. Peraltro nonostante mediamente nessuno o quasi chieda un parere a un tecnico sulla realisticità delle quotazioni attuali o sulle criticità degli immobili non mi risulta affatto questa gran ressa per queste perle dell'edilizia....nonostante tutto il buon senso non scompare mai del tutto.

Voi agenti immobiliari non preoccupa il fatto che sembrano esserci poche persone intenzionate a vendere in questo momento? E' vero che quello che c'è si vende bene e in fretta, ma c'è abbastanza movimento da dar da mangiare a tutti?
infatti non mangiano tutti, poveri Agenti Immobiliari ...Però tranquillo, non dipende dalla penuria di immobili da vendere, piuttosto dai cervelli medi dei venditori questo sì. Solo che lì gli Agenti Immobiliari hanno poco margine di manovra.
 

Mil

Membro Senior
Professionista
Essendo un agente immobiliare e lavorando sul mercato, ti posso assicurare che oggi si affitta di tutto e quasi tutti gli inquilini hanno le carte in regola...quindi ...
Quindi quelli "buoni" cambiano frequentemente casa inseguendo i ribassi...sì, questo è l'altro motivo per cui i proprietari rientrano gradualmente dalle aspettative stellari, è vero.
 

Mil

Membro Senior
Professionista
ma certo...io credo comunque che il buon senso dell'uomo comune sarebbe stato sufficiente per capire (e lo dovrebbe essere ancora oggi) che i prezzi erano (e sono tuttora) semplicemente disconnessi dalla realtà. I venditori che lo hanno capito hanno venduto bene (per l'epoca sottoprezzo, oggi utopia pura).
La realtà è forse pure peggiorata, non sono sopraggiunti che shock negativi per l'economia e l'occupazione in tutta Italia si regge sostanzialmente su un eccesso di statale e di terziario a basso salario che rende assolutamente improponibili tuttora le quotazioni che si vedono in giro soprattutto per la sostenibilità seria di un impegno economico gravoso come un mutuo, in passato stipulato molto "a cuor leggero".
Onestamente credo che certe tattiche (tipo le scritte "venduto") che vedo molto di moda nelle vetrine degli agenti immobiliari in questo periodo risultino controproducenti, ...cosa si spera di sortire oltre all'ilarità?
Una corsa all'acquisto, stile accaparramento forse?
Un metamessaggio ottimistico per i venditori, l'immobile al prezzo fantasioso si vende ugualmente in quella particolare agenzia?
Certo sono constatazioni da fare con amarezza, ma penso che essere realistici crei meno frustrazione che l'inseguire chimere, illudere venditori e inseguire presunti acquirenti che poi al dunque non concludono nulla ....alla fine le conseguenze ricadono in testa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
buonasera se l'acquirente di un immobile stipula il compromesso con caparra e poi si accorge che l'immobile presenta delle difformità tra la planimetria e lo stato di fatto, può pretendere la restituzione della caparra, anche se l'immobile è sanato prima del rogito?
Grazie
Alto