• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Arianna76

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera a tutti,
Volevo se possibile una specifica.
Se in fase di vendita di un immobile dovesse pervenire una proposta a prezzo pieno (es. richiesta presente su incarico di 200.000 euro e proposta proprio a 200.000 euro) ma sulla proposta viene introdotta la clausola
“La presente è fatta salvo approvazione reddituale di mutuo con delibera entro il xxx” e il venditore non accetta proposta è comunque tenuto a pagare penali per rifiuto proposta all’AI?
O questa clausola, così come indicata, rende la proposta sospensiva e quindi non fa maturare provvigione o eventuale penale?
Grazie mille a chi vorrà rispondere
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
e il venditore non accetta proposta è comunque tenuto a pagare penali per rifiuto proposta all’AI?
No, per essere soggetto alla penale il venditore deve rifiutarsi di accettare una proposta efficace, oltre che conforme per quanto riguarda il prezzo richiesto.
O questa clausola, così come indicata, rende la proposta sospensiva e quindi non fa maturare provvigione o eventuale penale?
Farà maturare la provvigione, se accettata, se e solo quando la condizione sospensiva si sarà avverata.
Ma non c'è penale se non viene accettata.
 

Arianna76

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Grazie mille Francesca, quindi se la proposta è a prezzo pieno ma con questa clausola diventa non efficace nell’immedIato il rifiuto di accettarla non fa scattare penali, ho compreso bene?
 

CheCasa!

Membro Supporter
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Buonasera a tutti,
Volevo se possibile una specifica.
Se in fase di vendita di un immobile dovesse pervenire una proposta a prezzo pieno (es. richiesta presente su incarico di 200.000 euro e proposta proprio a 200.000 euro) ma sulla proposta viene introdotta la clausola
“La presente è fatta salvo approvazione reddituale di mutuo con delibera entro il xxx” e il venditore non accetta proposta è comunque tenuto a pagare penali per rifiuto proposta all’AI?
O questa clausola, così come indicata, rende la proposta sospensiva e quindi non fa maturare provvigione o eventuale penale?
Grazie mille a chi vorrà rispondere
Il proprietario non ha alcuna penale da pagare se rifiuta una proposta non conforme alle condizioni stabilite dall'incarico di vendita.

La conformità non è determinata solo dal prezzo ma da tanti altri fattori che sono comunque riportati sul contratto. Leggilo e verificane il contenuto.
 

Arianna76

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Il proprietario non ha alcuna penale da pagare se rifiuta una proposta non conforme alle condizioni stabilite dall'incarico di vendita.

La conformità non è determinata solo dal prezzo ma da tanti altri fattori che sono comunque riportati sul contratto. Leggilo e verificane il contenuto.
Buongiorno, la mia domanda era nello specifico riferita alla clausola in cui “si attende la delibera reddituale” e che a mio parere rende la proposta sospensiva e quindi se non accettata non può procurare penale xke è una proposta non efficace da subito.
È giusto questo pensiero?

Grazie 🙏🏻
 

CheCasa!

Membro Supporter
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Buongiorno, la mia domanda era nello specifico riferita alla clausola in cui “si attende la delibera reddituale” e che a mio parere rende la proposta sospensiva e quindi se non accettata non può procurare penale xke è una proposta non efficace da subito.
È giusto questo pensiero?

Grazie 🙏🏻
Secondo me non è giusto.
La clausola di subordinazione inibisce esclusivamente la maturazione del diritto a percepire una provvigione in caso di accettazione sino al suo verificarsi.
E' l'inadempimento contrattuale che determina invece l'obbligo di pagare una penale.

Quindi, giusto per farti un esempio che dovrebbe tagliare la testa al toro, se l'incarico prevedesse l'obbligo di accettare proposte d'acquisto con subordinazione al mutuo, secondo me, la mancata accettazione determinerebbe l'obbligo di pagare una penale.

Si tratta però di un mero ragionamento teorico: di prassi nell'incarico di vendita non ci sono queste clausole. Ti invito comunque a sincerartene leggendolo con attenzione.
 

Arianna76

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Secondo me non è giusto.
La clausola di subordinazione inibisce esclusivamente la maturazione del diritto a percepire una provvigione in caso di accettazione sino al suo verificarsi.
E' l'inadempimento contrattuale che determina invece l'obbligo di pagare una penale.

Quindi, giusto per farti un esempio che dovrebbe tagliare la testa al toro, se l'incarico prevedesse l'obbligo di accettare proposte d'acquisto con subordinazione al mutuo, secondo me, la mancata accettazione determinerebbe l'obbligo di pagare una penale.

Si tratta però di un mero ragionamento teorico: di prassi nell'incarico di vendita non ci sono queste clausole. Ti invito comunque a sincerartene leggendolo con attenzione.
Grazie mille lo farò subito

Si tratta però di un mero ragionamento teorico: di prassi nell'incarico di vendita non ci sono queste clausole. Ti invito comunque a sincerartene leggendolo con attenzione.
Ho letto per bene l’incarico, non è citata nessuna clausola di subordinazione mutuo viene solo indicato nella modalità di pagamento che se “l’acquirente si avvalesse di mutui o finanziamento, tale importo sarà messo a disposizione del venditore alla data del rogito dall’istituto bancario”.

Quindi se rifiuto una proposta a prezzo pieno ma con clausola di subordinazione mutuo non sono inadempiente perché non era specificato nell’incadico.

Dovrebbe essere così quindi.
 

Manzoni Maurizio

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Purtroppo per il proponente è così, dovrà prima ottenere la predelibera del mutuo, poi la perizia dovrà confermare il prezzo proposto e quindi rifare la proposta senza subordinazione ammesso che nel frattempo non sia scaduto l'incarico o l'immobile sia stato venduto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
buonasera se l'acquirente di un immobile stipula il compromesso con caparra e poi si accorge che l'immobile presenta delle difformità tra la planimetria e lo stato di fatto, può pretendere la restituzione della caparra, anche se l'immobile è sanato prima del rogito?
Grazie
Alto