• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
Posseggo un immobile indivisibile in comproprietà con gli eredi dello zio defunto, i quali dopo circa 20 anni non hanno fatto dichiarazione di successione e anzi si rifiutano di farlo per motivi economici (imposta trascrizione, catastale etc.) e per rancori personali. Un'impresa edile è interessata all'acquisto dell'intero però il notaio incaricato dice che per le omesse dichiarazioni di successioni, che sono un atto meramente fiscale, non può obbligare alcuno e dunque non può procedere. Posso io denunciare all'Agenzia delle Entrate detti eredi ? Grazie a tutti.
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
No, ormai è decaduto il termine di 5 anni e in ogni caso non servirebbe a nulla se non vogliono vendere.
 

francesca63

Membro storico (ex agente)
Privato Cittadino
però il notaio incaricato dice che per le omesse dichiarazioni di successioni, che sono un atto meramente fiscale, non può obbligare alcuno e dunque non può procedere.
Se è sempre la stessa storia che è in ballo da anni, mi pare che il problema sia che i tuoi comproprietari non vogliono vendere.
Ma non avevi chiesto la divisone giudiziale ?
 

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
Vero, ma il giudice insiste negligentemente perché si arrivi ad un accordo per la vendita, in sede extra giudiziale, a terzi. I potenziali acquirenti hanno offerto cifre conformi al mercato che però, essendo gli eredi una decina, dunque con quote minime, intascherebbero cifre ridicole che non coprirebbero neanche le spese giudiziarie e legali intraprese. Adesso questo nuovo acquirente è deciso ad andare avanti e mi spinge verso questa azione nei loro confronti. So che è possibile, ma riuscirò ad ottenere la continuità delle trascrizioni in modo da vendere intanto la mia quota e tirarmi fuori?
 

francesca63

Membro storico (ex agente)
Privato Cittadino
Hai un avvocato, c’è una causa per la divisione, sei contornato da professionisti e tecnici: penso sia chiaro che nel forum non potrai trovare risposte, se non sono in grado di dartele coloro che ti seguono e conoscono la situazione .
Adesso questo nuovo acquirente è deciso ad andare avanti e mi spinge verso questa azione nei loro confronti.
ma a cosa serve, se comunque non vogliono vendere ?
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
So che è possibile, ma riuscirò ad ottenere la continuità delle trascrizioni in modo da vendere intanto la mia quota e tirarmi fuori?
No. Rassegnati alla divisione giudiziale se vuoi uscirne. Passeranno anni e andrai in negativo con le spese, ma almeno ti libererai della tua quota di immobile.
 

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
Vero, chiarisco ulteriormente: la mia quota, di cui sono a tutti gli effetti regolare e legale proprietario, è oltre il 60% e voglio venderla, ma senza la continuità delle trascrizioni nessun notaio finora si è detto disponibile a redigere l'atto. In definitiva voglio le trascrizioni per vendere la mia quota come è mio diritto.
 

Seya

Membro Attivo
Professionista
Vero, chiarisco ulteriormente: la mia quota, di cui sono a tutti gli effetti regolare e legale proprietario, è oltre il 60% e voglio venderla, ma senza la continuità delle trascrizioni nessun notaio finora si è detto disponibile a redigere l'atto. In definitiva voglio le trascrizioni per vendere la mia quota come è mio diritto.
hai proposto loro di comprarla?cosi ti liberi proprio da tutto, è anche vero che non vogliono spendere le 600 euro per la successione, figuriamoci altro
 

sidalpo

Membro Attivo
Privato Cittadino
L'incompetenza, l'inettitudine e l'accidia della magistratura italiana è nota come quella di tutti coloro che ruotano attorno ai tribunali. Mi sono rivolto direttamente all'agenzia delle entrate che ha detto che "su segnalazione si procede all'accertamento d'ufficio" art 48 comma 2 del d.lgs. 31 ottobre 1990 n. 346. E' vero che trascorsi 5 anni non si pagano più le imposte, ma se si vuole vendere si pagano e come.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, avrei un quesito da porvi.
Vorrei acquistare degli immobili da mettere a reddito con una srl immobiliare della quale sono amministratore.
L’immobile potrebbe essere dato in usufruttò all’amministratore in modo che locandola possa usufruire della cedolare secca?
g123456 ha scritto sul profilo di francesca63.
Ciao Francesca scusami se ti scrivo qui, sono quella che ha visto la stessa casa con due agenzie diverse. Premetto che non sapevo di essere vincolata alla prima agenzia, e molto ingenuamente ho visto un prezzo minore e ho chiamato la seconda, sbagliando. Ma se ora io dovessi procedere con la prima sarebbe tutto "risolto"? o anche la seconda ha diritti sul compenso?
Alto