1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. katerbury

    katerbury Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    ho notato che spesso sugli avvisi delle aste immobiliari appare questa dicitura:

    " Trattandosi di esecuzione per credito fondiario, l'aggiudicatario che ai sensi dell'art. 41 comma 5 del D.Lgs. 1/09/1933 n. 385 ha facoltà di subentrare nel contratto di finanziamento/mutuo purchè entro 15 gg dalla data dell'aggiudicazione definitiva versi al creditore fondiario le rate scadute accessori e le spese. "



    Girovagando su internet, ho scoperto che da un pò di anni esiste-in presenza di ipoteca di primo grado- la possibilità di accollarsi il mutuo dell'insolvente; lo strumento può essere interessante, in quanto consente di provvedere con calma ad estinguere le trascrizioni, avendo già il possesso dell'immobile; invece se ci si rivolgesse ad una terza banca nella migliore delle ipotesi procederebbe a erogare pretendendo la contestuale cancellazione delle trascrizioni; essendo pratiche inusuali inoltre si rischia di incappare in sforamenti di tempistiche non consigliabili su immobili all'asta (per il noto termine di 60 gg. del pagamento).

    In merito a questa utile legge non è però chiaro cosa succede nel caso in cui (quasi sempre) l'asta viene aggiudicata ad un prezzo inferiore all'ammontare del mutuo residuo. Avverrà l'accollo in percentuale? Esempio: mutuo residuo di 150mila euro, immobile aggiudicato a 100mila euro; mi accollo solo i 100mila oppure è una prassi conveniente solo nel caso specifico di finanziamento residuo inferiore al prezzo di aggiudicazione? E le rate scadute? Devono essere interamente pagate o sempre per quota parte?

    Inoltre mi chiedo: nel caso in cui ci siano ulteriori pignoramenti sulla stessa procedura, gli altri procedenti rimangono con il "cerino" in mano?? (cosa possibile quando si tratta di ipoteca di primo grado)

    Concludo comunque dicendo che a mio parere se ci si orienta verso un immobile all'asta è preferibile avere una terza via di uscita (ergo, disponibilità della somma anche attraverso prestiti familiari) per scongiurare l'odiosa possibilità di perdere la caparra a causa i ritardi burocratici.


    Grazie a tutti coloro che vorranno chiarirmi le idee!

    :)
     
  2. DIEGO BIR

    DIEGO BIR Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    interessante
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina