1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. den

    den Membro Junior

    Altro Professionista
    Buongiorno a tutti. stò acquistando un terreno agricolo con annesso rustico. ho la dichiarazione del proprietario che tale stabile è antecedente anno 67.il proprietario stà accatastando su indicazione del notaio. il rustico misura 8 metri in larghezza e 3 in profondità, per un tot di m2 24. serviva al vecchio proprietario come deposito atrezzi e come bivacco, cucinotto, ostello ecc.. nel locale c'è ancora il gas, la stufa a legna e una vecchia rete dove il proprietario saltuariamente dormiva.non c'è acqua, e luce, mancano i servizi igenici che comunque potrei fare. il quesito che vi pongo è questo: può il proprietario, a suo piacimento, accatastare in classe A o C. E nel caso chi darebbe parere favorevole o contrario? il comune o il catasto? ovviamente il comune accatastando in classe A prenderebbe l'ICI. con mia moglie userei il rustico come usato precedentemente dal proprietario, abitandolo saltuariamente per poter coltivare la terra, vista la distanza dalla nostra abituale dimora(200 km di distanza) pensiamo di pernottare in qualche weekend. forse sono stato un pò confusionario e per questo vi prego di scusarmi. vi ringrazio per gli aiuti che con le vostre sempre pronte e chiare risposte date, e vi saluto cordialmente
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non è il proprietario che decide l'accatastamento ma l'agenzia del Territorio.
    Certo che un immobile ante 1967,può andare in deroga ai requisiti attualmente richiesti per l'abitabilità e quindi potrebbe anche essere accettato un accatastamento come abitazione, se non è mai stato accatastato o se era accatastato come rurale e oggi deve essere trasferito al Catasto Urbano.
    Devi però chiedere al tecnico che si occupa dell'accatastamento.
     
    A den piace questo elemento.
  3. den

    den Membro Junior

    Altro Professionista
    Ok Roberto, ti ringrazio per la risposta. ero convinto che al catasto la classe la suggeriva il geometra del proprietario dell'immobile,sulla base delle cose che ci sono tuttora. come fa l'agenzia del territorio a immaginare l'uso che si farà di questa piccola costruzione? Il proprietario quindi non può fare richiesta? ti ringrazio per la tua eventuale risposta e per tutti i tuoi interventi nel sito che sono chiari e utili. ciao
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    All'Agenzia del Territorio interessa solo l'aspetto fiscale di un immobile non quello urbanistico; l'urbanistica è competenza del comune.
    Pertanto se tu accatasti un fabbricato ad uso magazzino e poi ci vivi chi sporge denuncia è il Comune non L'agenzia.
    Il tecnico che presenta l'accatastamento, se ci sono i presupposti, può chiedere che un fabbricato venga accatastato ad abitazione; l'Agenzia risponderà se lo ritiene ammissibile e indicherà la categoria, la classe e la rendita.

    Ma da quale situazione parti? Da un fabbricato rurale che deve essere portato all'Urbano o da un fabbricato già all'Urbano ma non accatastato? In comune esiste qualche progetto?
     
    A den piace questo elemento.
  5. den

    den Membro Junior

    Altro Professionista
    ciao Roberto, in comune non esiste niente di niente, in mappa idem. oggi il geometra dice che lo accatasta classe a..... vedremo, speriamo bene. saluti
     
  6. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    In questo caso dovrebbe essere possibile l'accatastamento ad abitazione (classe A) con tutti i vantaggi che ne conseguono. ;)
     
    A den piace questo elemento.
  7. den

    den Membro Junior

    Altro Professionista
    Ciao, Roberto. Dopo un anno esatto dalla mia richiesta e dalle tue risposte precise, ti vorrei mettere al corrente di quello che sta succedendo così da poter avere tuoi nuovi aiuti e consigli. Ho ricevuto dal catasto la classe di casa popolare e a giugno ho versato la relativa ICI al comune. Antecedentemente,sentito il parere favorevole del tecnico comunale, in primavera il mio geometra ha presentato in comune un nuovo progetto più spazioso(200 mt cubi contro i precedenti 50). Successivamente la commissione comunale fece un soppraluogo per verificare il tutto per quel che riguarda la parte paesaggistica. Risposta favorevole oltre che dalla commissione anche dalla provincia. Ora, per quel che riguarda la questione ho un permesso del comune di costruire entro 5 anni. Il problema però è il permesso dal punto di vista urbanistico. Il comune ha voluto chiarimenti (dimostrare che l'immobile sia stato usato come abitazione). ho risposto con lettera che come il vecchio proprietario, motivato con testimonianze della gente del posto, anche io lo sto usando saltuariamente come abitazione(uso l'acqua della mia cisterna, ho un generatore e pannelli fotovoltaici per la corrente elettrica, ma non ho il bagno anche se essendo in campagna in qualche modo mi arrangio). Anche il mio geometra ha certificato questo. Considerato che in zona ci sono parecchi fabbricati similanti al mio, ma classificati uso deposito, l'amministrazione non vorrebbe fare torti a nessuno. Vorrei conoscere il tuo pensiero e anche di tutti quelli che potrebbero in qualche modo aiutarmi. Un ultima domanda: può l'amministrazione comunale e in che tempi, declassare l'immobile?
     
  8. den

    den Membro Junior

    Altro Professionista
    Dopo un anno esatto dalla mia richiesta e dalle tue risposte precise, ti vorrei mettere al corrente di quello che sta succedendo così da poter avere tuoi nuovi aiuti e consigli. Ho ricevuto dal catasto la classe di casa popolare e a giugno ho versato la relativa ICI al comune. POSSO USUFRUIRE DELLA L.R.VENETO N 11/2004 (AMPLIAMENTO MASSIMO FINO A 800 MT CUBI).Antecedentemente,sentito il parere favorevole del tecnico comunale, in primavera il mio geometra ha presentato in comune un nuovo progetto più spazioso(200 mt cubi contro i precedenti 50). Successivamente la commissione comunale fece un soppraluogo per verificare il tutto per quel che riguarda la parte paesaggistica. Risposta favorevole oltre che dalla commissione anche dalla provincia. Ora, per quel che riguarda la questione ho un permesso del comune di costruire entro 5 anni. Il problema però è il permesso dal punto di vista urbanistico. Il comune ha voluto chiarimenti (dimostrare che l'immobile sia stato usato come abitazione). ho risposto con lettera che come il vecchio proprietario, motivato con testimonianze della gente del posto, anche io lo sto usando saltuariamente come abitazione(uso l'acqua della mia cisterna, ho un generatore e pannelli fotovoltaici per la corrente elettrica, ma non ho il bagno anche se essendo in campagna in qualche modo mi arrangio). Anche il mio geometra ha certificato questo. Considerato che in zona ci sono parecchi fabbricati similanti al mio, ma classificati uso deposito, l'amministrazione non vorrebbe fare torti a nessuno. Vorrei conoscere il tuo pensiero e anche di tutti quelli che potrebbero in qualche modo aiutarmi. Un ultima domanda: può l'amministrazione comunale e in che tempi, declassare l'immobile?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina