1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Manosk

    Manosk Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera a tutti,

    possiedo un vasto terreno agricolo (con annessa abitazione rurale) collegato alla via pubblica con una stradina molto stretta e non ampliabile. Fortunatamente il mio buon vicino dispone di un'ampia e comoda strada da lui costruita sul suo terreno alcuni anni fa ed è disposto a condividerla con me. Più precisamente mi ha offerto una servitù di passaggio pedonale/carrabile a un prezzo assai ragionevole oppure la comproprietà (ognuno avrebbe il 50%) ad un prezzo decisamente più alto.

    Tra le due opzioni, mi sto orientando verso la comproprietà (comunione).

    Vorrei infatti risolvere il problema in maniera definitiva e con una servitù di passaggio potrei avere in futuro problemi in caso di innovazioni o divisioni apportate al mio terreno. Il codice civile (art. 1067, c. 1 e 1071, c. 1) stabilisce, infatti, che in questi casi non deve esserci un aggravamento del peso imposto al fondo servente. Di conseguenza, se ad esempio il terreno agricolo diventasse in futuro edificabile e volessi costruirci sopra un palazzo, dovrei necessariamente rinegoziare la servitù, perché questa innovazione si tradurrebbe inevitabilmente in un passaggio più intenso.

    La comunione, invece, se ho capito bene, mi garantirebbe un utilizzo della strada pieno e indisturbato in eterno, qualsiasi cosa io realizzi sul terreno (palazzi, alberghi, ristoranti, ecc.).

    Secondo voi il mio ragionamento è corretto? La comproprietà mi darebbe realmente libertà assoluta oppure se dovessi costruire in futuro un palazzo sul terreno (oggi agricolo) il mio vicino potrebbe comunque bloccarmi affermando che sto alterando la destinazione originaria della strada comune (art. 1102 c.c.)?

    Grazie
     
  2. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Sto quasi per dormire ma velocemente ti dico che la comproprieta' non ti serve a nulla. Se il fondo dominante ha una necessità evidente quella é e quella rimane. Il fondo servente rimane gravato dalla servitù di passo finché sarà necessaria al fondo dominante. Per ora passo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina