• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Lola94

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#1
Oggi abbiamo fatto una proposta per una casa in vendita in questa agenzia in saldo stralcio, solamente dopo aver fatto la proposta l agente immobiliare ci ha detto che lui voleva 1000 euro subito come caparra per la sua provvigione , e in casa in cui la banca avesse rifiutato la nostra proposta lui si sarebbe comunque trattenuto una parte per il suo rimborso spese. È possibile pretendere questi soldi ? Si è giustificato dicendo in modo anche alterato che lui ha molte spese visto che è un caso particolare
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
#3
La provvigione all'agenzia è dovuta solamente a conclusione dell'affare e nel tuo caso questo avverrà solamente nel caso in cui la tua proposta venga accettata e la banca dia l' o.k. per il mutuo (se ho ben interpretato ciò che descrivi,o vvero che necessiti di un mutuo).

Può essere comunque richiesto un rimborso spese (indipendentemente dall'accettazione) ma solamente per le spese specifiche sostenute su tua richiesta e comunque dimostrabili.

Il fatto che l'agenzia "abbia delle spese", è da configurarsi tra le normali spese di esercizio di un'attività e/o rischio d'azienda che dir si voglia, e perciò restano unicamente fatti suoi.
 

Lola94

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#4
Tante grazie della risposta, noi pagheremo in contanti senza necessità di mutuo, visto che il proprietario non ha pagato la banca ora è diventata proprietaria della casa quindi la proposta di acquisto l abbiamo dovuta fare alla banca e non al proprietario, ma solamente dopo ci è stato chiesto dall agenzia ( o meglio preteso) di dare questi 1000 euro come caparra per il lavoro dell agenzia, cosa che mi è sembrata fin da subito alquanto strana.
 

francesca63

Membro Assiduo
Privato Cittadino
#5
Può essere comunque richiesto un rimborso spese (indipendentemente dall'accettazione) ma solamente per le spese specifiche sostenute su tua richiesta e comunque dimostrabili.
Vero.
Normalmente si fa presente subito , non dopo la firma della proposta di acquisto. Ti informo, e tu decidi se proseguire, consapevole di dover sostenere spese in caso di non accettazione della proposta.
solamente dopo ci è stato chiesto dall agenzia ( o meglio preteso) di dare questi 1000 euro come caparra per il lavoro dell agenzia, cosa che mi è sembrata fin da subito alquanto strana.
Molto sgradevole , e soprattutto fa pensare che l’agente non sia molto fiducioso sulla possibilità che la tua proposta venga accettata.
 

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
#6
a dir la verità non so dirti se è legale o meno...... se la pratica è difficile richiedo una provvigione più alta ma incasso solo se chiudo l'operazione
 

Albanese

Membro Junior
Agente Immobiliare
#7
Tante grazie della risposta, noi pagheremo in contanti senza necessità di mutuo, visto che il proprietario non ha pagato la banca ora è diventata proprietaria della casa quindi la proposta di acquisto l abbiamo dovuta fare alla banca e non al proprietario, ma solamente dopo ci è stato chiesto dall agenzia ( o meglio preteso) di dare questi 1000 euro come caparra per il lavoro dell agenzia, cosa che mi è sembrata fin da subito alquanto strana.

La prossima volta inserisci una clausola per la deroga dell'art. 1756 c.c. fissando un tetto alle spese che comunque restano sempre da documentare come spese per il buon esito della tua compravendita, come riportato da Emanuele.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
#8
Tante grazie della risposta, noi pagheremo in contanti senza necessità di mutuo, visto che il proprietario non ha pagato la banca ora è diventata proprietaria della casa quindi la proposta di acquisto l abbiamo dovuta fare alla banca e non al proprietario, ma solamente dopo ci è stato chiesto dall agenzia ( o meglio preteso) di dare questi 1000 euro come caparra per il lavoro dell agenzia, cosa che mi è sembrata fin da subito alquanto strana.
Se e’ un saldo stralcio la casa e’ ancora dei venditori.
Diversamente, ovvero se fosse gia’ della banca, la casa sarebbe all’asta.

La proposta andava intestata ai proprietari.
La prassi, prevede l’accettazione dei proprietari, prima che la banca formalizzi la lettera di definizione del debito gravante, reinviandola ai venditori.
Che assieme alla casa sono titolari di quel debito.

Da qui delle due l’una:

L’intermediario e’ un brocco e non sa’ neanche da che parte cominciare.

I mille euro d’anticipo richiesti si giustificano per una sua condizione di necessita’

Oppure, l’intermediario, teme che sia ormai tardi per intervenire.
Con le procedure gia’ attivate, nel tentativo di una manovra in estremis, forte dell’assenza di mutuo a sostenere il vostro acquisto, da sottoporre al creditore, prima che la casa finisca all’incanto.

Si spiegherebbe la richiesta, assai singolare, dei mille euro di “franchigia”, come rimborso per lo sforzo inutilmente profuso.

Circostanza definita singolare, perche’ le prassi e i metodi consueti per temporeggiare e serrare l’azione delle banche, sono di ben altro stampo.

Atteso che queste, in tali procedure, non pagano mai alcuna mediazione.
Meno che meno la paga il venditore ormai alla canna del gas.

Di fatto se la casa va’ all’asta i giuochi sono finiti per tutti.

L’intermediario non avra’ le sue mediazioni.
L’acquirente non conseguira’ un buon affare.
Il venditore sara’ esecutato.

L’esatto contrario di cio’ che accade in una pratica a saldo e stralcio.

Quanto costa la casa @Lola94 e quanto potrebbe valere...?
 
Ultima modifica:

Lola94

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#9
La proposta andava intestata ai proprietari.
La prassi, prevede l’accettazione dei proprietari, prima che la banca formalizzi la lettera di definizione del debito gravante, reinviandola ai venditori.
Che assieme alla casa sono titolari di quel debito.

Da qui delle due l’una:

L’intermediario e’ un brocco e non sa’ neanche da che parte cominciare.

I mille euro d’anticipo richiesti si giustificano per una sua condizione di necessita’

Oppure, l’intermediario, teme che sia ormai tardi per intervenire.
Con le procedure gia’ attivate, nel tentativo di una manovra in estremis, forte dell’assenza di mutuo a sostenere il vostro acquisto, da sottoporre al creditore, prima che la casa finisca all’incanto.

Si spiegherebbe la richiesta, assai singolare, dei mille euro di “franchigia”, come rimborso per lo sforzo inutilmente profuso.

Circostanza definita singolare, perche’ le prassi e i metodi consueti per temporeggiare e serrare l’azione delle banche, sono di ben altro stampo.

Atteso che queste, in tali procedure, non pagano mai alcuna mediazione.
Meno che meno la paga il venditore ormai alla canna del gas.

Di fatto se la casa va’ all’asta i giuochi sono finiti per tutti.

L’intermediario non avra’ le sue mediazioni.
L’acquirente non conseguira’ un buon affare.
Il venditore sara’ esecutato.

L’esatto contrario di cio’ che accade in una pratica a saldo e stralcio.

Quanto costa la casa e quanto potrebbe valere...?


A noi sin da subito è stato detto che la casa era oramai della banca e che il prossimo passo è l asta, il valore catastale della casa è 30000 e noi abbiamo fatto la proposta a 28000, la banca avrebbe voluto 35000
 
Ultima modifica di un moderatore:

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
#10
1) Il proprietario non è la banca o altro creditore in procedura.

Anche se siamo al 150° tentativo di vendita in asta, la proprietà è sempre dei venditori. Potrebbero anche essere già stati buttati fuori di casa dal tribunale, ma sempre proprietari risultano e tali sono ufficialmente.

Debitori, esecutati e proprietari allo stesso tempo.

Il saldo e stralcio si può tentare in qualsiasi momento, prima del pignoramento o anche nel caso di cui sopra con aste deserte alle spalle e una prossima già fissata. Non è detto ovviamente che sempre riesca.

Quindi il proprietario è sempre e soltanto l'unico soggetto che ha titolo di vendere, anche se c'è un pignoramento. Basta non faccia azioni che danneggino i creditori.

Se invece l'asta va a buon fine, dopo saldo prezzo e decreto di trasferimento allora il proprietario sarà qualcun altro.

2) Continuo a rabbrividire quando leggo "facciamo la proposta alla banca" come se fosse l'unico soggetto a poter dire la sua. In alcuni casi sì, in tanti altri no e se non lo metti in conto sono guai.


3) Alla banca non interessa il valore catastale dell'immobile ma quanto è il debito maturato e quanto ritiene di poter ricavare in asta immobiliare o altre espropriazioni. Se la tua offerta è convincente potrebbe accettare. Poi devi metterti d'accordo similmente con altri creditori che possono arrivare quando meno te l'aspetti e ti bloccano l'operazione. Tutto fattibile se ci sono le condizioni e sai come fare.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
#11
[
in casa in cui la banca avesse rifiutato la nostra proposta lui si sarebbe comunque trattenuto una parte per il suo rimborso spese
QUOTE="sgaravagli, post: 601278, member: 38424"]a dir la verità non so dirti se è legale o meno...... se la pratica è difficile richiedo una provvigione più alta ma incasso solo se chiudo l'operazione[/QUOTE]Che io sappia, i professionisti come medici, ingegneri, avvocati ecc, hanno diritto ad essere pagati indipendentemente dal risultato dell'operazione (la loro è una prestazione di servizio e non di risultato).
Lo stesso diritto non hanno gli agenti e i mediatori, che vengono pagati ad affare concluso (quindi solo in caso di risultato positivo) Possono negoziare col loro cliente un compenso o un rimborso spese indipendente dal risultato, ma su questa clausola serve che sia d'accordo il cliente.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
#12
in casa in cui la banca avesse rifiutato la nostra proposta lui si sarebbe comunque trattenuto una parte per il suo rimborso spese
a dir la verità non so dirti se è legale o meno...... se la pratica è difficile richiedo una provvigione più alta ma incasso solo se chiudo l'operazione
Che io sappia, i professionisti come medici, ingegneri, avvocati ecc, hanno diritto ad essere pagati indipendentemente dal risultato dell'operazione (la loro è una prestazione di servizio e non di risultato).
Lo stesso diritto non hanno gli agenti e i mediatori, che vengono pagati ad affare concluso (quindi solo in caso di risultato positivo). Possono negoziare col loro cliente un compenso o un rimborso spese indipendente dal risultato, ma su questa clausola serve che sia d'accordo il cliente.
 

aLEcAS

Membro Supporter
Professionista
#13
in casa in cui la banca avesse rifiutato la nostra proposta lui si sarebbe comunque trattenuto una parte per il suo rimborso spese.
a dir la verità non so dirti se è legale o meno...... se la pratica è difficile richiedo una provvigione più alta ma incasso solo se chiudo l'operazione
Che io sappia, i professionisti come medici, ingegneri, avvocati ecc, hanno diritto ad essere pagati indipendentemente dal risultato dell'operazione (la loro è una prestazione di servizio e non di risultato).
Lo stesso diritto non hanno gli agenti e i mediatori, che vengono pagati ad affare concluso (quindi solo in caso di risultato positivo) Possono negoziare col loro cliente un compenso o un rimborso spese indipendente dal risultato, ma su questa clausola serve che sia d'accordo il cliente.
se Al Gore ha inventato Internet, immobilio ha inventato @davideboschi
 

Lola94

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#15
Più andiamo avanti e meno cose ci tornano!
A noi fin da subito l agente immobiliare ci ha fatto passare che oramai l unico che ha potere decisionale è la banca e che dipende tutto da lei , in più dopo che noi (sotto consiglio di un notaio)abbiamo chiesto all agenzia se ci fossero pignoramenti sulla casa ( oltre aver preso molto male la domanda,tanto da offendersi) ci hanno risposto che non c era assolutamente nessun pignoramento perché se cosi fosse stato sarebbe STATO IMPOSSIBILE fare una pratica di saldo stralcio, ci hanno addirittura detto che è stata la banca stessa a cercarli e che loro come agenzia dalla banca non prenderà un euro e quindi solo da noi saranno pagati ( addirittura hanno provato a chiederci di pagare doppio), a questo punto comincio ad avere seri dubbi sull affidabilità di questo agende che forse non sa cosa sta facendo e dicendo. Non ci hanno avvertito minimamente che ci potrebbero essere altri creditori oltre la banca e per di più all inizio quando abbiamo detto chi avevamo scelto di notaio ci ha detto che la banca lo avrebbe scelto e no noi, cosa a cui noi abbiamo detto immediatamente di no , il notaio lo sceglie chi compra visto che è a tutela nostra ed avendone uno di fiducia avremmo fatto l atto esclusivamente con lui , a quel punto ci ha detto ok rispondendo che ha lui non importava! visto i fatti credo proprio di mettere in mano il tutto ad un avvocato nel caso in cui accettassero , cosi da far fare ogni genere di controlli sull abitazione.
 

Rudyaventador

Membro Attivo
Professionista
#17
Più andiamo avanti e meno cose ci tornano!
A noi fin da subito l agente immobiliare ci ha fatto passare che oramai l unico che ha potere decisionale è la banca e che dipende tutto da lei , in più dopo che noi (sotto consiglio di un notaio)abbiamo chiesto all agenzia se ci fossero pignoramenti sulla casa ( oltre aver preso molto male la domanda,tanto da offendersi) ci hanno risposto che non c era assolutamente nessun pignoramento perché se cosi fosse stato sarebbe STATO IMPOSSIBILE fare una pratica di saldo stralcio, ci hanno addirittura detto che è stata la banca stessa a cercarli e che loro come agenzia dalla banca non prenderà un euro e quindi solo da noi saranno pagati ( addirittura hanno provato a chiederci di pagare doppio), a questo punto comincio ad avere seri dubbi sull affidabilità di questo agende che forse non sa cosa sta facendo e dicendo. Non ci hanno avvertito minimamente che ci potrebbero essere altri creditori oltre la banca e per di più all inizio quando abbiamo detto chi avevamo scelto di notaio ci ha detto che la banca lo avrebbe scelto e no noi, cosa a cui noi abbiamo detto immediatamente di no , il notaio lo sceglie chi compra visto che è a tutela nostra ed avendone uno di fiducia avremmo fatto l atto esclusivamente con lui , a quel punto ci ha detto ok rispondendo che ha lui non importava! visto i fatti credo proprio di mettere in mano il tutto ad un avvocato nel caso in cui accettassero , cosi da far fare ogni genere di controlli sull abitazione.
Una visura ipocatastale la puoi far fare subito al volo , da qualche agenzia pratiche ( cosi gia la hai da sottopporre al tuo avvocato vedi dopo) , sappi che il saldo a stralcio significa nella gran parte dei casi che il bene è in esecuzione , ed ha sopra un privilegio di qualche creditore , ...e si procede con l assenso dei creditori e del debitore a vendere fuori asta l immobile , pertanto l agente ha diritto alla provvigione in questo caso solo al momento dell omologa del Giudice. Pertanto in questo caso visto che la proposta , da come scrivi è bella che carente questa non esplica la sua efficacia; pertanto se ti interessa l immobile rivolgiti ad un legale pratico di esecuzioni cosi potrà guidarti nella gestione della trattativa , onde incappare in qualche problema essendo il saldo a stralcio molto "scivoloso".

A mio avviso , seppur non abbia elementi a sufficienza, credo che le cose stiano in questo modo , che su inziativa dell esecutato questi ha dato incarico all agente e ovviamente l incarico sara senza compenso dato che sicuramente il credito della banca sara superiore alla vendita e pertanto occorre vedere se la banca si accontenta o meno dato che non sappiamo se vi siano anche altri privilegiati in circolazione, e quindi l agente sta cercando di intascare i soldi. Quanto al notaio non sapendo in che fase sia questa esecuzione , potrebbe anche essere che questi non sia della banca ma sia il responsabile della procedura esecutiva , giustamente senza visibilita la cosa giustamente vi suona male e per l appunto occorre che siate TUTELATI dal vostro avvocato, ci vuole niente a versare soldi che incamerano i creditori e l immobile rimane aggredito....
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

truffato12 ha scritto sul profilo di il Custode.
Scusa custode ti devo parlare in privato posso?
A quali conseguenze legali va in contro l'agenzia immobiliare che modifica il prezzo di vendita di in immobile senza consultare entrambi I proprietari
Alto