• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Giorgioroma

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve, scrivo per chiedere se qualcuno può aiutarmi e darmi qualche riferimento certo ad una legge che riguarda la modalità di fatturazione in caso di lavori di ristrutturazione di un immobile.
La ditta edile che ha effettuato i lavori ha percepito diversi acconti durante l'opera, ma non ha mai emesso alcuna fattura.
Dopo il saldo completo dei lavori ci ha inviato con notevole ritardo un'unica fattura per il totale dei lavori con IVA al 22%. Nonostante la nostra opposizione ci dice che è possibile agire fiscalmente in questo modo e che non era tenuta ad emettere le fatture per ogni acconto ricevuto nei mesi precedenti. I lavori si sono svolti in 4 mesi. E' regolare tutto ciò? E l'IVA non doveva essere al 10%? Per avere l'IVA al 10% c'era qualche adempimento che si doveva fare? Si tratta di lavori di ristrutturazione (manutenzione straordinaria) su una facciata di una casa privata.
 

Maxpat1975

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno,
se non vado errato per ciò che concerne i lavori di straordinaria manutenzione bisogna far riferimento all'articolo 7 comma 1 lettera b della Legge 488/1999 dove sono ricomprese tute le tipologie degli interventi che possono usufruire dell’aliquota IVA ridotta al 10%..
Nessuna norma vieta l'emissione di fatture per acconto lavori, prima o durante l'esecuzione degli stessi. So che per poter usufruire di tale agevolazione bisogna dichiarare che si stanno eseguendo - appunto - dei lavori di ristrutturazione edilizia e che si beneficia quindi dell'aliquota agevolata.
Da non sottovalutare assolutamente (pena la decadenza dal beneficio della detrazione) è che i pagamenti devono avvenire mediante il cd. bonifico parlante con l'indicazione dell'art. di legge, l'indicazione di tutti i dati necessari ai fini dell'individuazione del committente (P.IVA o C.F.), di chi richiede l'agevolazione (C.F.) ed il riferimento della fattura che si sta pagando (acconto, stato avanzamento lavori o saldo). Spero di non aver commesso errori nel risponderti e di esserti stato utile.
Buona giornata.
 

Giorgioroma

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno,
se non vado errato per ciò che concerne i lavori di straordinaria manutenzione bisogna far riferimento all'articolo 7 comma 1 lettera b della Legge 488/1999 dove sono ricomprese tute le tipologie degli interventi che possono usufruire dell’aliquota IVA ridotta al 10%..
Nessuna norma vieta l'emissione di fatture per acconto lavori, prima o durante l'esecuzione degli stessi. So che per poter usufruire di tale agevolazione bisogna dichiarare che si stanno eseguendo - appunto - dei lavori di ristrutturazione edilizia e che si beneficia quindi dell'aliquota agevolata.
Da non sottovalutare assolutamente (pena la decadenza dal beneficio della detrazione) è che i pagamenti devono avvenire mediante il cd. bonifico parlante con l'indicazione dell'art. di legge, l'indicazione di tutti i dati necessari ai fini dell'individuazione del committente (P.IVA o C.F.), di chi richiede l'agevolazione (C.F.) ed il riferimento della fattura che si sta pagando (acconto, stato avanzamento lavori o saldo). Spero di non aver commesso errori nel risponderti e di esserti stato utile.
Buona giornata.
Grazie mille! Molto chiaro per quanto riguarda l'IVA al 10%.
Mi resta solo il dubbio sul perché la ditta edile mi abbia emesso solo una fattura con importo totale con ritardo e non abbia invece emesso le varie fatture al momento in cui riceveva gli acconti.
Secondo me questa sarebbe un'anomalia, invece la ditta mi dice che si può fare così.

Quindi tutti gli acconti ricevuti nei mesi che vanno da inizio aprile fino ad agosto (data di saldo) non sono stati contabilizzati, mentre viene emessa una fattura con estremo ritardo ad ottobre per l'intero importo dei lavori! Non so se la ditta poteva farlo a livello fiscale...
 

GianCasa

Nuovo Iscritto
Professionista
Sarebbe stato meglio pretendere la fattura prima di effettuare ogni pagamento. Così da inserire nella causale bonifici i riferimenti num/fattura. E soprattutto le avrebbero emesse al volo se utili a ricevere i bonifici.
 

Giorgioroma

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Sarebbe stato meglio pretendere la fattura prima di effettuare ogni pagamento. Così da inserire nella causale bonifici i riferimenti num/fattura. E soprattutto le avrebbero emesse al volo se utili a ricevere i bonifici.
Purtroppo, mi rimane l'esperienza per il futuro! Mai fidarsi di chi lavora con approssimazione e non è preciso nel rilasciare la corretta documentazione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno ho bisogno un consiglio urgente per l’acquisto di una casa all’asta senza abitabilitá, la casa é al rustico finita al 50%, ho girato tante banche e non trovo una che può darci il mutuo, per il fatto che la casa manca di agibilità. Qualcuno che ha avuto la mia stessa esperienza puo dirmi una banca che da un mutuo di questo tipo?? No intesa, No Ubi, no BiperBanca
Aiutatemi stiamo impzzendo
darioM85 ha scritto sul profilo di Bagudi.
Buongiorno so che lei è un'esperta in edilizia convenzionata. Mi farebbe piacere avere un suo parere su una discussione hce ho appena creato Grazie.
Compravendita in edilizia convenzionata con preliminare firmato
Alto