1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Joker70

    Joker70 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,volevo porre alla vostra attenzione il problema che mi trovo ad affrontare. Ho effettuato preliminare d'acquisto di un immobile in costruzione,con ingresso indipendente(passo carrabile e passo pedonale).A causa di intoppi burocratici(la strada ove i passi avrebbero avuto sfogo,risulta essere privata ed i proprietari,non intendono concedere autorizzazione all' apertura),il venditore ha come possibilità di aprire i passi sopra citati,su la strada opposta,che è comunale.Il problema sorge dal fatto che,per mettere in atto,questa variazione,il venditore deve sottrarre del terreno alla casa che affaccia su questa via,promessa in vendita ad altra persona,firmataria anch'essa di accordo preliminare di acquisto. Questa persona,giustamente,si oppone alla cessione,anche difronte ad un offerta di risarcimento,propostagli dal venditore.Faccio notare che ,nel contratto di compravendita stipulato,è presente una clausola,che consente alla parte venditrice,di poter mettere in atto modifiche all'immobile,fino a quando,non verrà stipulato il rogito.
    Capirete che la situazione che mi trovo ad affrontare,è molto complessa.
    Volevo porvi delle domande:
    1)può la parte venditrice espropiare il terreno necessario,dietro a giusta ricompensa,senza avere il bene placito dell'acquirente?
    2)Non avendo possibilità di accesso diretto alla casa che ho comprato,posso chiedere la risoluzione del contratto preliminare di compravendita,con annessa restituzione della somma versata come caparra e/o acconto? Posso richiedere il doppio della somma versata?
    Grazie in anticipo a chi saprà darmi un'aiuto!
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare


    In genere, questa clausola è valida per immobili che non siano ancora stati compromessati, mentre si escludono variazioni importanti nelle unità immobiliari già promesse in vendita.

    Il problema mi sembra grave e immagino che il costruttore stia cercando l'escamotage necessario...

    Francamente, non so se l'area necessaria possa essere espropriata, dovrà intervenire il comune, che, peraltro ha concesso il Permesso di Edificare a fronte di un progetto... Il Comune non lo sapeva che la strada era privata ???

    Per la rescissione del contratto, si, ritengo che questo sia un valido motivo, però aspetterei per vedere come si possono mettere le cose...

    Silvana
     
  3. Joker70

    Joker70 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta.
    Sul fatto che il Comune non sapesse che quella strada fosse privata,sono rimasto basito anch'io,perchè proprio dal Comune era arrivata l'autorizzazione a costruire,con i passi su quella via! Poi in seguito alla denuncia fatta dai proprietari della via stessa,il Comune ha provveduto a rettificare il "papocchio" e così,il costruttore ha presentato una variante,approvata,con le aperture sull'altra via!
    A questo punto,se effettivamente le cose stanno così( con la clausola valida per immobili che non siano ancora stati compromessati),non so quale altra soluzione possa essere percorribile,perchè non esistono altre vie di accesso!
    Che situazione paradossale...:triste:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina