• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Markess88

Nuovo Iscritto
Professionista
Ciao a tutti, mi piacerebbe avere qualche opinione su Engel & Volkers di chi ci ha collaborato, in particolare come agente.

grazie in anticipo
M.
 

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
ciao markess88,

io non ci ho lavorato, ma feci un colloquio con loro qualche anno fa..... tralasciando la loro idea che hanno di se stessi, è un franchising come tutti gli altri, alla fine del colloquio mi proposero di fare l'affiliato........ non mi interessava
 

Alessandro Bica

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Anche io feci un colloquio, ti fanno vedere che hanno tantissimi soldi con la loro sede piena di affreschi e ti illudono che li guadagnerai anche tu, in realtà all'inizio fai volantinaggio... E' pur sempre una palestra ma è sicuramente meglio far pratica in realtà più piccole, inoltre sono sempre più convinto che in un periodo del genere se ti cercano loro con così tanta insistenza (cosa che con me hanno fatto) non è mai una cosa positiva... Poi ci saranno pure i lati positivi ma dipende solo da te non certo dagli abiti taylor made e dai golf club sponsorizzati da loro, quello sta a te guadagnarteli..
 

Albanese

Membro Junior
Agente Immobiliare
ciao markess88,

io non ci ho lavorato, ma feci un colloquio con loro qualche anno fa..... tralasciando la loro idea che hanno di se stessi, è un franchising come tutti gli altri, alla fine del colloquio mi proposero di fare l'affiliato........ non mi interessava
Come tutti gli altri non direi! Insieme a remax sono gli unici franchising internazionali in Italia, però da remax paghi. Non molto ma paghi
 

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Come tutti gli altri non direi!
i cardini del franchising sono noti da anni salvo lievi sfaccettature che ognuno di essi ha acquisito nel tempo, nel concetto di base sono tutti uguali!!!! in cambio di nome e servizi (utili o meno, questo è soggettivo) chiedono $. il mercato deciderà chi primeggia e/o primeggerà sugli altri.....
 

Albanese

Membro Junior
Agente Immobiliare
i cardini del franchising sono noti da anni salvo lievi sfaccettature che ognuno di essi ha acquisito nel tempo, nel concetto di base sono tutti uguali!!!! in cambio di nome e servizi (utili o meno, questo è soggettivo) chiedono $. il mercato deciderà chi primeggia e/o primeggerà sugli altri.....
Io sono un tifoso dei puntini sulle i, tu?

Spesse fisse remax = 130/450 euro al mese
Spese fisse E&V = 0 euro, anzi alcune agenzie riconoscono un fisso.

A uno che comincia direi di evitare tutte e due!
 

petalo

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Ciao a tutti, mi piacerebbe avere qualche opinione su Engel & Volkers di chi ci ha collaborato, in particolare come agente.

grazie in anticipo
M.
Ciao, ho lavorato 2 anni nella struttura di Roma che viene chiamata Metropolitan Market Center e ho deciso di dirti cosa ho visto dietro le quinte.

200 agenti, ciascuno confinato in una zona microscopica, ciascuno quindi costretto a prendere incarichi fuori da ogni ragionevole prezzo pur di avere "materiale" e la speranza di riuscire un giorno a venderlo. "E' fuori prezzo e al 99% non lo venderò, ma se non lo prendo so che non lo venderò al 100%. Magari qualche "riccone" ci casca".

Come agente non hai assolutamente voce in capitolo: non ti chiedono niente (se non partecipare a corsi di formazione tecnica, soprattutto su come gestire il sistema gestionale interno per evitare confusione, che comunque c'è) e di contro non ti danno nulla, se non materiale da distribuire ossessivamente.

Nessun fisso, provvigioni decurtate da mille voci (spesa pratica, contributo marketing, storno al collega, altri soldi jn meno per chi non ha il patentino, etc). In poche parole: vendi una casa a un milione e ti entrano in tasca, dopo mesi (intendo dopo mesi dall'emissione fattura) due spicci. In altre parole, l'azienda ti usa come volantinatore e come "ambasciatore" a costo 0 del loro marchio.

Se una casa ha un problema tecnico, per parlare col geometra o con un altro tecnico devi prenotarti giorni prima e fare la fila per ore per avere risposte necessariamente vaghe, inconcludenti, approssimative. capisco anche i tecnici: devono gestire centinaia di problematiche a settimana e danno risposte quasi a caso.

Il turn-over è impressionante: ne entrano 100, ne escono 100 dopo un periodo variabile da sei mesi a un anno, ovvero appena capisci che si tratta di "sola" (fregatura) colossale. Non a caso l'azienda continua a spendere milioni di euro l'anno solo per un'attività incessante di recruiting. Turn-over che si traduce in un servizio scadente e approssimativo nei confronti del venditore e dell'acquirente, che si vedono "assegnati" anche tre o quattro persone differenti durante l'arco dell'incarico.

Gli agenti, poi, se ne escludi 7/8 che avrebbero guadagnato lo stesso ovunque, fanno tutti una fame da miseria, si lamentano in continuazione tra loro (ma all'esterno dicono di essere il jet set dell'immobiliare), si rubano clienti, si accoltellano per una briciola.

Per esperienza, poi, ti posso dire che anche le case più costose vengono vendute solo e unicamente se rispecchiano i valori reali di mercato: chi ha molte sostanze non è certo disposto a pagare 100 un oggetto che ne vale 70... anzi!

Infine: la maggior parte dei clienti si dichiara delusa e infastidita dall'esperienza vissuta.
Prova del 9: apri facebook, vai alla pagina di Engel Voelkers Roma e leggi le recensioni. Quelle positive sono quasi tutte di agenti appena entrati e "abbagliati", quelle negative sono la maggioranza (tra l'altro, che le tengono a fare in bella vista?). Alle critiche e insoddisfazioni espresse dai clienti l'azienda (come vedrai) risponde con piglio avvocatesco, burocratico, minacciando a destra e a manca denunce per diffamazione, rendendosi quindi ridicola e sempre più antipatica.

Io provenivo da una realtà molto piccola e ho voluto sperimentare quello che avrebbe potuto essere un salto di qualità. E' stato un disastro economico. Me lo dicevano: "guarda che sarai soltanto un numero, la rotella di un ingranaggio". Avevano ragione.
Ora lavoro in una piccola, vera, "boutique immobiliare" che non vende case di particolare prestigio ma offre ai clienti un vero servizio di lusso, attento agli aspetti tecnici come alle relazioni umane e all'aspetto emotivo. Sono apprezzato come persona, non come interprete di un marchio. Decido io come gestire qualunque trattativa, decido io entità o sconti sulle provvigioni. Sono, insomma, un professionista e non un peone. Non tornerei indietro per nulla al mondo.
 

Albanese

Membro Junior
Agente Immobiliare
Ciao, ho lavorato 2 anni nella struttura di Roma che viene chiamata Metropolitan Market Center e ho deciso di dirti cosa ho visto dietro le quinte.

200 agenti, ciascuno confinato in una zona microscopica, ciascuno quindi costretto a prendere incarichi fuori da ogni ragionevole prezzo pur di avere "materiale" e la speranza di riuscire un giorno a venderlo. "E' fuori prezzo e al 99% non lo venderò, ma se non lo prendo so che non lo venderò al 100%. Magari qualche "riccone" ci casca".

Come agente non hai assolutamente voce in capitolo: non ti chiedono niente (se non partecipare a corsi di formazione tecnica, soprattutto su come gestire il sistema gestionale interno per evitare confusione, che comunque c'è) e di contro non ti danno nulla, se non materiale da distribuire ossessivamente.

Nessun fisso, provvigioni decurtate da mille voci (spesa pratica, contributo marketing, storno al collega, altri soldi jn meno per chi non ha il patentino, etc). In poche parole: vendi una casa a un milione e ti entrano in tasca, dopo mesi (intendo dopo mesi dall'emissione fattura) due spicci. In altre parole, l'azienda ti usa come volantinatore e come "ambasciatore" a costo 0 del loro marchio.

Se una casa ha un problema tecnico, per parlare col geometra o con un altro tecnico devi prenotarti giorni prima e fare la fila per ore per avere risposte necessariamente vaghe, inconcludenti, approssimative. capisco anche i tecnici: devono gestire centinaia di problematiche a settimana e danno risposte quasi a caso.

Il turn-over è impressionante: ne entrano 100, ne escono 100 dopo un periodo variabile da sei mesi a un anno, ovvero appena capisci che si tratta di "sola" (fregatura) colossale. Non a caso l'azienda continua a spendere milioni di euro l'anno solo per un'attività incessante di recruiting. Turn-over che si traduce in un servizio scadente e approssimativo nei confronti del venditore e dell'acquirente, che si vedono "assegnati" anche tre o quattro persone differenti durante l'arco dell'incarico.

Gli agenti, poi, se ne escludi 7/8 che avrebbero guadagnato lo stesso ovunque, fanno tutti una fame da miseria, si lamentano in continuazione tra loro (ma all'esterno dicono di essere il jet set dell'immobiliare), si rubano clienti, si accoltellano per una briciola.

Per esperienza, poi, ti posso dire che anche le case più costose vengono vendute solo e unicamente se rispecchiano i valori reali di mercato: chi ha molte sostanze non è certo disposto a pagare 100 un oggetto che ne vale 70... anzi!

Infine: la maggior parte dei clienti si dichiara delusa e infastidita dall'esperienza vissuta.
Prova del 9: apri facebook, vai alla pagina di Engel Voelkers Roma e leggi le recensioni. Quelle positive sono quasi tutte di agenti appena entrati e "abbagliati", quelle negative sono la maggioranza (tra l'altro, che le tengono a fare in bella vista?). Alle critiche e insoddisfazioni espresse dai clienti l'azienda (come vedrai) risponde con piglio avvocatesco, burocratico, minacciando a destra e a manca denunce per diffamazione, rendendosi quindi ridicola e sempre più antipatica.

Io provenivo da una realtà molto piccola e ho voluto sperimentare quello che avrebbe potuto essere un salto di qualità. E' stato un disastro economico. Me lo dicevano: "guarda che sarai soltanto un numero, la rotella di un ingranaggio". Avevano ragione.
Ora lavoro in una piccola, vera, "boutique immobiliare" che non vende case di particolare prestigio ma offre ai clienti un vero servizio di lusso, attento agli aspetti tecnici come alle relazioni umane e all'aspetto emotivo. Sono apprezzato come persona, non come interprete di un marchio. Decido io come gestire qualunque trattativa, decido io entità o sconti sulle provvigioni. Sono, insomma, un professionista e non un peone. Non tornerei indietro per nulla al mondo.
Kafkiano!
 

Alessandro Bica

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Del resto ormai non va più nessuno in giro vestito come un pinguino e il golf è un hobby da vecchi (non si può neppure definire sport).
Infatti... Riportavo quello che fanno loro però, mi sembra una gran pagliacciata, passi l'abito su misura e la sede di design... Ma tutto sto film.. il polo le barche addirittura gli aerei.. Al circolo del polo di Roma ci saranno 30 iscritti ormai e il golf non è più una cosa da ricchi, una volta forse si facevano gli affari in questi circoli ma oggi le acquisizioni più importanti si fanno solo per conoscenze o presentazione da parte di persona fidata, c'è da dire inoltre che le agenzie veramente importanti a Roma sono ben altre.. Conosco un paio di agenti che senza avere neanche l'ufficio fatturano quanto tutta la Engel&Volkers in Italia.. Vi assicuro che si vestono malissimo e non frequentano club di golf o cose simili, piuttosto li trovi in qualche ufficio dirigenziale del Vaticano o entità simili...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno volevo chiedervi se e' possibile accedere in una compravendita tra srl e privato in cui il privato acquista un locale commerciale pagare l imposta di registro al 4% e non al 9% grazie a tutti
Salve, ho comprato una casa in asta e c’erano DIFFORMITÀ CATASTÒ k posso sanare con 1800 euro. Ho parlato con un geometro e mi ha detto k la spesa e di 10000 euro ....E possibile k la cifra detta nella perizia del tribunale e così poco o mio geometro k nn ha capito bene la situazione...
Grz mille chi mi da la risposta
Alto