• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

marcanto

Membro Attivo
Professionista
#21
Per essere "bianca" serve amministratore, tabelle millesimali ma soprattutto condo'mini minimamente edotti su diritto, norma e giurisprudenza condominiale.
 

bepix

Membro Attivo
Privato Cittadino
#23
L'ignoranza è forte in questa discussione. Sarà difficile imporre un amministratore adesso che si sono fossilizzati sulle loro convinzioni.
L'amministratore oltre che obbligatorio per legge nel tuo caso, regola e gestisce le spese e le relazioni tra i condomini. A maggior ragione adesso che serve un intervento straordinario
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
#24
Tutto giusto !!!!
ma diciamocela onestamente, un amministratore significa anche oneri da sostenere.
forse è questo il punto.

Ma considerato che si tratta di un complesso edilizio non di quelli semplici o consueti, con parti comuni articolate e non individuabili a prima vista, l'amministratore e relative tabelle farebbe chiarezza in un marasma di confusione.
ma per quel complesso edilizio servirebbe uno bravo, ma proprio bravo e qualificato !!
 

bepix

Membro Attivo
Privato Cittadino
#28
Tutto giusto !!!!
ma diciamocela onestamente, un amministratore significa anche oneri da sostenere.
forse è questo il punto.
infatti , gli stupidi sono quelli che l'amministratore lo pagano perchè obbligati per legge e per evitare storie quando c'e' un problema che riguarda il condominio. anche pagare le tasse è un onere da sostenere
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
#29
A occhio, viste le foto, le spese per quella parte di tetto compete al proprietario del secondo blocco .
Forse si, forse no.
Non ha tutti i torti il postante a chiedersi quale sia il criterio da adottare: che sia un amministratore, o meglio un tecnico esperto (geometra o altro), dovrebbe risalire ai vari rogiti e allo storico del fabbricato, e verificare come questo sia stato frazionato e con quali diritti .

Se mi limitassi ad una superficiale vista del fabbricato, sembrerebbe una costruzione nata fin dall'origine come intero complesso: costruita su un unico lotto di terreno non frazionato. Se così fosse, sarei propenso a dichiarare il tetto comune a tutti e 12.

Vero però che le falde del tetto dei primo e secondo lotto appaiono discontinue rispetto al resto del tetto: in più le unità sottostanti se ho inteso bene appartenfono ad un unico proprietario. Si configurerebbe quindi una situazione di condominio parziale, dove vige la regola della verticalità: in sostanza le infiltrazioni del tetto del 2° corpo se le pagherebbe il proprietario di questo corpo.

Per le altre u.i. è già stato risposto: certamente se sulla verticale del tetto sussistono due proprietà, come minimo le spese si ripartiranno tra questi due: non è rilevante che acceda al tetto e chi sta a piano terra; ma anche qui non è del tutto scontato: i corpi fabbrica dal 3° in avanti sembrano presentare una falda continua, e non sarebeb male verificare come è stato frazionato il complesso.

Provocatoriamente mi chiederei pure come ripartire eventuali rifacimenti di facciata: anche li bisogna stabilire se si è di fronte ad un condominio unico o in sostanza a tanti edifici occasionalmente affiancati: (non credo)

In certi casi io propendo sempre per una soluzione concordata: forse non è facile uscirne con pezze giustificative scritte: di solito i costruttori venditori non si premurano di definire queste "quisquiglie" che diventano poi per gli acquirenti delle rogne. Quindi di comune accordo si stende un dettagliato regolamento: meglio se trascritto, che definirà una volta per tutte le regole di vicinato. Specie se non ci sono ancora stati dei precedenti cui riferirsi: in fondo l'importante non pagare due volte
 

francesca63

Membro Assiduo
Privato Cittadino
#30
Vero però che le falde del tetto dei primo e secondo lotto appaiono discontinue rispetto al resto del tetto: in più le unità sottostanti se ho inteso bene appartenfono ad un unico proprietario. Si configurerebbe quindi una situazione di condominio parziale, dove vige la regola della verticalità: in sostanza le infiltrazioni del tetto del 2° corpo se le pagherebbe il proprietario di questo corpo.
Esatto, per me dovrebbe essere così.
Concordo con te che sarebbe meglio saperlo dal principio, e stilare un regolamento se non c'è, oltre a nominare un amministratore che se ne occupi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

costarelli ha scritto sul profilo di cristian casabella.
Ho un immobile artigianale-commerciale in un piccolo centro commerciale a bastia umbra (tra assisi e perugia) questo composto da 9 studi medici, una palestra,2 bagni e 2 spogliatoi oltre le zone comuni per un totale di 240 mq più 160 mq di terrazzo. E' affittato ad euro 1850+IVA mensili ad una società che svolge poliambulatorio medico con un contratto di 6 anni coperto da fideiussione. Prezzo 340000 rendita 6,5% anno
Alto