1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Buongiorno, vi racconto l'ultima, fresca fresca di ieri sera:
    il cugino di un mio amico mi conferisce 6 mesi fa incarico per la locazione di uno dei suoi svariati immobili. Preciso che l'incarico è verbale vista la parentela con il mio amico e la garanzia stessa che il mio amico prestava per il cugino. Molte visite, tempi magri, canone richiesto possibile, ma al limite, però possibile. Lavoro sulla cifra minima, arrivano le offerte, scartate per richieste degli aspiranti inquilini riguardo arredo e/o modifiche all'immobile. Ieri arriva finalmente l'offerta buona, quella giusta. Convoco il proprietario e questo mi dice che sta prendendo accordi con un condomino dello stesso stabile. Allora lo avverto che visto il nostro accordo può mettermi in contatto con questo tizio e mi occuperò comunque io di tutto fino alla registrazione del contratto. Risposta: "Il tizio non vorrebbe pagare la provvigione, quindi riconosco il lavoro svolto, ti pago solo la mia quota!" Eh no!!! Gli ho fatto intendere che la sua quota non basta vista l'opera si scavalco in atto!
    Morale della favola: sostiene che dovrei accontentarmi del 50% della provvigione perchè oltretutto non ho un incarico scritto (quindi mi concede anche una grazia!). Gli faccio presente che l'incarico è verbale per la parentela che ha con il mio amico.... Risponde che non sono così parenti, ma molto alla lontana, quasi per niente.... (sono cugini carnali, stesso cognome!!). Intanto il mio amico ha litigato con il cugino vista la figuraccia.
    Io sarei intenzionato a spedirgli fattura totale. Aspetto che sottoscrivano contratto e poi fatturo.
    Voi che consigliate? Sono poco protetto? Dovrei accettare il 50%?
    Ogni giorno c'è sempre una storia da aggiungere all'esperienza per non annoiarsi e non finire di stupirsi.:basito:
     
  2. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Scusami... ho capito bene?:shock::shock::shock:
    Tu hai avuto un incarico verbale da una persona (ma anche se fosse stato scritto...), cugino di un tuo amico. Questi ha trovato per suo conto un inquilino potenziale.
    (sospiro)
    Tu cosa vuoi? Non ho capito bene (anzi temo di aver capito ma vorrei che tu me lo ripetessi per evitare fraintesi).

    Perchè se fosse come ho capito, cioè che tu hai avuto un incarico (non importa se verbale o scritto) grazie a una amicizia e che questa persona ha poi trovato da solo chi prenderà il suo immobile e oltretutto ti riconoscerebbe la provvigione da parte sua (senza dovertela affatto) oggi avrebbe litigato con l'amico perchè accusata di comportarsi male da te...
    Se ho capito bene (e spero di no), significherebe che il mio pensare male degli agenti immobiliari e il mio giudicarli incapaci di capire quale sia il loro ruolo e la loro funzione non è mai stato abbastanza applicato con la necessaria costanza.
    Se fosse come ho capito (spero male) tu non solo dovresti seguirgli la pratica (ti paga senza doverti un euro) ma dovresti farlo ringraziandolo della sua onestà, anzi non onestà ma signorilità, molto più rara.

    Se ho capito male allora scusa, ho detto fesserie.
     
  3. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    "Signori si nasce " diceva Totò e non lo si diventa aggiungo io, capita molto spesso che un amico caro o per tramite di esso , si acquisisca l'incarico verbale o sulla parola ( che comunque ha lo stesso valore di un contratto scritto ) per la gestione di un immobile e purtropp capita anche molto spesso che si resti fregati per essere stato signori e per non aver voluto mettere penna su carta come si dovrebbe sempre , comunque se l'incarico che Sim ha avuto era in esclusiva a trattare il fitto , sono dell'idea che ha sbagliato il fantomatico cugino a non dire all'aspirante inquilino : " Si rivolga all'agenzia perla trattativa" e quindi penso anche che sia giusta la richiesta di Sim. Parliamoci chiaramente il proprietario acconsente al pagamento della provvigione perchè tanto la paga indirettamente l'inquilino e l'agenzia con i tempi che corrono si accontenterà, questo sono i conti che si è fatto, poi volevo giusto dire, in merito al ruolo degli agenti Immobiliari ed al pensar male di loro, che primo, sarebbe ora di finirla di sparare sempre sugli Agenti Immobiliari tutti truffatori e pronti a carpire la fiducia del cliente, se cominciassimo a fare un bestiario delle cattiverie che ogni giorno vengono perpetrate ai danni della categoria penso non la finiremmo più e questo vale anche per l'inverso beninteso, non è giusto ne onesto fare di ogni erba un fascio, il mondo è fatto di furbi e l'Italia ne è capofila, ed in merito al nostro ruolo... Beh è risaputo che c'è l'hanno abolito:risata::risata::risata:. Fabrizio
     
    A Sim e Maria Antonia piace questo messaggio.
  4. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    No dissento con forza. Già l'esclusiva che mi fa pagare la penale perchè mi trovo l'acquirente o l'inquilino da solo mi sta ampiamente sulle balle, ma qui non ci sono proprio scusanti. Perchè pretendere che il condomino in oggetto passi dall'agenzia è, oltre fuori da ogni diritto di legge, assurdo. Inoltre l'esclusiva, che non era firmata e non so se voleva esser esclusiva (se no avrebbe firmato) e nel racconto leggo infatti "incarico" e basta, poteva benissimo salutare e ringraziare.
    Un altra delle mentalità che trovo negative e da estirpare e che continuate a portare avanti è quella che avuto un incarico in esclusiva o meno a voi debba esser riconosciuto qualcosa a prescindere, come una tassa.
    Non ho parole.
     
  5. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Hai capito perfettamente. L'incarico verbale era IN ESCLUSIVA e al proprietario è andato bene sia il mio lavoro, sia la parentela con il mio amico (parentela che gli aveva procurato uno sconto già in partenza), finchè gli hanno fatto comodo. Adesso che invece siamo di intralcio vuole farsi l'affare da solo con il minimo delle spese e oltretutto va a sminuire il rapporto con il cugino. Altre volte mi è capitato di andare incontro ai clienti per cose simili, ma eravamo tutti in buona fede, mentre qui.... se non lo avessi convocato per la proposta da discutere magari mi sarei trovato l'appartamento affittato dal giorno alla notte.

    Per quanto riguarda questi altri commenti:
    1- non entro in casa della gente come fanno i rapinatori in villa e gli faccio sottoscrivere un contratto in esclusiva puntandogli una pistola alla tempia, quindi sono i proprietari che di loro sponte entrano nella mia agenzia e mi conferiscono incarico (che sia verbale o scritto è uguale)
    2- lavoro in base agli accordi e investo sul lavoro: se tu proprietario vieni meno agli accordi mi arrechi un danno che può anche essere basato su un guadagno preventivato (perchè lo sai sempre se il lavoro che svolgi è fattibile o meno)
    3- la mattina mi alzo e apro l'agenzia non per noia, ma perchè così la sera posso passare al supermercato e comprarmi la cena da cucinare a casa. Il supermercato si fa pagare e il gas per cucinare anche. Non vedo perchè io debba lavorare gratis.
     
  6. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Obiezioni risibili, infatti il nostro proprietario Paga quanto dovuto. Rimane il ragionamento fuori da ogni logica ( il pretendere che il condomino paghi ) e rimane l'assoluta infondatezza del ragionamento anche in termini di diritto, che però la dice lunga, molto lunga su quanto poco siete capaci di ragionare orientati alla clientela. Spesso mi trovo a difendervi da chi vi taccia di parassitismo, ma leggendo quesi post ho difficoltà a non ammettere che qualche ragione per sostenerlo c'è.

    ;)

    Aggiungo che se è un contratto di esclusiva, se è ammissibile farlo in forma verbale (credo di sì) come obbligazione ha solo l'esclusiva e se è verbale è difficile riscontrarci penali (tra l'altro si potrebbe considerare pure vessatoria una penale corrispondente al compenso normale) o altre clausole che non siano espresse (un contratto in esclusiva non è assolutamente scontato abbia penali o clausole particolari) e come inadempimento si potrebbe sostenere che sarebbe ravvisabile solo nel caso l'immobile sia proposto da altre agenzie. Ma non entro nel diritto perchè è noioso e interessa solo a pochi di voi, quindi lasciamo perdere.

    Si parla di scavalco... io l'unico scavalco che vedo è quello fatto al buon senso.

    Se il proprietario ha voluto dare un incarico in esclusiva, come pare confermato dal fatto che voglia pagare la sua parte perchè si sente in difetto, cavoli sua, ben gli sta, la prossima volta ci pensa due volte. Mi rimane oscuro però come si possa sostenere di aver "lavorato gratis" quando in effetti NULLA è stato fatto dall'agente, secondo i normali canoni della mediazione e della vostra funzione, ancor peggio, il pretendere dal condomino, estraneo al rapporto tra agente e proprietario, il pagamento e tacciarli quasi di disonestà.
    Siete fuori dal mondo.
     
  7. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ti consiglio di rileggere tutto. Nessuno ha preteso alcunchè dal terzo "estraneo".

    Stai parlando con un "voi" che non mi piace. Sicuramente avrai avuto brutte esperienze con qualche agenzia, ma prima di metterci tutti nello stesso insieme.... analizza, conosci, pensa. E poi, informati su quale sia il lavoro di un agente immobiliare regolarmente iscritto alla camera di commercio.
     
    A studiopci, Maria Antonia e Livingston69 piace questo elemento.
  8. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Penso che , aldilà delle accuse varie ascritte alla categoria, non si tenga di buon conto quello che è il principio cardine del rapporto di esclusiva, l'esclusività . Nel momento in cui si concede un contratto in esclusiva il proprietario si obbliga a far trattare il suo immobile solo ed esclusivamente dall'Agenti Immobiliari, fermo restante che nessuno ha imputato di disonestà nessuno degli attori, possiamo però dire che il proprietario è stato superficiale nel concludere il fitto per conto suo. Mi rendo conto che il fatto è increscioso nel suo svolgimento ma il collega non ha sbagliato a richiedere la provvigione dell'inquilino in quanto gli è dovuta per legge, bensì ha sbagliato il proprietario a non comunicare alla persona interessata all'affitto di rivolgersi all'Agenti Immobiliari per la trattativa e la successiva eventuale conclusione. Ripeto è increscioso il fatto ma purtroppo le leggi esistono per tutelare i rapporti sociali, di lavoro, di affari, ecc.ecc. . Il collega ha lavorato in virtù di un contratto in esclusiva che lo tutela da questi accadimenti e purtroppo non gli si può ascrivere nessuna colpa personale ne tantomeno professionale ne lo si può imputare di scavalco perchè stando ai fatti e per quanto possa dare fastidio i fatti sono questi, chi ha scavalcato il collega è stato il proprietario ed ora che ne paghi le spese. Vorrei capire poi una cosa, perchè quando si cavilla e si spacca il pelo a quattro sul nostro operato è cosa buona e giusta perchè si stanno difendendo i propri diritti , se al contrario pretendiamo la sola appicazione dei nostri diritto, siamo cavillosi o meglio ancora parassiti.
     
    A Sim piace questo elemento.
  9. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    In vista di ciò, che accordo prenderesti? Accetteresti il 50% oppure chiederesti altro?
     
  10. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Se è rivolto a me Sim, il 50 % di cosa? della provvigione del l'inquilino ? Accetterei anche , ma non prima di avergli fatto un ripasso su quello che è l'esclusiva di un incarico e poi di avergli offerto un caffè ( con Guttalax ... no scherzavo )
     
  11. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il proprietario vorrebbe pagare solo la sua quota. Quella dell'inquilino non la vuole pagare. Io sono disposto a tagliare su quella dell'inquilino, ma non ad annullarla completamente.
     
    A studiopci piace questo elemento.
  12. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    No, è increscioso ritenere increscioso che avendo dato un incarico in esclusiva a una agente immobiliare questi possa pretendere che io non possa vendermela o affittarmela da solo, a persone che mi sono trovato da solo, visto che oltre tutto vi pagherei perchè VOI mi trovaste qualcuno e invece devo pure pagarvi per il fatto che vi siete occupati del mio immobile senza risultato, per la colpa di aver fatto il vostro lavoro da solo.
    Ed è increscioso talmente tanto che mi lascia basito anche che continuiate a sostenerlo! Pazzesco direi, siete al di fuori di ogni possibile ragionevolezza.
    Capisco che siete "duri" come categoria, lo dimostrate di continuo, ma siete veramente fuori di testa sostenendo queste cose a mio "ignorante" parere (molto condiviso da noi clienti che ignoramo il vostro duro lavoro).
    Ricapitoliamo.
    Il contratto di esclusiva è un contratto, quindi lega SOLO chi lo sottoscrive, eventuali acquirenti/locatari che non abbiano avuto a che fare con l'agente nulla dovranno ne in termini di diritto ne sopratutto in termini etici (quindi nulla di increscioso, anzi semmai il contrario).
    Il contratto di esclusiva, i VOSTRI clienti ve lo CONCEDONO, in forza di un lavoro che voi promettete di svolgere in una certa maniera, il cliente rinuncia a una sua libertà sacrosanta (quella di disporre del suo bene come più gli pare e piace), accettano talvolta anche impegni onerosi, come le penali (cosa che io non vi concederei manco morto) addirittura spesso rinunciando alla possibilità di recedere. In cambio di queste concessioni/impegni l'agente si obbliga a proporla ecc. e a portare le proposte degli eventuali interessati, a consegnare di solito l'elenco degli stessi in caso di scadenza dell'incarico senza conclusione ecc. ecc.
    Quindi il rapporto è reciproco, io non faccio vendere la casa ad altri e tu ci lavori in via preferenziale.
    A garanzia del rapporto però, c'è una penale a carico del solo proprietario (e non dell'agente che non portasse ad esempio una minima attività), che pagherà se dovesse vendersela da solo ( Che io ripeto non vi firmerei manco morto e trovo pazzo chi lo fa) o essere inadempiente a quanto sottoscritto in altro modo.Già il fatto che voi site garantiti per un periodo di tempo a prescindere dall'oggettiva misurabilità del vostro lavoro (spesso molto deludente in questi casi a quanto mi risulta ascoltando in giro) è una forma di pagamento superiore a quanto offrite.
    Ma oggi leggo che non vi basta, non vi accontentate.
    Secondo voi non basta pagarvi anche se non raggiungete il risultato, con la sola colpa di esserci riusciti prima di voi (il proprietario, quel disonesto) ma dovrebbe pagarvi anche la persona che senza aver avuto a che fare con voi si trovasse d'accordo con il proprietario, uno sorta di tangente.
    Ma nemmeno un briciolino di vergogna?
    Inoltre non è affatto vero che non si accusa di esser poco onesti chi invece è non solo onesto, ma gran signore (il proprietario in questione) infatti basta leggere quanto scritto per rendersene conto, am si sa, non ammettete una cosa nemmeno davanti all'evidenza dei fatti.La riporto perché chi legge possa farsi la propria idea, e vi assicuro che chi legge senza dover "addolcire" per amor di categoria, legge molto bene tra le righe. Poi ci si domanda come mai non siete "amati".
    Scavalco????

    Sostiene il 50%? C'ha ragione! Una penale dovrebbe esser minore! Sta pagando di più del dovuto!
     
  13. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Consentimi una battuta, senza malizia e cattiveria, il tuo nick la dice tutta " penso per me " .
    Allora scusami ma :
    Come giustamente diceva il collega, non è entrato scavalcando il muretto ne tantomeno ha puntato la pistola alla tempia del cliente, ed anche io concordo nel dire che nella stragrande maggioranza dei casi non obblighiamo i clienti a firmare, poi troppo spesso ci si dimentica che l'Agenti Immobiliari oltre alle varie incombenze ( aprire la porta, arieggiare i locali, decantare le bellezze del panorama, accompagnare i clienti all' Immobil Tour ) è anche, in reconditi anfratti, un professionista il quale dà un servizio, anche se molti sono propensi a pensare che lo faccia ( il servizio ), quindi lo paghi per la sua prestazione professionale , alla stessa stregua di come paghi un Dottore, un Avvocato, un Commercialista, un Idraulico o una baby sitter, lo paghi perchè non vuoi fare tu quello che fai fare a lui... giusto ? Facciamo un esempio Tu fai un contratto di assistenza annuale con il commercialista, poi un giorno decidi di prepararti il modello unico da solo, vai dal commercialista e gli dici che la dichiarazione dei redditi l'hai preparata tu e quest'anno non gli paghi il dovuto per contratto, cosa pensi che faccia il commercialista, a parte ricordarsi di te nelle sue preghiere serali ? Salti di gioia... penso ti dirà : " la ringrazio del pensiero e dell'avermi sollevato dall'incombenza ma noi abbiamo un contratto e quello che abbiamo pattutito lo dobbiamo rispettare tutti e due... Si perchè il discorso è questo quando si sottoscrive un contratto ci si impegna a rispettare determinate condizioni tutti e due , il rispetto non è unilaterale, inoltre nel rispetto del contratto e nel corso della sua durata perchè è increscioso ritenere che tu non possa venderla o affittarla per conto tuo... se vuoi farlo sei libero ma lo fai da solo sempre oppure opti per il mandato non in esclusiva ed allora hai tutte le ragioni di questo mondo ad affermare ciò.
    Poi vorrei chiarire

    Appunto lo concedono a fronte di una promessa da parte dell' Agenti Immobiliari e di una promessa da parte del proprietario , nessuno li obbliga è una libera scelta.



    leggo una sottile ed impercettibile vena di sarcasmo nella dichiarazione di " duro lavoro ", ma il medico che per 5 minuti di visita prende 150 € suda di meno per il servizio che rende ?

    Beh... qui... ti sei risposto da solo ed anche in maniera giusta.

    A garanzia della prestazione nei confronti del proprietario c'è che se non si conclude l'affare l'Agenti Immobiliari lo prenderà in saccocicia senza nulla a pretendere e non è poco credimi.

    .

    Qui invece leggo , sempre in maniera impercettibile , un leggero astio che monta nei confronti della categoria, ma continuo a precisare primo nessuno ha imputato di disonestà il proprietario, ma solo di disattenzione e secondo che se non raggiungo la finalità del contratto non mi devi niente, se tu proprietario che hai firmato un contratto in esclusiva con me trovi un cliente, in forza di un contratto che hai sottoscritto lo avvisi di andare presso l'agenzia e di parlare e concludere con loro. l'anima del contratto è questa. Se per esempio tu decidi di comprare una lavatrice della Whirpool e chiami la casa madre direttamente la casa madre pensi ti venderà la lavatrice... no ti dirà di rivolgerti al concessionario di zona con il quale ha un mandato in esclusiva per la vendita. La Whirpool ha sottoscritto un mandato di vendita in esclusiva con il concessionario e correttamente ti manda presso di lui, se facesse il contrario dovrebbe pagare al concessionario comunque il dovuto per rispetto del contratto.



    Non pensare che tutti vogliano nascondere tra le righe qualcosa di diverso da quello scritto , scusa ma limitati a leggere e non dedurre quello che viene dichiarato

    idem come sopra ... ed inoltre aggiungo , il proprietario non ha disconosciuto la parentela quando ha richiesto l'opera dell'Agenti Immobiliari

    Scusa senza offesa ma continuo ha ritenere increscioso il fatto, purtroppo causato dalla poca accortezza ( chiamiamola così ) ma nella norma e nella totale correttezza il comportamento del collega che inoltre non ha chiesto la mediazione all'inquilino bensì al proprietario come penso sia giusto.
     
    A andrea boschini e Sim piace questo messaggio.
  14. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Ognuno leggerà e giudicherà a prescindere dalle arringhe .

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    ps l'affare non si è concluso e c'hi lo prende in saccoccia ( l'euro ) è proprio l'ai.
     
  15. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Precisare per dovere di giustizia e di verità non è arringare che è proprio dell'avvocato , di cui certamente non ha bisogno il collega Sim non avendo commesso nessun reato. Con stima Fabrizio
     
  16. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Questa discussione sta alzando un polverone!
    Posso trarre come conclusioni che:
    "pensoperme" è il classico personaggio che ha avuto brutte esperienze con le agenzie e quindi ha immolato se stesso a distruggerle (altrimenti non vedo perchè partecipare a discussioni come questa);
    "pensoperme" non ha la minima idea di come vada il nostro mondo, di come ci si regola nella vita in generale e l'esempio di "studiopci" sul rapporto con il commercialista è azzeccato;
    che devo coprirmi le spalle da gente come "pensoperme" e da oggi scriveremo per bene a riguardo di penali sui contratti.

    Un grazie a "studiopci" per il supporto, ma soprattutto per aver capito (in quanto professionista) la problematica vera e che nessuno sta cercando di fregare nessunaltro, ma solo tutelare i propri diritti.
    Grazie.

    :ok:
     
    A studiopci piace questo elemento.
  17. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Questo per me è una conferma importante ;)
     
  18. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Concordo con tutte le tue definizioni su Pensoperme.
    Ed aggiungo un mio personale giudizio: Pensoperme è un astioso affabulatore.
    Nella mia breve esperienza lavorativa ho notato come abbastanza spesso contro la categoria degli Agenti Immobiliari si elevi al di sopra di tanti denigratori la voce altisonante di giudici "pontificatori".
    La maggioranza di questi pontefici risultano essere intelligenti che suscitano simpatica tenerezza.
    Ma allorquandola alla loro intelligenza si sovrappone un incompresibile astio, la suscitata simpatia si trasforma in fastidio, antipatia e sdegno.
     
    A Maria Antonia, studiopci, Sim e 1 altro utente piace questo messaggio.
  19. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Il punto è sempre lo stesso, quando si perde la possibilità di motivare con i fatti ci si arrampica sugli specchi o si tende a mettere l'interlocutore dentro scatoline più o meno denigranti.

    Tipico esempio di maturità e di intellettuale onestà. :applauso:

    Ripeto per coloro che non sono agenti immobiliari che potranno averne quindi giovamento:

    Un incarico in esclusiva (tralasciamo la verbalità del caso in oggetto) è un contratto e lega solo chi lo sottoscrive.
    Quindi nulla deve l'eventuale acquirente o inquilino ch e da solo abbia contattato il proprietario all'agente immobiliare (fin qui pacifico), quindi, ribadiamo, cari acquirenti o inquilini che avete contattato direttamente il proprietario senza passare dall'agente, fate benissimo a ignorarli, nulla gli dovete nemmeno moralmente ne per altre motivazioni; nulla vi vieta però di poter usufruire se vorrete, dei loro servizi e di pagarli.

    Secondo, nel caso in esame, definito increscioso da questi agenti immobiliari, nulla di increscioso è stato fatto, in quanto, nonostante il proprietario avrebbe potuto far orecchie da mercante (quindi da agente immobiliare) questi non solo è stato corretto, ma pure galantuomo, infatti PAGA il caro agente immobiliare la penale (intera) tra l'altro, come normalmente previsto da questi capestri.

    Il nostro caro agente immobiliare invece paventa una scorrettezza (che non c'è) in quanto secondo le sue visioni (non saprei come definirle altrimenti) questi avrebbe per correttezza (secondo lui) dovuto fargli seguire la pratica nonostante abbia reperito da solo chi gli prenderà l'appartamento in locazione, e quindi far pagare anche il nostro inquilino che giustamente invece resiste (perchè dovrebbe affidarsi a una gente immobiliare quando sono già praticamente d'accordo e pagarlo pure?).

    Seguono vari deliri a cercare di giustificare una posizione inconciliabile con la ragionevolezza e tentativi di ridicolizzare o relegare l'interlocutore a bassi livelli di etichettatura, perchè NON hanno argomenti validi da anteporre.

    Abbiamo quindi un proprietario corretto, un inquilino futuro correttissimo che non vuole pagare un servizio che non vuole e un agente che vorrebbe che invece gli pagassero per forza non solo ciò che non ha fatto (l'affare) ma anche quello che non gli compete, chiedendo ai suoi apri se non è giusto mandargli la fattura a entrambi, no si sa in nome di quale principio o diritto.

    Invece di analizzare questi, che sono i fatti oggettivi, avete letto e leggete come questi agenti immobiliari difendono le loro posizioni, preoccupandosi più di chi o cosa sia io che di quello che dichiarano, senza vergogna, in forum pubblici.

    :)

    Sull'intervento messianico di cui sopra, subito teso a giudicare il prossimo, stendo un velo di pietosa indifferenza, in quanto si possono esprimere giudizi, ma non sugli interlocutori, semmai sugli argomenti e i comportamenti.
     
  20. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In un vivere civile la stretta di mano a seguito di un accordo è sempre stato sinomino di educazione e di rispetto.
    Educazione e rispetto per la persona alla quale, stringendogli la mano, gli è stato conferito un qualsiasi incarico.
    Educazione e rispetto per quella persona la quale, a seguito della stretta di mano, impegna tempo e denari per portare a successo l’incarico conferitogli.
    Questo succede in un contesto civile.
    Se al contrario chi ha conferito l’incarico agisce per conto suo dimenticandosi la stretta di mano, non si può più parlare di essere educato e rispettoso dell’altrui persona.
    E’ il comportamento di un ineducato ed irrispettoso.
    Questo succede in un contesto incivile.
    Tornando al caso proposto, è vero che l’incarico è un contratto che lega solo chi lo sottoscrive.
    Ma è anche vero che colui che ha incaricato deve avvertire gli interessati all’affare, che a lui si rivolgono, sulla presenza della persona alla quale ha stretto la mano ed a questa li deve indirizzare.
    Questo è il sano comportamento di persona educata, rispettosa e degna di vivere in un contesto civile.
     
    A Sim e studiopci piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina