1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. DRM77

    DRM77 Ospite

    Salve.Vorrei capire bene quale dei due regimi converrebbe scegliere per chi volesse aprire attività di agente immobiliare(ditta individuale). Col regime forfettario i contributi inps dovrebbero essere versati sulla base di quanto dichiarato(quindi nessun contributo fisso). L'aliquota da tenere in considerazione per i contributi previdenziali quant'è? Vorrei capire bene e in modo dettagliato quale dei due regimi scegliere. Ipotizzando un reddito di 15.000 euro tra inps e tasse cosa si dovrebbe pagare? Grazie per la vostra attenzione
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Mi sembra di ricordare che la contribuzione INPS al minimo (circa 4000 euro annui) vada versata anche con il regime dei minimi, ed anche in assenza di fatturato.
    Ti consiglio comunque di avvalerti della consulenza di un commercialista esperto nella materia; in queste questioni è facile che per avere un vantaggio immediato non si considerino svantaggi futuri di dimensioni maggiori! :triste:
     
  3. Grazia.d

    Grazia.d Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Anch'io ho scelto il forfettario. Il commercialista mi ha detto che i contributi sono al 30% e l'imposta sostitutiva al 15%. Per i vecchi minimi le imposte sono al 5% ed i contributi sono fissi. Comunque non basarti troppo sulle informazioni prese da internet o ti confonderai le idee.
     
  4. DRM77

    DRM77 Ospite

    Ti ringrazio. Quindi hai preferito il forfettario anche se con un'aliquota più alta perchè con esso verseresti i contributi (30%) sulla base del ricavo. Col forfettario la soglia è di 15.000 euro annui mentre col vecchio regime dei minimi l'aliquota da quanto ho letto è al 5% e i contributi sono fissi. Cosa è deducibile e cosa no nei due regimi?
    P.S ti assicuro che di commercialisti ne ho sentiti e mi hanno confuso le idee.Quindi basarsi sull'esperienza di chi già ha scelto e ci ha avuto a che fare non fa male. Alcuni commercialisti stanno seduti e si annoiano anche a leggere gli aggiornamenti. ;)
     
  5. DRM77

    DRM77 Ospite

    Grazie.
     
  6. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Vai a parlare col commercialista e fatti dire i pro e contro perché mi sembra ti manchi qualche pezzo della storia. Soprattutto perché poi magari scopri di pagare piu' tasse di quanto ti aspettassi rispetto al regime ordinario. Infine cerca di avere ben chiaro la differenza che esiste tra la gestione finanziaria e quella economica.
     
  7. DRM77

    DRM77 Ospite

    Certamente lo farò. Di commercialisti ne sentirò. Ho avuto modo di apprezzare la competenza di voi utenti e quindi chiedo per confrontarmi e comprenderne di più tra quello che dite, quello che leggo e quello che dicono i commercialisti. E comunque aveva ragione chi mi diceva che trovare un buon commercialista è fondamentale. Non è che chi diventa commercialista sia necessariamente aggiornato e foriero di validi consigli. Assolutamente no. Questo sto constatando. Come in tutte le professioni ci sono quelli aggiornati e competenti e quelli indolenti e sciatti. Saluti
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  8. Grazia.d

    Grazia.d Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Ho preferito il forfettario solo per evitare di dover versare i contributi in misura fissa e, quindi, per tenere sotto controllo le spese. E' vero che, ogni anno, dovrò pagare il 45% del fatturato ma, almeno, lo farò a fronte di un incasso effettivamente realizzato. Per quanto riguarda i costi deducibili, mi sembra di aver capito che nel forfettario non ce ne sono.
     
  9. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Anche tu fai un salto dal commercialista con urgenza
     
  10. DRM77

    DRM77 Ospite

    Non so. A sensazione penso convenga il vecchio regime dei minimi.
     
  11. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    A sensazione domani c'è il sole.
     
    A dormiente piace questo elemento.
  12. Grazia.d

    Grazia.d Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Queste cose me le ha dette proprio il commercialista! c'è per caso qualcosa che GLI sta sfuggendo?
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  13. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite


    Io farei una bella comparazione tra il regime ordinario e quelli agevolati per vedere l'impatto fiscale con reddito di 15.000 euro. Al contrario tralascerei l'idea di pagare INPS in base ai redditi perché i 3.600 euro che la ditta individuale paga è calcolato per un reddito di 15.500 euro annui.
    Quello che voglio dire, salvo eccezioni, è che potresti avere delle grosse sorprese.
     
  14. DRM77

    DRM77 Ospite

    Eh eh eh.Diciamo che dopo aver letto alcune cose e comparato i regimi e tenendo conto di costi deducibili credo che tra minimi e forfettario mi convenga il regime minimi.Comunque non essendo professionista del settore andrò ovviamente dal commercialista.Però prima di farlo e' sempre giusto avere un minimo di informazioni al riguardo
     
  15. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Valuta anche il regime ordinario della ditta individuale
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina