• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Elementare

Membro Junior
Agente Immobiliare
Buonasera a tutti. Sono nuovo in questo forum, spero quindi di postare nella sezione giusta.
Proverò a buttar giù due righe per ottenere un consiglio da voi, sperando di ottenere risposta

Vado per i 26 anni, e lavoro in Tecnocasa, prima a Firenze, ora a Milano, in totale da un’anno scarso circa.
Tra la quarantena e il periodo particolare ammetto di vivere al momento un periodo di vacillamento, non so se legato al periodo stesso, o alla nostra metodologia di lavoro che non andrò a spiegarvi, dando per scontato che voi la conoscI ate meglio di me.
Avendo un caro amico di mio padre che per anni ha lavorato in Re/Max, devo ammettere che questa realtà mi sembra piuttosto appetibile ultimamente. E spero di non esagerare nel confessarvi. che nel mio ruolo attuale in Tecnocasa mi sento denigrato da “collaboratore” a “suonatore di campanelli” in stile Folletto, cosa che, arroganza a parte, mi fa sentire a disagio con me stesso.

Per non parlare della realtà economica, legata a contratti inesistenti, legami di collaborazione in ritenuta (ma che di reale collaborazione non sono, non potendo farlo io anche con altre agenzie ma essendo vincolato all’ufficio stesso)..insomma, diciamo in sintesi un qualcosa che non è ne carne né pesce e concede agli affiliati, per quanto nelle persone, di avere la moglie ubriaca e la botte piena.
Voglio formarmi, crescere, apprendere, e non penso che continuare a suonare, acquisire e se va bene, prendere incarichi in questo modo sia la chiave giusta per la mia crescita..
Vorrei quindi chiedervi se siete dispostI a spiegarmi brevemente se passando in Re/Max, (o in realtà simili ma comunque non Tc) finirei finalmente per veder crescere davvero la mia figura, con un pizzico di fortuna ma tanto impegno, partendo da 0 si, ma in un mondo totalmente diverso; o se questo stile di lavoro di scampanellare e stalkerizzare a mio parere un po’ umiliante, per quanto formante, sia presente anche nelle altre realtà lavorative.
E sopratutto credete sia presto per me avventurarmi in un mondo in stampo Remax, dal punto di vista economico ecome questo, o se sia forse il caso di rimanere ancora un po’ in Tecnocasa a sputare sangue.

Qualora tra di voi ci fosse un qualche collega in Tc, spero non mi attacchiate, sto solo esprimendo emozioni e pensieri personali, pensieri soggettivi e forse per molti di voi, sbagliati.

Grazie a tutti in anticipo! Spero mi aiutiate a riflettere
 

cristian casabella

Membro Senior
Agente Immobiliare
Ciao, per quello che so, anche se non per esperienza diretta, sono effettivamente 2 mondi totalmente differenti, almeno per quanto riguarda gli agenti/collaboratori
Tecnocasa fa come già hai descritto tu
Remax in genere non cerca assolutamente acquisitori, ma agenti/collaboratori con già esperienza e propri contratti, proponendo un fisso di spese a carico dell agente per utilizzo ufficio, scrivania, ecc con supplemento per utilizzo di carta e stampante, chiedendo in cambio una quota della mediazione eventualmente percepita dall agente/collaboratore
 

Elementare

Membro Junior
Agente Immobiliare
Ciao, per quello che so, anche se non per esperienza diretta, sono effettivamente 2 mondi totalmente differenti, almeno per quanto riguarda gli agenti/collaboratori
Tecnocasa fa come già hai descritto tu
Remax in genere non cerca assolutamente acquisitori, ma agenti/collaboratori con già esperienza e propri contratti, proponendo un fisso di spese a carico dell agente per utilizzo ufficio, scrivania, ecc con supplemento per utilizzo di carta e stampante, chiedendo in cambio una quota della mediazione eventualmente percepita dall agente/collaboratore
E la routine quotidiana sarebbe dunque differente? C’è qualche giovane consulente Re/Max che può descrivermi generalmente una giornata lavorativa media?
Sono davvero curioso
 

Andrea Russo

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Ti consiglio decisamente di passare a Re/max: lavori in team, ricevi assistenza e formazione. Non hai alcun fisso ma lavori in modo molto più gratificante.
 

cristian casabella

Membro Senior
Agente Immobiliare
Puoi dirmi di più in privato se conosci bene questa realtà?
Ti conviene chiamare un agenzia e fare un colloquio, comunque se punti su te stesso e vuoi essere indipendente avendo comunque un marchio e colleghi al tuo fianco, Remax può essere la scelta migliore. Spese fisse a tuo carico e percentuale di provvigioni variano a seconda degli accordi
 

Maurosalfo

Membro Junior
Agente Immobiliare
Ciao @Elementare ,
io sono un Agente RE/MAX da 8 anni ormai e se mi scrivi in privato posso metterti al corrente dei pregi e dei difetti, nel senso che non esiste un franchising migliore di un altro, ma un franchising che più si adatta al tuo modo di vedere questo nobile mestiere.
Ditemi quello che vi pare, ma io questo mestiere non lo cambierei con nessun altro al mondo!
 

Elementare

Membro Junior
Agente Immobiliare
Ciao @Elementare ,
io sono un Agente RE/MAX da 8 anni ormai e se mi scrivi in privato posso metterti al corrente dei pregi e dei difetti, nel senso che non esiste un franchising migliore di un altro, ma un franchising che più si adatta al tuo modo di vedere questo nobile mestiere.
Ditemi quello che vi pare, ma io questo mestiere non lo cambierei con nessun altro al mondo!
Non so come si scrive in privato. Mi sono appena iscritto qui! Puoi scrivermi tu?
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Buonasera a tutti. Sono nuovo in questo forum, spero quindi di postare nella sezione giusta.
Proverò a buttar giù due righe per ottenere un consiglio da voi, sperando di ottenere risposta

Vado per i 26 anni, e lavoro in Tecnocasa, prima a Firenze, ora a Milano, in totale da un’anno scarso circa.
Tra la quarantena e il periodo particolare ammetto di vivere al momento un periodo di vacillamento, non so se legato al periodo stesso, o alla nostra metodologia di lavoro che non andrò a spiegarvi, dando per scontato che voi la conoscI ate meglio di me.
Avendo un caro amico di mio padre che per anni ha lavorato in Re/Max, devo ammettere che questa realtà mi sembra piuttosto appetibile ultimamente. E spero di non esagerare nel confessarvi. che nel mio ruolo attuale in Tecnocasa mi sento denigrato da “collaboratore” a “suonatore di campanelli” in stile Folletto, cosa che, arroganza a parte, mi fa sentire a disagio con me stesso.

Per non parlare della realtà economica, legata a contratti inesistenti, legami di collaborazione in ritenuta (ma che di reale collaborazione non sono, non potendo farlo io anche con altre agenzie ma essendo vincolato all’ufficio stesso)..insomma, diciamo in sintesi un qualcosa che non è ne carne né pesce e concede agli affiliati, per quanto nelle persone, di avere la moglie ubriaca e la botte piena.
Voglio formarmi, crescere, apprendere, e non penso che continuare a suonare, acquisire e se va bene, prendere incarichi in questo modo sia la chiave giusta per la mia crescita..
Vorrei quindi chiedervi se siete dispostI a spiegarmi brevemente se passando in Re/Max, (o in realtà simili ma comunque non Tc) finirei finalmente per veder crescere davvero la mia figura, con un pizzico di fortuna ma tanto impegno, partendo da 0 si, ma in un mondo totalmente diverso; o se questo stile di lavoro di scampanellare e stalkerizzare a mio parere un po’ umiliante, per quanto formante, sia presente anche nelle altre realtà lavorative.
E sopratutto credete sia presto per me avventurarmi in un mondo in stampo Remax, dal punto di vista economico ecome questo, o se sia forse il caso di rimanere ancora un po’ in Tecnocasa a sputare sangue.

Qualora tra di voi ci fosse un qualche collega in Tc, spero non mi attacchiate, sto solo esprimendo emozioni e pensieri personali, pensieri soggettivi e forse per molti di voi, sbagliati.

Grazie a tutti in anticipo! Spero mi aiutiate a riflettere
In remax si deve avere esperienza, portafoglio clienti ed indipendenza, lavori da troppo poco, consiglio di andare avanti con la gavetta.
 

cristian casabella

Membro Senior
Agente Immobiliare
Veramente ha scritto che non ha neanche il patentino
Infatti il suo consiglio è quello di cominciare facendo gavetta. Detto questo, per fortuna o purtroppo, per avere esperienza, portafoglio clienti e indipendenza, non è necessario avere l'iscrizione in cciaa, quindi quello che una volta si chiamava Patentino
 

cristian casabella

Membro Senior
Agente Immobiliare
Conosco miei coetanei che hanno iniziato subito in Remax. E hanno avuto notevoli risultati però..
L'età da sola non c'entra niente.... comunque sono 2 cose ben diverse, Remax è come se fossi autonomo, pagando quota parte spese ufficio e tenendo per se la maggior parte della provvigione, Tecnocasa invece riconosce un minimo di paga, provvigioni basse e zero spese a tuo carico. Ovviamente in Remax bene o male fai quello che ti pare, senza obblighi di orari o presenze in ufficio mentre in Tecnocasa è il contrario.... Ovvio che se poi non vai bene, ti silurano sia uno che l altro
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Robertagall ha scritto sul profilo di PyerSilvio.
Buonasera Pyer. Da qualche anno lavoro per una rete immobiliare; ho iniziato come segretaria per poi avere, due mesi fa, l'opportunità di uscire per fare il commerciale, cosa che mi piace molto!
Salve,ho fatto una proposta di acquisto per una casa e o pagato la caparra 3000 € ed è stata accettata pero la proprietaria ha modificato la data e a aumentato le spese condominiali.
La proposta e stata fatta in agenzia e si doveva concludere il 15 luglio e con le modifiche fate del proprietario siamo arrivati a fine luglio.
Ora io non lo so come mi devo comportare perché non mi sembra giusto di cambiare le cose
Alto