1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Eleonora93

    Eleonora93 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    Ringrazio anticipatamente chi risponderà.
    Io e mio marito stiamo ristrutturando casa. Ovviamente ristrutturando un casolare vecchio ci siamo trovati a dover affrontare delle problematiche come l'assenza di riscaldamento, l'assenza di gas, l'assenza delle fosse biologiche. Adesso è uscito un altro problema. In pratica sembra che sia obbligatorio istallare una cisterna per la raccolta dell'acqua piovana. La domanda è: è obbligatorio? Anche se ho il pozzo naturale ? Grazie.
     
  2. marchesini

    marchesini Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Se non sbaglio Pistoia è in Toscana... se è così penso proprio che vi tocchi istallare la cisterna per il recupero delle acque meteoriche, in ogni caso il tecnico che segue i lavori doveva informarvi prima delle varie problematiche ed i relativi costi.

    Vi incollo da dove deriva l'obbligo:
    La Finanziaria 2008 (art. 1, comma 288) ha disposto che dal 2009 il rilascio del permesso di costruire sia subordinato, oltre che alla certificazione energetica dell’edificio, anche alle “caratteristiche strutturali dell’immobile finalizzate al risparmio idrico e al reimpiego delle acque meteoriche”.
    La norma è terribilmente vaga e quindi è, come troppo spesso accade, inapplicabile. Tuttavia alcune Regioni hanno legiferato in modo ben più preciso, presupponendo due ipotesi di risparmio idrico quello obbligatorio, previsto in caso di nuovi interventi, e quello volontario, in caso di opere con standard edilizi molto elevati, che possono perciò avere diritto ad agevolazioni urbanistiche e a contributi, in base a un punteggio in cui il recupero delle acque da pioggia ha un suo peso, insieme ad altri fattori (per esempio risparmio energetico, materiali eco-compatibili, ridotto inquinamento dell’aria, eccetera)..

    La regione Toscana ha legiferato sulla questione.
     
    A akaihp piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina