1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Fefi_roma

    Fefi_roma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera a tutti! Avrei bisogno di un'informazione: ho acquistato un immobile e vorrei iniziare i lavori di ristrutturazione quanto prima, il rogito è avvenuto pochi giorni fa ma ho richiesto al notaio l' atto di proprietà per richiedere la Cila e mi ha detto che sarà disponibile entro 60 giorni dal rogito. Per la cila l' atto di proprietà è l'unico documento che attesti la proprietà dell' immobile o è possibile usare un altro documento in sostituzione? Grazie
     
  2. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    Premesso che i titoli edilizi ( CIL, CILA, SCIA, PdC etcc) aventi ad oggetto degli interventi su di un immobile, possono essere richiesti da chi ha la titolarità per farlo > in forza di titolo di proprietà.
    detto questo, in assenza di un rogito regolarmente registrato viene meno il requisito che si evidenziava alla premessa.

    si potrebbero percorrere 2 strade
    > la prima, più ovvia, sarebbe quella di attendere i tempi materiali per la regolare registrazione del rogito.
    > la seconda, (tentativo) si potrebbe chiedere all'ufficio tecnico interessato se accetterebbe una Autodichiarazione dell'acquirente, in sostituzione del rogito, con la possibilità di conferire la copia del rogito a registrazione avvenuta.
    Sarebbe nella discrezionalità dell'ufficio accertare o meno

    altre evenienze non me ne tornano in mente !
     
  3. Fefi_roma

    Fefi_roma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta Marcanto, in realtà il rogito è già avvenuto in data 28 settembre, e il notaio ha emesso una certificazione in cui dichiara di aver rogitato, quello per cui mi dice che servono 60 giorni è l'emissione dell' atto di proprietà ( a me sembra moltissimo tempo e non me l' aspettavo quindi avevo pianificato per metà ottobre la richiesta cila).
    Ora quello che non capisco è se la certificazione del notaio è sufficiente o meno dato che diversi architetti hanno pareri discordanti, speravo qualcuno si fosse trovato nella stessa situazione e potesse aiutarmi!!!
     
  4. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    che il rogito era GIÀ' stato stilato / redatto era chiaro ......infatti io parlo della sua regolare registrazione.
    Perché affinché un atto di trasferimento acquisisca la sua valenza DEVE essere registrato ......è i 60 gg sono i tempi necessari (forse il notai avrà anche un po esagerato e forse alla fine i tempi diventano anche meno)

    se la certificazione del notaio è sufficiente, congiuntamente alla tua Autodichiarazione ....te lo saprà dire solo l'uffici tecnico di competenza > fatta salva la sua discrezionalità in merito.

    la vicinanza dei tempi mi fa presumere che già avrai contattato il tuo tecnico di fiducia.......
    lo stesso tecnico cosa ti riferisce a tal proposito ?????
     
    Ultima modifica di un moderatore: 3 Ottobre 2018
  5. Fefi_roma

    Fefi_roma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si solo che l' architetto mi ha detto che c' è grande discrezionalità degli uffici competenti quindi l'unico documento con cui si sente tranquillo al 100% è l' atto di proprietà.. io devo fare i lavori a Roma e addirittura le regole cambiano da municipio a municipio. Vorrei anche provare a contattare l'ufficio tecnico competente ma dato che si fa tutto online non riesco a capire chi dovrei contattare. A roma c è il suet ma non esiste un numero telefonico. Mi sembra una follia dover aspettare 2 mesi.. o meglio almeno vorrei capire se non c' è altro da fare. Anche perché leggo di persone che iniziano i lavori con il preliminare di vendita quindi vorrei capire come sia possibile!
     
  6. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    !!!!!!!!
     
  7. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ma se inizi i lavori e poi metti a posto le carte?...
     
  8. cafelab

    cafelab Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Ti hanno informato male, per la pratica al Suet non serve caricare copia dell'atto di proprietà, basta la tua dichiarazione
    Mi sembra strano tu abbia avuto tutti questi pareri discordanti, se hai rogitato puoi depositare la pratica anche oggi

    Comunque se posso permettermi un consiglio, prenditi il tempo per organizzarti
    devi accreditarti al suet, ci vogliono almeno 7-10gg,
    le ricevute delle notifiche preliminari all'Asl e al Provveditorato vanno caricate sul server del Suet: assicurati che la ditta abbia tutti i documenti in regola per lavorare
    devi preparare le lettere di incarico per architetto e per impresa, anche queste vanno caricate sul Suet

    Poi sarebbe il caso di acquistare tutte le forniture prima dell'inizio dei lavori in modo da avere pronte le consegne in cantiere e non interrompere i lavori

    Comunque si, a Roma è purtroppo la normalità, in alcuni municipi non è più possibile parlare con i tecnici a meno di non chiedere un appuntamento con "tu passi"
    è una situazione allucinante, io per chiedere lumi su una scia avrei dovuto aspettare 60gg!
     
    A Jan80 e francesca63 piace questo messaggio.
  9. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    procedura non prevista dalla norma
    in caso di mancata o tardiva comunicazione si incorre nel pagamento di sanzioni/more per mancata comunicazione.
    ancora peggio se inizi i lavori e poi ti giunge sul posto un controllo
     
  10. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    Spero che per essere stato "mal informato" e per "pareri discordanti" non ti riferisci a chi è intervenuto in precedenza.
    Premesso che comunque non conosco il criterio di presentazione on-line delle pratiche edilizie a Roma ......resta comunque il fatto concreto che titolati sono i proprietari degli immobili oggetto degli interventi.

    Anche se fosse possibile effettuare una dichiarazione, la stessa farebbe capo a delle indicazioni non complete .......dichiarando solamente di ave rogitato ma senza indicarne gli estremi della registrazione dell'atto stesso.
     
  11. cafelab

    cafelab Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Inutile impermalosirsi,
    Mi riferisco a chi sta chiedendo informazioni, rispondendo alle sue domande

    Io le pratiche al Suet le faccio, se vi dico che non serve...
    Per una volta che la procedura burocratica é snella!
    L’intestatario della pratica dichiara (sotto la sua responsabilità) di essere proprietario, non sono richiesti gli estremi
     
    A ludovica83 e francesca63 piace questo messaggio.
  12. francesca63

    francesca63 Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Trascrizione, non registrazione.
    Un atto di vendita è valido anche senza trascrizione , per scrittura privata, ma solo tra le parti.
    Perché sia efficace verso terzi serve la trascrizione.
    A trascrizione avvenuta il notaio fornirà una o più copie conformi del rogito trascritto.
     
  13. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    Se è come dici allora la dichiarazione basta ed avanza, non gli serve neppure il documento che gli ha rilasciato il notaio.
     
  14. marcanto

    marcanto Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ok ....ok :ok:
    sono assuefatto al comune "modo di dire" evidentemente non corretto.
     
    A francesca63 piace questo elemento.
  15. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Potrebbe iniziare (intanto) a fare i lavori che non prevedono autorizzazione... (edilizia libera).
     
  16. Fefi_roma

    Fefi_roma Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille! volevo sapere proprio questo da qualcuno che seguisse le pratiche al suet a Roma perché il mio architetto non è romano quindi non conosce perfettamente la procedura a roma. Per gli altri documenti sta seguendo tutto l' architetto, poi abbiamo pensato che qualora dovessimo tardare qualche giorno per la cila iniziamo con le opere di demolizione che rientrano nell' edilizia ordinaria escludendo i tramezzi. anche se a questo punto non dovrebbe mancare nulla. La ditta ci ha già inviato tutto ed è tutto in regola... Speriamo bene purtroppo la burocrazia mette sempre un po' d' ansia!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina