1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. aifras

    aifras Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buonasera,
    in questi giorni sto terminando alcuni lavori all'interno della mia casa tutti regolarmente fatturati e che sto pagando con bonifico.
    I lavori sono, il rifacimento di un bagno, una nuova linea del gas, la sostituzione delle tubazioni dell' impianto di riscaldamento.
    Convinto che fossero interventi liberi non ho comunicato nulla al comune.
    Mi spetteranno comunque le detrazioni?
    E' possibile presentare un Cil tardiva?
    So di essere stato un po' leggero ma all'inizio dovevano essere pochi lavoretti poi mi sono fatto prendere la mano.
    Grazie per le risposte.
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Ciao, per presentare la CIAL tardiva, i lavori non devono essere ultimati, e per la possibilità di aderire alla detrazione fiscale, dovresti chiedere in comune, penso che una volta sistemata la richiesta autorizzativa, tu possa aderire al contributo.
     
  3. aifras

    aifras Membro Junior

    Privato Cittadino
    grazie della risposta, ma veramente per rifare un bagno serve la clia (asseverata) a sentire le imprese che hanno fatto i preventivi non serviva nulla. Il bagno ha ancora il vaso da montare e l'impianto elettrico da infilare, secondo te può essere considerato come non ultimato, anche perchè cambierebbe molto la sanzione
     
  4. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    No... a mio giudizio non serve la CIAL (non CLIA) perchè sono opere di manutenzione ordinaria; se a livello strutturale (muri) non ha modificato nulla.
    Secondo me, dovrest presentare una comunicazione di manutenzione ordinaria in comune e con questo non hai problemi... per essere certi, guarda nel sito del tuo comune, alla sezione ufficio tecnico, gestione del territorio, o modulistica (manutenzione ordinaria) e troverai la risposta certa. Oppure, parlane col tecnico comunale, spieghi che devi aderire alla detrazione fiscale per opere di manutenzione ordinaria e sicuramente avrai le risposte certe ...
     
  5. aifras

    aifras Membro Junior

    Privato Cittadino
    Sul Regolamento Edilizio del mio Comune c'è scritto così:
    1.1 Manutenzione ordinaria "Gli interventi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti" (legge 457/78, art.31). La manutenzione ordinaria è sostanzialmente rivolta a mantenere in efficienza gli edifici. Consiste, quindi, in interventi di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici (intonaci, pavimenti, infissi, manto di copertura, ecc.), senza alterarne i caratteri originari né aggiungere nuovi elementi. Sono altresì di manutenzione ordinaria la sostituzione e l’adeguamento degli impianti tecnici esistenti, purché ciò non comporti modificazioni delle strutture o dell’organismo edilizio, ovvero la realizzazione di nuovi locali, se non quelli eventualmente necessari per ospitare gli impianti stessi.
    Gli impianti tecnici saranno elettrico e idrosanitario giusto?
     
  6. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    bisogna vedere se le risposte certe sono quelle che si aspetta @aifras.....;)

    Il tema è abbastanza controverso, date le risposte di voi tecnici:
    I lavori su citati sono detraibili? Nella guida AdE la sostituzione dei sanitari, così come la sostituzione dell'impianto elettrico o messa a norma, sono comprese tra le opere detraibili. Ma alcuni tecnici qui sul forum hanno sostenuto essere opere di manut. ordinaria , con tanto di citazione della 380/2001 ecc ....

    - manutenzione ordinaria in u.i. private ------> NO Detrazioni
    - manutenzione straordinaria -------> SI detrazioni


    Mi sentirei di concludere pragmaticamente che:
    credo sia bene fare una comunicazione al Comune, per avere data certa:
    temo che i bonifici per i lavori debbano avere data successiva alla comunicazione
    la comunicazione non deve dare la zappa sui piedi alla possibilità di detrarre

    altre certezze non ne ho, ma quanto suggerito sopra ha alta probabilità di salvare capra e cavoli
     
    A panetto piace questo elemento.
  7. aifras

    aifras Membro Junior

    Privato Cittadino
    Quindi cosa faccio? Non faccio nulla, presento i documenti per la detrazione e per dieci anni incrocio le dita. Mi convinco sempre di più che avrei dovuto fare come proposto da tutti gli artigiani, sconto subito e non ci pensi più. La detrazione ha senso solo su lavori veramente grossi.
     
  8. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Caro Bastimento, cosa dicono tanti non so e non voglio replicare perchè si creerebbe un precedente e nuove contestazioni, che obiettivamente non mi va di replicare ... ognuno deve essere tranquillo con se stesso su ciò che dice e scrive ...
    ora, per la somma tranquillità io non ho fatto altro che riportare la parte (anche da te citata) del testo dell'AdE, e pertanto rientranti nelle opere di manutenzione ordinaria; a suffragio di quanto ho detto, proprio per la massima tranquillità dell'esponente, lo invito, come già detto, a contattare il tecnico comunale per definire eventuali dubbi.
    Per i bonifici non so, ma forse hai ragione tu oer la data ... ma essendo una M.O. non credo siano così fiscali come per le DIA, o altre istanze ...
     
  9. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Non farei il frettoloso ... prima prova a sentire il tecnico comunale ... ciò che hai descritto dal tuo RE, lo dice chiaro come hai descritto i tuoi lavori che sono manutenzione ordinaria.
     
  10. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Dalla descrizione che fai mi sembra mera manutenzione ordinaria e, come tale, attività libera che non necessita di nessuna comunicazione (ignoro se il tuo comune obbliga a qualche adempimento nei propri regolamenti), ad eccezione dell'eventuale pratica per la sicurezza nei luoghi di lavoro.
     
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Credo abbiamo già dissertato insieme di queste situazioni. Se non erro tu concludi anche che sono interventi non detraibili.
    Altro punto, su cui probabilmente tu hai ragione, ma alquanto disatteso da molti tuoi colleghi, è la pratica per la sicurezza. Che nel caso di manutenzione ordinaria non viene spesso consigliata/prevista con la motivazione che i vari artigiani intervengono in successione e non in termini di subappalto.
    L'Italia è bella perchè .... flessibile ed elastica?
     
  12. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    sono d'accordo, il deposito della CIL è facoltativo, comunque non avresti nessuna agevolazione fiscale.

    Al contrario voler forzare una manutenzione straordinaria per le agevolazioni fiscali vuol dire:
    annullare tutte le fatture fatte finora, stornare gli importi e rifarle da capo e poi pagare un tecnico per la pratica, pagare la reversale in comune e la multa.

    Il piano di sicurezza è sempre obbligatorio se vai a vedere la nuova modulistica unica per tutta Italia c'è una tabella molto chiara.
    Il fatto è che fare un piano della sicurezza... costa!
    e puo essere molto difficile farlo digerire al committente; oltretutto dal momento in cui si fa la comunicazione al provveditorato si deve essere sicuri che il cantiere sia in perfetto ordine ben sapendo che se viene un controllo una multa ci scappa sempre.
     
  13. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Questo tema alla fine mi diverte, mata e calefab lo sanno ed hanno finito per convincermi ... che devono aver proprio ragione , ma anche che sicuramente loro sono più realisti del Re.

    A precisa domanda, trovandomi in un frangente simile, il tecnico che mi seguiva mi aveva assicurato che non serviva il piano sicurezza (!?), e per la manutenzione straordinaria non mi risulta abbia dovuto pagare tributi comunali; quanto alle detrazioni non ho fatto ricorso contro l'interpretazione di AdE ;), ...ed ho preso per buona la indicazione in esempio della guida della AdE.
     
  14. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    per il piano della sicurezza serve un'abilitiazione a parte e considerando che la multa più bassa è di 1500 euro per farlo dovresti chiederne almeno 3000...
    puoi chiedere 3000 euro di sicurezza per rifare 2 stanze?!

    La reversale si paga sempre, ci sono comuni che chiedono 250 euro e altri che ne chiedono 70, sempre alla faccia della semplificazione.

    in questi giorni sul nostro blog abbiamo fatto l'esegesi della nuova modulistica unica per le ristrutturazioni.
    Modelli unici per le ristrutturazioni: che c'è di nuovo?
    l'unica semplificazione è che il pdf è editabile e non devo compilare tutti i campi a manina
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  15. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    @Bastimento qui non si trtta di consigliare, ma di sola applicazione della norma. Il D.lgs. 81/2008 dispone che devi fare il piano di sicurezza in caso di coinvolgimento di più di 1 ditta, "anche non concomitanti", quindi anche se non lavorano insieme (cosa peraltro molto rara). Quindi, se ci sono almeno due "ditte" (escluso quindi i lavoratori singoli autonomi), va fatta la procedura e nominato il cse. Ricordo che ci sono rischi penali...
     
  16. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Mi spieghi meglio questa condizione?
     
  17. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Secondo il D.Lgs. 81/2008 nella definizione di "ditta" non rientra il singolo lavoratore autonomo che può gestirsi da sé, essendo solo e disponendo di attrezzatura propria.
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  18. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    E l'impresa artigiana come si configura?
     
  19. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Come ditta
     
  20. S.T.C

    S.T.C Membro Junior

    Altro Professionista
    Se in Cantiere c'e' una sola ditta ci vuole solo il P.O.S. e R.S.P.P., vi e' la necessita' di Coordinatore della Sicurezza quando ci sono piu' di ditte
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina