1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. rox90

    rox90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    espongo subito il mio problema: ho due coniglietti nani, che da sempre stanno nella mia camera. Per motivi di studio quest'anno ho chiesto il trasferimento a Trieste, e nel caso me lo dessero dovrei trasferirmi i primi di ottobre, e dovrei prendere casa con altri studenti. Il problema è che Trieste non offre molti alloggi, inoltre ormai sono quasi tutti pieni. Sto cominciando a cercare una possibile sistemazione, ma ovviamente sono "costretta" a portare con me i miei 2 conigli.
    Il problema è che alcuni proprietari (quasi tutti, in realtà) sulla scheda dell'annuncio specificano che gli animali non sono ammessi. La mia domanda è quindi questa: posso, una volta trovata la stanza giusta, non dire nulla al proprietario dei conigli e, dopo aver letto e firmato il contratto (ovviamente dopo aver controllato che non vi siano clausole inerenti il divieto di tenere animali) sempre senza dir nulla al proprietario , portare i conigli a vivere con me? Rischio qualcosa? il proprietario avrebbe qualcosa cui aggrapparsi per farmeli togliere o cacciarmi?
    Ai coinquilini potrei anche accennarlo, ma non gli chiederei il permesso. Anche perchè i conigli starebbero unicamente in camera mia, non dando fastidio in alcun modo agli altri e non mettendo a rischio di danni le parti comuni della casa. Ovviamente se dovessero far danni (fin'ora non è mai capitato, ma non si sa mai!), questi sarebbero totalmente a mio carico.

    Ho letto qualche articolo riguardante la nuova legge a proposito, e se l'ho capita bene, dice che il regolamento condominiale non può vietare animali (anche se il divieto dovesse comparire sul regolamento) mentre potrebbe vietarli (ma solo se è specificato sul contratto d'affitto) il padrone di casa, giusto? e per quanto riguarda i coinquilini? hanno voce in capitolo?

    Ripeto, non si tratta di cani che abbaiano o di gatti che scorrazzano nelle parti condominiali comuni.. si tratta di conigli, animali molto tranquilli e silenzioni, che starebbero solo in camera mia..

    Cosa ne pensate?
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se contrattualmente non e' previsto non puo' opporsi.
    Per quel che riguarda la modifica all'articolo 1138 vale solo per i futuri regolamenti non per quelli passati che restano efficaci e se sono regolamenti condominiali di natura contrattuale se trascritti sono opponibile ai terzi quindi anche a te a prescindere dal contratto di locazione.
    Per quel che riguarda il rapporto con i coinquilini fossi in te li metterei al corrente e chiederei il loro assenso perche' a prescindere che abbiano o meno voce in capitolo (qui bisogna vedere come regolerete contrattualemtne i vostri rapporti) ci devi convivere.
     
  3. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Penso che mal che vada una sera potrai pur sempre cenare a base di coniglio in salmì con i tuoi coinquilini :sorrisone:
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  4. rox90

    rox90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    lo spiritosono che fa questa battuta non manca mai...andiamo avanti! ;)

    od1n0: se leggi questo però *purtroppo non mi fanno inserire il link, quindi riporto più sotto ciò che c'era scritto* , sembrerebbe che il regolamento condominiale non valga, mentre è valido solo ciò che c'è scritto nel contratto di locazione!

    "Anche chi, per allontanare dal condominio un animale indesiderato, faccia leva
    sull'esistenza di un regolamento condominiale che vieta la detenzione di animali,
    deve essere smentito. La giurisprudenza ha infatti a questo proposito affermato che
    detti regolamenti devono essere ritenuti nulli nelle clausole in cui vietano la
    detenzione di animali domestici nelle abitazioni private, poiché non può essere limitato
    il diritto di proprietà di ciascuno sul proprio bene (comma 4 dell’articolo 1138 del
    Codice Civile:”Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i
    diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti d’acquisto e dalle convenzioni …”,
    nonché Cassazione civile sez. II, 4 dicembre 1993, n. 12028; Tribunale Piacenza 10
    aprile 1990). Il possessore di uno o più animali che abita in un appartamento in affitto
    può essere costretto ad allontanare i suoi animali solo nel caso di obbligo contrattuale,
    ovvero di divieto esplicito alla detenzione di animali sottoscritto nel contratto di
    locazione. Se nel contratto non è prevista questa clausola, gli animali possono
    rimanere nell'appartamento , anche nel caso in cui i regolamenti condominiali lo
    vietino."
     
  5. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino


    Il conduttore non e' un condomino.
    Le sentenze che hai citato si riferiscono ai regolamenti non contrattuali.
    Io mi riferivo ai regolamenti contrattuali trascritti.

    In tema di condominio di edifici il divieto di tenere negli appartamenti comuni animali domestici non può essere contenuto negli ordinari regolamenti condominiali, approvati dalla maggioranza dei partecipanti, non potendo detti regolamenti importare limitazioni delle facoltà comprese nel diritto di proprietà dei condomini sulle porzioni del fabbricato appartenenti ad essi individualmente in esclusiva, sicché in difetto di un'approvazione unanime le disposizioni anzidette sono inefficaci anche con riguardo a quei condomini che abbiano concorso con il loro voto favorevole alla relativa approvazione, giacché le manifestazioni di voto in esame, non essendo confluite in un atto collettivo valido ed efficace, costituiscono atti unilaterali atipici, di per sé inidonei ai sensi dell'art. 1987 c.c. a vincolare i loro autori, nella mancanza di una specifica disposizione legislativa che ne preveda l'obbligatorietà.

    * Cass. civ., sez. II, 4 dicembre 1993, n. 12028.



    La detenzione di animali in un condominio, essendo la suddetta facoltà una esplicazione del diritto dominicale, può essere vietata solo se il proprietario dell'immobile si sia contrattualmente obbligato a non detenere animali nel proprio appartamento, non potendo un regolamento condominiale di tipo non contrattuale, quand'anche approvato a maggioranza, stabilire limiti (oneri reali e servitù) ai diritti ed ai poteri dei condomini sulla loro proprietà esclusiva, salvo che l'obbligo o il divieto imposto riguardino l'uso, la manutenzione e la eventuale modifica delle parti di proprietà esclusiva, e siano giustificati dalla necessità di tutelare gli interessi generali del condominio, come il decoro architettonico dell'edificio.
    * Trib. civ. Piacenza, sez. II, 10 aprile 1990, n. 231, Copelli c. Cassi e Paganuzzi, in Arch. loc. e cond. 1990, 287.
     
  6. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Dunque se uno vieta per contratto al Conduttore di tenere animali domestici o meno in casa, questi malgeado il Regolamento lo preveda non potrà avvalersi di questa opportunità?[DOUBLEPOST=1378698106,1378697767][/DOUBLEPOST]Dunque basta insrire apposta clausola di divieto sul contratto di locazione ed il Conduttore, malgrado il Regolamento Condominiale lo preveda non potrà tenere animali domestici o meno?
     
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Si se viene previsto nel contratto e' una violazione contrattuale. MA anche se e' previsto nel regolamento contrattuale trascritto e manca nel contratto puo' essere opposto al conduttore. Invece nel caso sia previsto solo nel regolamento ordinario e non nel contratto allora puo' tenerli.
     
    A topcasa piace questo elemento.
  8. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non si finisce mai d'imparare grazie
     
    A od1n0 piace questo elemento.
  9. rox90

    rox90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    quindi..scusate ma voglio chiarire per bene:
    locatore=padrone di casa, locatario/conduttore=inquilino.
    quindi: il locatore può, solo con divieto apposito inserito nel contratto di locazione, impedire al locatario di tenere animali, MA, se sul contratto non è stata inserita questa clausola, e nonostante ciò che dice il regolamento condominiale, l'inquilino può tenere gli animali.. o no?
     
  10. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se e' un regolamento condominiale contrattuale trascritto l'inquilino deve adeguarsi.
    Se invece e' un regolamento ordinario no.
     
  11. rox90

    rox90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ....e nel momento in cui firmo il contratto di locazione, come faccio a sapere che tipo di regolamento ha il condominio?
     
  12. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ne ricevi colloquio.
     
  13. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    :shock: :shock: :shock: non capisco la frase :affermazione: :domanda: :domanda:
     
  14. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Copia..... maledetto T9
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina