• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Vives126

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Buongiorno,
Vorrei apprestarmi a fare una proposta per un immobile che ho visitato e che confà alle mie esigenze, ma prima volevo chiarirmi un dubbio poiché necessito di richiesta mutuo, e non vorrei essere bloccato dal perito:
Nello specifico la casa è stata lievemente modificata x creare una sorta di subappartamento ... è stata creata una seconda porta su una parete (chiaramente non presente in planimetria) è stato chiuso con un tramezzo il corridoio; e una stanza ,in origine camera da letto, è stata adibita a cucina con tutti gli attacchi connessi x acqua e gas.
Considerando che fondamentalmente la volumetria non è stata toccata ma che comunque vorrei ripristinare la casa alle sue origini dopo l'acquisto, è possibile procedere ugualmente all'acquisto?
O potrei avere problemi per la concessione mutuo?
Scusate la ripetizione di termini.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Considerando che fondamentalmente la volumetria non è stata toccata ma che comunque vorrei ripristinare la casa alle sue origini dopo l'acquisto, è possibile procedere ugualmente all'acquisto?
Che non sia cambiata la volumetria non rileva: per eseguire le modifiche che hai menzionato sarebbe stato necessario procedere con le debite autorizzazioni edilizie, oltre a regolarizzare poi la planimetria.
Quindi devi farti dare tutta la documentazione a riguardo, ed eventualmente far controllare da un tecnico di tua fiducia, per verificare se tutto è stato fatto regolarmente, e basta rifare la planimetria catastale .
Se è tutto ok, dopo il tuo acquisto potrai ripristinare la situazione che ti interessa, sempre procedendo con le necessarie autorizzazioni.
Se no, l’immobile non è acquistabile così com’è, e va regolarizzato prima del rogito.
Se il venditore non ci sente, lascia stare.
O potrei avere problemi per la concessione mutuo?
Se tutto è regolare dal punto di vista urbanistico, e va solo ripresentata la planimetria catastale, conformemente alle opere fatte, nessun problema (ma va fatto dal venditore prima della perizia).
Se , come pare , tutto è stato fatto abusivamente, in quella situazione non ti concederanno mai il mutuo.
Se vuoi comunque fare la proposta, inserisci una condizione sospensiva in riferimento alla regolarità urbanistica e catastale, in modo da non perdere soldi se la situazione non è (e non sarà prima della perizia ) regolare.
 
Ultima modifica:

Vives126

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Che non sia cambiata la volumetria non rileva: per eseguire le modifiche che hai menzionato sarebbe stato necessario procedere con le debite autorizzazioni edilizie, oltre a regolarizzare poi la planimetria.
Quindi devi farti dare tutta la documentazione a riguardo, ed eventualmente far controllare da un tecnico di tua fiducia, per verificare se tutto è stato fatto regolarmente, e basta rifare la planimetria catastale .
Se è tutto ok, dopo il tuo acquisto potrai ripristinare la situazione che ti interessa, sempre procedendo con le necessarie autorizzazioni.
Se no, l’immobile non è acquistabile così com’è, e va regolarizzato prima del rogito.
Se il venditore non ci sente, lascia stare.

Se tutto è regolare dal punto di vista urbanistico, e va solo ripresentata la planimetria catastale, conformemente alle opere fatte, nessun problema (ma va fatto dal venditore prima della perizia).
Se , come pare , tutto è stato fatto abusivamente, in quella situazione non ti concederanno mai il mutuo.
Se vuoi comunque fare la proposta, inserisci una condizione sospensiva in riferimento alla regolarità urbanistica e catastale, in modo da non perdere soldi se la situazione non è (e non sarà prima della perizia ) regolare.
D'accordo. Quindi non posso acquistare e mi preoccupo io di ripristinare dopo dichiarando che devo ristrutturare?
Perché cmq ci sono anche altri lavoretti da fare dentro (x mio gusto personale)
Cioè...lo so che è un controsenso....ma non c'è la possibilità di dire che sarà l'acquirente a provvedere al ripristino dei luoghi?
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
ma non c'è la possibilità di dire che sarà l'acquirente a provvedere al ripristino dei luoghi?
No.
Soprattutto facendo mutuo l’immobile deve essere regolare.
Una volta acquistato , con le procedure corrette ci fai le modifiche che vuoi , comunicandolo alla banca se previsto nel contratto di mutuo.
Ma dubito il venditore sia disponibile a regolarizzare.
 

Vives126

Membro Ordinario
Privato Cittadino
No.
Soprattutto facendo mutuo l’immobile deve essere regolare.
Una volta acquistato , con le procedure corrette ci fai le modifiche che vuoi , comunicandolo alla banca se previsto nel contratto di mutuo.
Ma dubito il venditore sia disponibile a regolarizzare.
Credo che, a questo punto, dalle vostre risposte, sia tenuto a farlo, anche xké a sua volta sì è impegnato x l'acquisto di un'altra casa e se non vende la sua non può chiedere mutuo a sua volta.
Gli dirò chiaramente che sono disposto a fare proposta se ripristina i luoghi come da planimetria 👍 grazie x l'aiuto
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Gli dirò chiaramente che sono disposto a fare proposta se ripristina i luoghi come da planimetria 👍 grazie x l'aiuto
O ripristina come de planimetria, o regolarizza la situazione esistente.
Ma dubito che si metta a far lavori di muratura per ripristinare, soprattutto se vive li , e ci deve vivere fino al rogito; più probabile che propenda per la regolarizzazione dell'esistente, se possibile ( e non è detto, perché potrebbe aver fatto interventi non autorizzatili).
La materia è complessa; quindi, prima di firmare qualsiasi contratto ( e anche una proposta che, se accettata, diventa un regolare contratto preliminare), accertati di aver ben compreso la situazione esistente, preferibilmente con l'assistenza di un tecnico di tua fiducia.
Nel dubbio, metti una sospensiva per il mutuo, o almeno per la regolarità urbanistica e catastale, che deve esserci prima della perizia.
 

Vives126

Membro Ordinario
Privato Cittadino
O ripristina come de planimetria, o regolarizza la situazione esistente.
Ma dubito che si metta a far lavori di muratura per ripristinare, soprattutto se vive li , e ci deve vivere fino al rogito; più probabile che propenda per la regolarizzazione dell'esistente, se possibile ( e non è detto, perché potrebbe aver fatto interventi non autorizzatili).
La materia è complessa; quindi, prima di firmare qualsiasi contratto ( e anche una proposta che, se accettata, diventa un regolare contratto preliminare), accertati di aver ben compreso la situazione esistente, preferibilmente con l'assistenza di un tecnico di tua fiducia.
Nel dubbio, metti una sospensiva per il mutuo, o almeno per la regolarità urbanistica e catastale, che deve esserci prima della perizia.
Grazie Francesca... Mi chiedevo, nell'eventualità volessi fare questa pazzia per questo appartamento, partendo dal presupposto che chiederei di regolarizzare o abbattendo o sanando la difformità, se lei dovesse propendere per sanare l'attuale stato dei luoghi è oneroso , dopo aver io ripristinato l'originale , variare nuovamente la planimetria al catasto?
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
è oneroso , dopo aver io ripristinato l'originale , variare nuovamente la planimetria al catasto?
Premesso che senza vedere casa e documentazione urbanistica non si possono nemmeno prendere in considerazione le concrete possibilità per sistemare la situazione ( lo stato attuale potrebbe non essere sanabile), dopo aver comprato una casa regolare potrai consultare un tecnico e fare gli interventi che ti interessano , chiedendo le autorizzazioni e poi modificando la planimetria.
Costi in base alla situazione reale, cioè a quali interventi sono necessari.
Ovvero, serve un tecnico anche per sapere come muoversi.
 

ingelman

Membro Supporter
Agente Immobiliare
Nello specifico la casa è stata lievemente modificata x creare una sorta di subappartamento ... è stata creata una seconda porta su una parete (chiaramente non presente in planimetria) è stato chiuso con un tramezzo il corridoio; e una stanza ,in origine camera da letto, è stata adibita a cucina con tutti gli attacchi connessi x acqua e gas.
Alla faccia delle piccole difformità :malato:
Scusa ma è da molto tempo che non scrivo nel forum ed a posto di una faccina mi è uscita una facciona ah ah

D'accordo. Quindi non posso acquistare e mi preoccupo io di ripristinare dopo dichiarando che devo ristrutturare?
No se chiedi un mutuo
Non puoi farlo anche se non chiedi il mutuo, nell'atto tu ed il venditore dovete dichiarare che le risultanze catastali sono giuste comprese le planimetrie che allegherete all'atto conformi rispetto allo stato dei luoghi ..... Quindi l'unica strada è regolarizzare se possibile (anche se mi è parso di capire che addirittura da un appartamento ne sono usciti due..... tutto dire) altrimenti ripristinare la situazione originaria, il tutto OBBLIGATORIAMENTE prima dell'atto definitivo di vendita

Ciao
 

Vives126

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Buongiorno. Sono qui a dare aggiornamenti e a chiedervi ulteriore consiglio:
Ho parlato con l'AI e mi ha rassicurato che per quanto riguarda la planimetria metteranno una postilla che il venditore si impegna a ripristinare l'originale.
Adesso vi chiedo :se dovessi fare una proposta- E mettiamo che venga anche accettata- quando matura la sua provvigione?
Ve lo chiedo perché ,qualora il venditore poi non ottemperasse ,non vorrei che l'agente si defila con la sua bella sommetta, e io sarei costretto a fare causa.
Quindi vorrei tutelarmi prima.
 

Lin0

Membro Attivo
Professionista
L'agente matura la provvigione appena il venditore accetta la proposta, la presenza di postille vincola il venditore ma non l'agenzia che ha completato il suo lavoro. La provvigione viene maturata quando l'affare si conclude e non quando va a buon fine.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Ho parlato con l'AI e mi ha rassicurato che per quanto riguarda la planimetria metteranno una postilla che il venditore si impegna a ripristinare l'originale.
Risposta equivoca : non si capisce ( o perlomeno non lo capisco io), se vuole togliere la porta, il tramezzo e le altre opere create abusivamente , o se vuole modificare la planimetria, per renderla conforme allo stato di fatto.
La prima ipotesi è quella che dovrebbe andare bene, se non ci sono altre problematiche.
Adesso vi chiedo :se dovessi fare una proposta- E mettiamo che venga anche accettata- quando matura la sua provvigione?
Dipende cosa si intende per "postilla"; e in ogni caso va scritto tutto molto bene.
1) Se ci si limita a scrivere che metterà a posto, le provvigioni maturano alla comunicazione dell'accettazione della proposta ( che è il momento in cui si chiude il contratto preliminare).
Tra l'altro deve sistemare prima della perizia, non basta prima del rogito.
Se non ottempera, deve renderti il doppio della caparra, o rifonderti i danni( provvigioni comprese), ma potrebbe essere necessaria un causa.
2) se si vuole essere tutelati, cioè non perdere soldi se il venditore non fa quello che concordate, serve inserire in proposta una condizione sospensiva , del tipo " il contratto è sottoposto alla condizione sospensiva relativa alla conformità catastale, e sarà efficace solo se entro il giorno X (precedente la perizia), il venditore eliminerà nell'immobile tutte le eventuali opere abusive presenti, e lo renderà conforme alla planimetria attuale, qui allegata " .
In questo caso, le provvigioni maturano solo se si avvera la condizione .
Le date vanno studiate con attenzione, considerando anche che la richiesta del mutuo potrà partire a immobile a posto.

La descrizione dell'oggetto della vendita deve essere fatta come da planimetria.

Ma bisogna prima verificare che la planimetria attuale sia conforme a quanto autorizzato , ovvero che non sia anche quella frutto di qualche abuso precedente.
 

Vives126

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Risposta equivoca : non si capisce ( o perlomeno non lo capisco io), se vuole togliere la porta, il tramezzo e le altre opere create abusivamente , o se vuole modificare la planimetria, per renderla conforme allo stato di fatto.
La prima ipotesi è quella che dovrebbe andare bene, se non ci sono altre problematiche.

Dipende cosa si intende per "postilla"; e in ogni caso va scritto tutto molto bene.
1) Se ci si limita a scrivere che metterà a posto, le provvigioni maturano alla comunicazione dell'accettazione della proposta ( che è il momento in cui si chiude il contratto preliminare).
Tra l'altro deve sistemare prima della perizia, non basta prima del rogito.
Se non ottempera, deve renderti il doppio della caparra, o rifonderti i danni( provvigioni comprese), ma potrebbe essere necessaria un causa.
2) se si vuole essere tutelati, cioè non perdere soldi se il venditore non fa quello che concordate, serve inserire in proposta una condizione sospensiva , del tipo " il contratto è sottoposto alla condizione sospensiva relativa alla conformità catastale, e sarà efficace solo se entro il giorno X (precedente la perizia), il venditore eliminerà nell'immobile tutte le eventuali opere abusive presenti, e lo renderà conforme alla planimetria attuale, qui allegata " .
In questo caso, le provvigioni maturano solo se si avvera la condizione .
Le date vanno studiate con attenzione, considerando anche che la richiesta del mutuo potrà partire a immobile a posto.

La descrizione dell'oggetto della vendita deve essere fatta come da planimetria.

Ma bisogna prima verificare che la planimetria attuale sia conforme a quanto autorizzato , ovvero che non sia anche quella frutto di qualche abuso precedente.
Ciao Francesca, non so citare i pezzi, ad ogni modo l'AI mi ha detto che la signora dovrà provvedere al ripristino dello stato originale, quindi non modificando planimetria originale ma abbattendo il tramezzo e così via.
Durante la visita a me non è sembrato che la signora fosse a conoscenza di doverlo fare lei, anzi mi spiegava cosa andava fatto.... ma questa è un'altra storia.
Mi chiedevo se mettere la semplice sospensiva del salvo buon fine mutuo non potesse racchiudere il tutto?!
Mi concedono il mutuo xké è tutto ok ed io provvedo a dare la provvigione all'AI xké ha tenuto fede a quanto detto.
È sbagliato?
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Mi chiedevo se mettere la semplice sospensiva del salvo buon fine mutuo non potesse racchiudere il tutto?!
Intanto anche una "semplice sospensiva" va scritta bene.
Deve essere chiaro che tu non vuoi comprare quello che hai visto, ma quello che è riportato in planimetria.
E le date vanno scritte con criterio, poiché se lei non regolarizza prima della perizia, avete perso tempo in due per niente.

Ultimo appunto,non avendo capito dall'inizio che volevi inserire una sospensiva per il mutuo; è più facile far accettare una condizione sospensiva per la regolarizzazione
( che dipende da lei), piuttosto che una per il mutuo, non gradita a tutti (io, ad esempio, non le ho mai usate).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buon giorno sono un nuovo iscritto, come posso mettermi in contatto telefonico con un responsabile o segretaria?
Buonasera, sono collaboratrice di una storica azienda immobiliare di Reggio Emilia.
Stiamo cercando Delle collaborazioni in Romagna per numerose richieste di nostri clienti interessati ad immobili in vendita o per venire a trascorrere le ferie.
Qualcuno è interessato?
Alto